giovedì 13 Maggio 2021

La premessa della Liberazione, oggi come allora, è il rispetto dei diritti umani
L

Non voglio levare ad altri, ma la nostra piazza Duomo coi suoi 25 aprile è sempre stata un po’ il simbolo di una Milano-Italia di tanti tormenti, vicende e speranze.
Tornerà il corteo, tornerà! Intanto portiamo un fiore e omaggiamo targhe e luoghi.
Però mi piace immaginare come sarebbe stato vederci ai Bastioni di Porta Venezia e poi camminare o correre o cantare. Grideremmo ancora una volta, grazie!
Senza il coraggio e l’intelligenza della Resistenza io mi vedrei misera, ci vedrei miseri, spogliati di identità e di orgoglio. Quei giganti, uomini e donne mentre rischiavano, morivano, sapevano pensare il dopo e progettare la democrazia. E mi dico che il corteo oggi avrebbe raccolto l’indignazione per l’ultima tragedia nel Mediterraneo, corpi come relitti e la richiesta di aiuto negata. Ci saremmo confidati che questa pandemia non può distogliere i nostri sguardi da un mondo guasto, malato di guerre, violenze, fame.
Interessi, profitti predatori, fondamentalismi strappano le radici di parole come “dignità” e valore di ogni “persona” riscattate dalla Liberazione dopo il baratro delle leggi razziali e della Shoah.
In Parlamento voteremo il Piano di ripartenza e resilienza, si accelerano le vaccinazioni. A proposito, vaccino a tutti fino agli angoli più poveri del pianeta. Ma una nuova Italia, una nuova Europa più ecologiche, tecnologiche, digitalizzate e col lavoro hanno una precondizione racchiusa nella promessa morale dei diritti umani. Senza di questo si tornerebbe come prima e la democrazia, preziosa quanto fragile, rischierebbe perché offuscata nel suo senso profondo.
Liliana Segre si è recata al Senato per votare l’ordine del giorno sulla cittadinanza a Patrick ZaKi. Ha detto che era lì perché sarà presente ovunque si lotti e si alzi la voce per la libertà. Ecco perché istituzioni e governi, anche il nostro, dopo questo ennesimo dramma tra la Sicilia e la Libia, hanno un dovere: pretendere prima di tutto da sé stessi di agire per la salvezza di esseri umani e con essi dell’anima dell’Europa, laica o credente che sia.
Il PD, la sinistra, possono dire “via i mercanti dal tempio” e che di troppo realismo muoiono creature e pianeta. Altri no. Altri, destre, oscurantisti, demagoghi, vogliono contrapporre i diritti e usarli per dividere bisogni, sentimenti, persone. Il metodo per loro è sempre lo stesso, l’uso di paure, di solitudini, l’offesa alle donne e l’insinuarsi negli smarrimenti dei giovani. Eppure proprio le ragazze e i ragazzi globalmente intonano Bella Ciao.
Allora e con affetto, Buon 25 Aprile, per l’uguaglianza, la pace, la libertà. Sempre.

Più letti

Sicurezza sul lavoro, dalle parole ai fatti. Con Cesare Damiano, Angelo Colombini e Patrizia Sannino

Torniamo a parlare di sicurezza sul lavoro. Troppo spesso si abbassa la guardia su questo fronte, invece bisognerebbe parlarne costantemente. Solo nel 2020 le...

Made in Italy e Ue, la battaglia delle etichette nutrizionali

C’è una battaglia legislativa in corso in Europa, un confronto per provare a stabilire quale etichetta nutrizionale degli alimenti debba essere adottata da tutti...

Tesseramento Pd, un partito con occhi nuovi. Ora di Punta con Stefano Vaccari

Notizie, approfondimenti, contributi sull'attualità politica e non solo Conduce Cristiano Bucchi

Il dramma Colombia e il focolaio America Latina. Dialogo con Alfredo Somoza

Con la nostra analisi ci spostiamo in Colombia, dove impazzano le proteste contro il governo guidato da Ivan Duque. E’ dal 28 aprile, infatti, che...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Si comincia con L’Intervista, di...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Si comincia con L’Intervista, di...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Si comincia con L’Intervista, di...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Si comincia con L’Intervista,...

L’incredibile viaggio della casa di Rosa Parks

  Una storia che ha dell'incredibile, che parte dall'America segregazionista degli anni '50 per arrivare qualche mese fa in Italia, e in particolare a Napoli. Protagonisti...