sabato 24 Ottobre 2020

App Immuni e Privacy: cosa vuol dire che i dati sono criptati?
A

Il Governo Italiano è impegnato in queste ore per promuovere l’uso della oramai famosa App Immuni. Si sente dire, da media e telegiornali, che l’app è sicura e che i dati sono criptati e inaccessibili ad occhi indiscreti. Cosa vuol dire tutto questo? Possiamo davvero stare sicuri e fidarci o la nostra privacy è a rischio? Cerchiamo di fare chiarezza e di spiegare, forse banalizzando ma in modo comprensibile a tutti, in che modo vengono gestiti i nostri dati personali dalla App Immuni contro il Covid-19.

Come funziona l’App Immuni e cosa vuol dire che i dati sono criptati

Qualche mese fa abbiamo già parlato di questa App per il tracciamento dei contagi da Covid-19. Abbiamo visto come scaricarla e come registrarsi al servizio. Oggi il Governo Italiano è impegnato in una campagna per promuoverne l’uso massiccio da parte degli italiani. Molti hanno già effettuato il download ma qualcuno è ancora dubbioso: la nostra privacy è a rischio? L’app Immuni può monitorare la mia posizione rendendomi rintracciabile e identificabile? Facciamo un po’ di chiarezza vedendo innanzi tutto come funziona.

L'App immuni garantisce la privacy e serve a tracciare i contagi da Covid-19

Dopo aver scaricato e installato l’applicazione dobbiamo registrarci. Non verranno chiesti dati personali in questa fase. Tutto quello che dobbiamo fare è abilitare e autorizzare l’uso del bluetooth. Fine. Al resto penserà l’applicazione. In che modo? Ipotizziamo che io, in una giornata tipo, prenda la metropolitana, faccia colazione al bar e poi vada in ufficio. Finita la mia giornata di lavoro ipotizziamo che io mi fermI a fare la spesa, prenda ancora i mezzi pubblici e infine me ne rientri a casa. Durante l’arco della giornata l’App Immuni è rimasta attiva e ha scambiato informazioni anonime e criptate con gli smartphone delle persone con cui sono entrato a contatto (qualche metro di distanza). Questi dati, come dicevo, sono criptati (vedremo tra poco cosa vuol dire) e immagazzinati direttamente sui nostri dispositivi mobili (il cellulare). Cosa accade se una delle persone che ho incontrato risulta positiva al Covid-19?

Se una delle persone che ho incontrato risultasse positiva al tampone anti covid e inserisse la sua positività nella App Immuni, automaticamente, il sistema invierà una notifica a tutti i cellulari con cui il contagiato è entrato in contatto. Nell’avvisare gli altri smartphone non viene detto dove e quando è avvenuto il contatto (queste informazioni non sono proprio memorizzate). Veniamo semplicemente avvisati del fatto che siamo stati vicino ad una persona – poi rivelatasi positiva al Covid – per una durata di tempo superiore ai 10-15 minuti. Se ciò accadesse e se ricevessimo un alert simile dalla App Immuni è nel nostro interesse (e non è un obbligo) avvisare il medico, restare chiusi in casa e metterci in lista per un tampone.

L’app Immuni e i rischi per la privacy. I dati sono criptati: cosa vuol dire?

Veniamo ora al tema più sensibile: l’App Immuni garantisce la nostra Privacy? Cosa vuol dire che i dati sono criptati? Quali dati vengono memorizzati? Sono rintracciabile? Facciamo chiarezza iniziando a spiegare cosa significa che i dati sono criptati.

Immaginiamo di voler inviare un messaggio alla nostra amante Paperina. Prendiamo un foglio di carta e scriviamo la frase “Ciao Paperina. Come stai?” Ovviamente è la nostra amante e non vogliamo far sapere a nessuno cosa le abbiamo scritto. Codificherò quindi il messaggio in modo che solo noi e Paperina possiamo decifrarne il contenuto. Il messaggio diventerà simile a “1e3f27bc5ef3de80126890445505fbe9”. Incomprensibile, giusto? Se qualcuno leggesse il nostro messaggio non capirebbe nulla! Ovviamente la chiave per decifrare questo messaggio la invieremo a Paperina che poi potrà leggere cosa le abbiamo scritto. Banalizzando tantissimo questa è la criptografia.App Immuni: cosa vuol dire che i dati sono criptati?

App Immuni: cosa vuol dire che i dati sono criptati? (credit: https://it.wikipedia.org/wiki/Crittografia_asimmetrica)

La App Immuni garantisce la nostra privacy salvando l’elenco dei cellulari con cui siamo entrati in contatto direttamente nel nostro dispositivo e in modo criptato. Il fatto che questo elenco sia codificato e impossibile da decifrare ad occhi indiscreti è già di per sé sinonimo di un buon livello di riservatezza e anonimato. Quando si è positivi al Covid, l’App Immuni accede a questi dati criptati e invia un alert ai dispositivi dell’elenco in modo che le altre persone possono sapere di essere state vicine ad un Covid Positivo e possano correre ai ripari facendo un tampone. Non viene detto chi, dove, come e quando è stato infettato. Viene solo reso noto che è avvenuto un contatto, prolungato nel tempo, potenzialmente a rischio.

La App immuni tutela la privacy molto più dei social network con cui interagiamo ogni giorno

Sapete che i social network potenzialmente possono sapere in qualsiasi momento dove vi trovate, con chi parlate e cosa vi piace? Siete innamorato di una donna o di un uomo? Stati certi che i social network che usate ogni giorno lo sanno già! Vi piace la montagna? I motori di ricerca lo sanno già e vi aiuteranno a comprare il viaggio dei vostri sogni. Non c’è niente di male in tutto questo, basta esserne consapevoli. L’app Immuni non sa nulla. Non conosce neppure il vostro nome e sicuramente non lavora di nascosto per vendervi viaggi o un paio di scarpe nuove.

Cosa voglio dire con questa digressione sui Social NetworK? Che se accettiamo tutti i giorni di “vendere” i nostri dati personali ai colossi del Web in cambio di servizi (come la mail o le chat) senza battere ciglio, perché non usare l’App Immuni (i cui dati sono criptati) per tracciare potenziali contagi da Covid? Pensateci bene. Ne vale la pena, no?


Fabio Ambrosi è un blogger esperto di media e tecnologia www.fabioambrosi.it

Più letti

Il nemico è il virus, non le regole. Ora una visione comune per un cambio di passo

Pubblichiamo la relazione integrale del segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti pronunciata in apertura della riunione della Direzione nazionale

Perché la vittoria di Jacinda Ardern in Nuova Zelanda è interessante anche per l’Italia

Perché interessarsi alle elezioni politiche in Nuova Zelanda, un paese così lontano da noi e con “soli” cinque milioni di abitanti?

La seconda ondata travolge l’Europa: come si stanno muovendo gli altri Stati

Un picco mai visto. E l'inverno, che ancora deve arrivare, fa davvero paura. Non è soltanto la situazione in Italia (dove i...

Sono positivo cosa devo fare? Tutte le informazioni utili per affrontare quarantena e tamponi

I contagi crescono e le preoccupazioni aumentano. Ma con spirito di collaborazione e rispettando alcune regole possiamo convivere con il virus. Cerchiamo...

Articoli correlati

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Che cosa è il Circuit Breaker Lockdown adottato dal Galles?

Un breve periodo per resettare i contagi, un lockdown “breve ma brusco” lo definisce il primo ministro gallese Mark Drakeford mentre spiega...

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...