mercoledì 20 Gennaio 2021

App Immuni e Privacy: cosa vuol dire che i dati sono criptati?
A

Il Governo Italiano è impegnato in queste ore per promuovere l’uso della oramai famosa App Immuni. Si sente dire, da media e telegiornali, che l’app è sicura e che i dati sono criptati e inaccessibili ad occhi indiscreti. Cosa vuol dire tutto questo? Possiamo davvero stare sicuri e fidarci o la nostra privacy è a rischio? Cerchiamo di fare chiarezza e di spiegare, forse banalizzando ma in modo comprensibile a tutti, in che modo vengono gestiti i nostri dati personali dalla App Immuni contro il Covid-19.

Come funziona l’App Immuni e cosa vuol dire che i dati sono criptati

Qualche mese fa abbiamo già parlato di questa App per il tracciamento dei contagi da Covid-19. Abbiamo visto come scaricarla e come registrarsi al servizio. Oggi il Governo Italiano è impegnato in una campagna per promuoverne l’uso massiccio da parte degli italiani. Molti hanno già effettuato il download ma qualcuno è ancora dubbioso: la nostra privacy è a rischio? L’app Immuni può monitorare la mia posizione rendendomi rintracciabile e identificabile? Facciamo un po’ di chiarezza vedendo innanzi tutto come funziona.

L'App immuni garantisce la privacy e serve a tracciare i contagi da Covid-19

Dopo aver scaricato e installato l’applicazione dobbiamo registrarci. Non verranno chiesti dati personali in questa fase. Tutto quello che dobbiamo fare è abilitare e autorizzare l’uso del bluetooth. Fine. Al resto penserà l’applicazione. In che modo? Ipotizziamo che io, in una giornata tipo, prenda la metropolitana, faccia colazione al bar e poi vada in ufficio. Finita la mia giornata di lavoro ipotizziamo che io mi fermI a fare la spesa, prenda ancora i mezzi pubblici e infine me ne rientri a casa. Durante l’arco della giornata l’App Immuni è rimasta attiva e ha scambiato informazioni anonime e criptate con gli smartphone delle persone con cui sono entrato a contatto (qualche metro di distanza). Questi dati, come dicevo, sono criptati (vedremo tra poco cosa vuol dire) e immagazzinati direttamente sui nostri dispositivi mobili (il cellulare). Cosa accade se una delle persone che ho incontrato risulta positiva al Covid-19?

Se una delle persone che ho incontrato risultasse positiva al tampone anti covid e inserisse la sua positività nella App Immuni, automaticamente, il sistema invierà una notifica a tutti i cellulari con cui il contagiato è entrato in contatto. Nell’avvisare gli altri smartphone non viene detto dove e quando è avvenuto il contatto (queste informazioni non sono proprio memorizzate). Veniamo semplicemente avvisati del fatto che siamo stati vicino ad una persona – poi rivelatasi positiva al Covid – per una durata di tempo superiore ai 10-15 minuti. Se ciò accadesse e se ricevessimo un alert simile dalla App Immuni è nel nostro interesse (e non è un obbligo) avvisare il medico, restare chiusi in casa e metterci in lista per un tampone.

L’app Immuni e i rischi per la privacy. I dati sono criptati: cosa vuol dire?

Veniamo ora al tema più sensibile: l’App Immuni garantisce la nostra Privacy? Cosa vuol dire che i dati sono criptati? Quali dati vengono memorizzati? Sono rintracciabile? Facciamo chiarezza iniziando a spiegare cosa significa che i dati sono criptati.

Immaginiamo di voler inviare un messaggio alla nostra amante Paperina. Prendiamo un foglio di carta e scriviamo la frase “Ciao Paperina. Come stai?” Ovviamente è la nostra amante e non vogliamo far sapere a nessuno cosa le abbiamo scritto. Codificherò quindi il messaggio in modo che solo noi e Paperina possiamo decifrarne il contenuto. Il messaggio diventerà simile a “1e3f27bc5ef3de80126890445505fbe9”. Incomprensibile, giusto? Se qualcuno leggesse il nostro messaggio non capirebbe nulla! Ovviamente la chiave per decifrare questo messaggio la invieremo a Paperina che poi potrà leggere cosa le abbiamo scritto. Banalizzando tantissimo questa è la criptografia.App Immuni: cosa vuol dire che i dati sono criptati?

App Immuni: cosa vuol dire che i dati sono criptati? (credit: https://it.wikipedia.org/wiki/Crittografia_asimmetrica)

La App Immuni garantisce la nostra privacy salvando l’elenco dei cellulari con cui siamo entrati in contatto direttamente nel nostro dispositivo e in modo criptato. Il fatto che questo elenco sia codificato e impossibile da decifrare ad occhi indiscreti è già di per sé sinonimo di un buon livello di riservatezza e anonimato. Quando si è positivi al Covid, l’App Immuni accede a questi dati criptati e invia un alert ai dispositivi dell’elenco in modo che le altre persone possono sapere di essere state vicine ad un Covid Positivo e possano correre ai ripari facendo un tampone. Non viene detto chi, dove, come e quando è stato infettato. Viene solo reso noto che è avvenuto un contatto, prolungato nel tempo, potenzialmente a rischio.

La App immuni tutela la privacy molto più dei social network con cui interagiamo ogni giorno

Sapete che i social network potenzialmente possono sapere in qualsiasi momento dove vi trovate, con chi parlate e cosa vi piace? Siete innamorato di una donna o di un uomo? Stati certi che i social network che usate ogni giorno lo sanno già! Vi piace la montagna? I motori di ricerca lo sanno già e vi aiuteranno a comprare il viaggio dei vostri sogni. Non c’è niente di male in tutto questo, basta esserne consapevoli. L’app Immuni non sa nulla. Non conosce neppure il vostro nome e sicuramente non lavora di nascosto per vendervi viaggi o un paio di scarpe nuove.

Cosa voglio dire con questa digressione sui Social NetworK? Che se accettiamo tutti i giorni di “vendere” i nostri dati personali ai colossi del Web in cambio di servizi (come la mail o le chat) senza battere ciglio, perché non usare l’App Immuni (i cui dati sono criptati) per tracciare potenziali contagi da Covid? Pensateci bene. Ne vale la pena, no?


Fabio Ambrosi è un blogger esperto di media e tecnologia www.fabioambrosi.it

Più letti

Al via Radio Immagina, dalla parte delle persone

Ormai ci siamo. Una nuova avventura editoriale, una nuova voce prende vita. È la voce del Partito Democratico, dei suoi iscritti, della sua comunità,...

Grazie a Macaluso, l’uomo che non ha mai smesso di “vivere la politica”

Emanuele Macaluso non era un uomo facile. La sua sincerità lo spingeva a dire le cose come le vedeva e le pensava. E talora...

La nuova versione del Recovery Plan, le richieste del PD e il riformismo immaginario

La prima bozza del Recovery Plan non ci piaceva. Lo abbiamo detto a Conte e ai ministri. Ritenevamo sbagliato urlarlo, additando al pubblico ludibrio...

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Articoli correlati

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...