domenica 17 Gennaio 2021

Centrodestra e Morra riflettano: l’Antimafia non si può fermare
C

La scelta del centrodestra di non partecipare ai lavori della commissione Antimafia, per protestare contro le dichiarazioni del Presidente Morra, certamente improvvide e sbagliate sui calabresi e sulla compianta Jole Santelli, merita alcune riflessioni. Occorre guardare agli effetti che quella scelta può avere sul funzionamento di una Istituzione che ha storicamente, in oltre 50 anni di vita, rappresentato un punto di riferimento fondamentale per la lotta alle mafie.

Se è legittima e giustificata la protesta del centrodestra, non credo lo sia la scelta del boicottaggio che, peraltro, Forza Italia già attuò nella scorsa legislatura contro Rosy Bindi. Non lo è perchè è evidente che così non si colpisce o penalizza soltanto il Presidente, ma si mina e si interrompe il lavoro della commissione stessa. Aggiungo che, e su questo credo che il centrodestra debba fare una riflessione coraggiosa, questa discussione e la legittima indignazione per esternazioni che un rappresentante delle istituzioni non può permettersi, non può portare alla rimozione dell’ennesima inchiesta che conferma il radicamento in Calabria della ‘Ndrangheta e i suoi rapporti consolidati con l’economia e la politica.

Dare l’idea che la politica preferisca parlarsi addosso rinunciando ad affrontare un tema, quello della lotta alle mafie, decisivo per il futuro non solo della Calabria ma dell’intero Paese, colpisce la credibilità non solo della commissione, ma della politica stessa. La credibilità delle istituzioni e il loro impegno quotidiano nel contrasto alle organizzazioni criminali è decisiva per combattere le mafie.

Così come è decisivo che tutta la politica faccia della lotta alle mafie una priorità, un terreno in cui le differenze devono passare in secondo piano di fronte all’impegno comune per liberare il Paese da un cancro che ne condiziona lo sviluppo economico, sociale e democratico. Se è così qualunque scelta deve essere fatta e pensata guardando alla necessità di rilanciare il lavoro della commissione e l’impegno contro le mafie. Soprattutto oggi, mentre tanti lanciano l’allarme sul ruolo che le organizzazioni criminali possono conquistarsi durante la crisi, credo questo debba essere un imperativo politico e morale per tutti.

Per il PD serve tornare a parlare di lotta alle mafie e a lavorare per combatterle, togliendo questo argomento dalla polemica politica. Sarebbe importante se fosse il Presidente Morra a fare un primo passo, sottraendosi finalmente alle polemiche, e rendendosi disponibile ad aprire una riflessione comune sul funzionamento dell’Antimafia, sugli obbiettivi del suo lavoro da qui a fine legislatura, sul suo stesso ruolo che non può essere diverso da quello di rappresentante di una istituzione, rispettoso di tutte le opinioni, consapevole di non poter prescindere dal funzionamento della commissione.

Abbiamo tutti la responsabilità di rilanciare la commissione e di rafforzare la lotta alle mafie e questa consapevolezza deve portare tutti a fare un passo indietro, chiudere con le polemiche e ripartire.

Franco Mirabelli è vice presidente dei senatori del Pd e capogruppo dem in commissione Antimafia

Più letti

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Zingaretti: “Crisi di governo incomprensibile, scelta di Italia Viva contro l’Italia”

Di seguito le dichiarazioni rilasciate al Tg1 dal segretario del Pd Nicola Zingaretti: "Quello di Italia Viva è un errore gravissimo contro l'Italia, perché noi...

Bologna aspetta Patrick Zaki, diventato cittadino onorario con un voto all’unanimità

Il Comune di Bologna ha conferito la cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki “riconoscendo nella sua figura quei valori di libertà di studio, di...

Pensare la riforma secondo un nuovo modello di Pubblica Amministrazione

L’Unione Europea ci chiede di riformare la Pubblica Amministrazione. Uno Stato moderno non può rinunciare, al di là di un sistema d’imprese tarato sull’innovazione...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...