mercoledì 27 Gennaio 2021

La rete capillare del Pd, una comunità che abbraccia il mondo
L

Raccontare la politica al tempo del Covid è il titolo dell’iniziativa che abbiamo organizzato come gruppo PD in Germania, con il sostegno della rete del PD nel mondo.
Ci siamo confrontati sulla comunicazione politica all’estero, insieme ad Alessandro Capelli, tra i coordinatori di Immagina.
Siamo una rete di persone e di comunità diffusa letteralmente in ogni Continente. L’incontro è stato possibile grazie al supporto delle nuove tecnologie della comunicazione: mentre in Italia, ma non solo, la pandemia ha di fatto obbligato tutte e tutti, in ogni ambito della vita quotidiana, ad adattarsi a nuove forme di comunicazione, di lavoro, di impegno politico e civile, all’estero la rete dei circoli PD ha da tempo dovuto fare i conti con la tecnologia e con l’innovazione per far fronte alle enormi distanze che caratterizzano questa speciale realtà di impegno politico.
Essere connessi, incontrarsi, seppur attraverso un computer, è da sempre fondamentale per coordinarsi e fare un lavoro politico quanto più concreto e “territoriale”. Covid-19 ha accelerato processi di innovazione in modo prepotente, sconvolgendo le vite di milioni di persone. Se è vero che tutto non sarà più come prima, e siamo convinti che sia così, c’è da interrogarsi con urgenza su come adattarci al meglio a questi cambiamenti e migliorarci.

Anche la Politica dovrà interrogarsi. Anche i partiti dovranno adattarsi a questi cambiamenti epocali.

Le esperienze condivise dai partecipanti a questo confronto hanno posto l’accento sulla necessità di dare inizio a una maggiore e più forte interazione tra la realtà del partito in Italia e le sue strutture all’estero, in una logica di reciprocità. Le esperienze che queste comunità possono mettere a disposizione del Paese sono uniche e rappresentano “un di più” che può essere determinante per le forze progressiste della sinistra – non solo del PD – nella battaglia contro il populismo e la destra radicale, che in Italia come altrove nel mondo hanno ripreso forza.

L’incontro che si è potuto organizzare, annullando i confini geografici e temporali, grazie all’uso dei nuovi mezzi di comunicazione, ha già creato una base per una cooperazione che speriamo possa svilupparsi ulteriormente per dare al nostro impegno un carattere ancora più internazionale, arricchito di prospettive nuove per guardare ed affrontare le enormi sfide che la pandemia ha prodotto oggi, così come quelle che certamente avremo anche in futuro.

Siamo convinti che l’esperienza della doppia militanza nei partiti socialdemocratici in Europa, come nel resto del mondo, possa portare prospettive, idee e proposte nuove e utili anche per l’Italia.
Una comunità che abbraccia il mondo, letteralmente, ancorata ai valori dell’uguaglianza, della solidarietà e dell’equità e che in Italia ha nel Partito Democratico il suo riferimento istituzionale ed organizzativo.

Nessun’altra forza politica come il PD ha una tale rete, così diffusa e capillare nel mondo – dal Canada all’Argentina, passando per gli USA, dal Brasile all’Australia per arrivare all’Europa – a disposizione. Un vero e proprio vantaggio competitivo politico che sicuramente sarà compreso e valorizzato nella sua interezza.

L’autore è segretario del circolo Pd Berlino 

Più letti

Il Paese ha bisogno di risposte. Servono responsabilità, visione e qualità

Il testo della relazione introduttiva del segretario del Pd Nicola Zingaretti alla Direzione nazionale del Pd del 27 gennaio 2021 Nella riunione del nostro gruppo...

Il racconto della Shoah nella voce dei “nati dopo”. Emanuele Fiano a Radio Immagina

"C'è la necessita di saper narrare quale sia il livello più basso a cui può arrivare  l'umanità quando muore la libertà, quando muore la...

Ricordare il futuro. Nel nome di chi è venuto prima, nell’amore per chi verrà dopo

“Ricordare il futuro”. Tre parole soltanto, ma sono bastate a David Grossman per trasmettere il senso profondo della memoria. Quella che facciamo coincidere con...

La Memoria per tenere viva la democrazia

Non dite mai che non potete fare, non è vero. Ognuno di noi è fortissimo e responsabile di se stesso. Dobbiamo camminare nella vita,...

Articoli correlati

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Radio Immagina – “Una storia americana”, conversazione con Francesco Costa

Una conversazione sul presente e sul futuro dell'America. Biden è la persona giusta al momento giusto? Quale sarà il ruolo di Kamala Harris? Su...

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...