Critica cinematografica e nuovi media: quell’inquieto oggetto del desiderio

Sollecitati da innumerevoli stimoli, con i social, i siti, le piattaforme tutte che ci trasmettono palesi e meno palesi suggerimenti di consumo, fra i quali una parte importante spetta ai contenuti culturali e di intrattenimento, i lavoratori culturali, in primis i critici, sembrano un po’ smarrire il ruolo di mediazione che li caratterizza da sempre. Come stia navigando in questo mare lo chiediamo a uno che lo solca da un po’ e a cui ci siamo affidati varie volte dai microfoni di Radio Immagina quando abbiamo parlato di cinema: Francesco Alò.

L’appuntamento culturale di Radio Immagina a cura di Sara Guabello.
Musica, libri, spettacolo e non solo

[add_meta_serialized key=”td_post_audio” value='{“td_audio”:”https://radio.immagina.eu/files/podcasts/15/immagina/visioni%20Critica-cinematografica-e-nuovi-media-quellinquieto-oggetto-del-desiderio_17-02-2022_14-05.mp3″}’]
[add_meta key=”audio_url” value=”https://radio.immagina.eu/files/podcasts/15/immagina/visioni%20Critica-cinematografica-e-nuovi-media-quellinquieto-oggetto-del-desiderio_17-02-2022_14-05.mp3″]