mercoledì 20 Gennaio 2021

L’aumento dei contagi danneggia l’economia più dei lockdown. Parola del Fondo monetario internazionale
L

I casi di coronavirus, confermati dalla Protezione civile, negli ultimi giorni hanno avuto un grande incremento nel nostro Paese: nonostante il record di tamponi, l’8 ottobre sono stati 4.458 nuovi casi e 22 i morti. Un incremento costante che preoccupa non solo per la salute delle persone ma anche per la possibilità di nuove chiusure.

Secondo il Fondo Monetario Internazionale, però, ciò che dovrebbe preoccuparci davvero, non sono tanto i lockdown ma gli stessi contagi. Sono gli stessi contagi, infatti, a provocare nel medio termine i danni peggiori alle economie dei paesi colpiti dal coronavirus. L’Fmi, in un capitolo del World Economic Outlook appena diffuso, invita quindi a “riconsiderare la narrativa prevalente sui lockdown” secondo cui sarebbe necessario “un compromesso tra salvare vite umane e sostenere l’economia”.

L’analisi spiega come questa visione “trascura il fatto che i lockdown efficaci adottati nelle prime fasi di un’epidemia possono portare a una ripresa economica più rapida” dal momento che “contengono il virus e riducono il distanziamento sociale ‘volontario'”, cioè quello che le persone adottano mettendo in atto comportamenti prudenti, limitando gli spostamenti e quindi riducendo spese e consumi. Nel medio termine i benefici collegati con una ripresa più veloce “possono compensare i costi a breve termine dei lockdown, probabilmente con effetti complessivi positivi sull’economia” spiega il Fondo.

Ciò che determina la stragrande maggioranza dei danni economici è, però, una riduzione della mobilità delle persone; per questo l’Fmi stima che “un raddoppio dei casi giornalieri porta a una contrazione della mobilità di circa il 2%”. Ma – si spiega – dal momento che in questo calo degli spostamenti e dei contatti diretti c’è “una forte componente di distanziamento ‘volontario’ ” se ne deduce che “eliminare i lockdown può comportare solo un parziale rimbalzo dell’attività economica se persistono i rischi per la salute”.

Insomma, “le persone si sentono a disagio nel riprendere la mobilità anche in caso di eliminazione dei lockdown se percepiscono ancora un rischio considerevole di contrarre o diffondere il virus”. Di qui l’invito del Fondo ad abbandonare l’idea “di revocare prematuramente i lockdown nella speranza di far ripartire l’attività economica”.

Visto l’impatto dei lockdown, si legge quindi in un capitolo del World Economic Outlook, i governi “dovrebbero perseguire metodi alternativi per contenere le infezioni che possono comportare costi economici a breve termine inferiori rispetto ai blocchi totali, come l’aumento dei test, la tracciabilità dei contatti, la promozione dell’uso di mascherine facciali e l’incoraggiamento del lavoro da casa“. “Man mano che la comprensione della trasmissione del virus migliora – si sottolinea – i paesi potrebbero adottare misure mirate piuttosto che lockdown improvvisi, ad esempio concentrandosi sulla protezione delle persone vulnerabili e limitando i raggruppamenti in spazi chiusi”.

Il consiglio migliore che possiamo darci è quindi quello di continuare a rispettare le regole: distanziamento sociale, uso della mascherina, igienizzare le mani e scaricare l’App Immuni.

Più letti

Al via Radio Immagina, dalla parte delle persone

Ormai ci siamo. Una nuova avventura editoriale, una nuova voce prende vita. È la voce del Partito Democratico, dei suoi iscritti, della sua comunità,...

Grazie a Macaluso, l’uomo che non ha mai smesso di “vivere la politica”

Emanuele Macaluso non era un uomo facile. La sua sincerità lo spingeva a dire le cose come le vedeva e le pensava. E talora...

La nuova versione del Recovery Plan, le richieste del PD e il riformismo immaginario

La prima bozza del Recovery Plan non ci piaceva. Lo abbiamo detto a Conte e ai ministri. Ritenevamo sbagliato urlarlo, additando al pubblico ludibrio...

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...