domenica 29 Novembre 2020

Fermare i #Notutto violenti e aiutare chi ha bisogno
F

Bisognerà fare grande attenzione, per separare, nell’analisi dei fatti di queste giornate difficili, la legittima protesta di chi teme per il proprio lavoro, per la propria impresa, di chi ha materialmente paura di non farcela a tirare avanti, di chi non vede prospettive, da chi mosso da pura furia distruttiva e violenta contro tutto e tutti, ha trovato l’occasione per tirare fuori dagli armadi qualche passamontagna nero, qualche mazza e qualche molotov.
Non sarà facile, ma dobbiamo farlo.

È l’aspetto pratico e simbolico della nostra responsabilità come classe dirigente. Spetta al governo, da noi convintamente sostenuto, dar seguito già in queste ore, come promesso, a tutte le pratiche possibili di ristoro per chi ha dovuto chiudere la propria attività totalmente o parzialmente, servirà velocità e semplicità. Il contratto sociale tra il governo, la sua maggioranza e il paese, si poggia in queste ore proprio sul decreto, che, ne siamo sicuri, è in queste ore in fase di rifinitura per poter contenere tutto ciò che serve a chi ne ha bisogno.

Ma sotto la cenere cova altro. Non solo la legittima protesta.
C’è una storia tutta italiana, animata da una fascia sempre presente di estrema destra neofascista, di piccoli gruppuscoli di antagonismo violento, di fasce del tifo calcistico fatto anche di minorenni, magari ormai spesso partecipanti alle manifestazioni del negazionismo #Nomask, ma, e questo mi pare ormai visibile nelle manifestazioni di Napoli e in altre città, a questo si aggiunge in queste ore una piccola massa di persone non appartenenti a nessuna organizzazione o pensiero politico o associazionistico, semplicemente in piazza per protestare contro il “palazzo”.

È questa una china pericolosa da controllare bene, come sicuramente staranno facendo i nostri investigatori; non possiamo permetterci nessuna indulgenza con chi contesta la legge con l’uso della violenza. Quello è il terreno di coltura da cui è nata in questo paese, da sempre, la cultura dell’antistato, (non a caso a Napoli erano pare presenti anche esponenti della criminalità organizzata), la strategia della tensione e nei momenti più tragici, il terrorismo.

L’estremismo neofascista pesca a piene mani nell’aumento del caos, strumentalizzando il disagio sociale vero, sobillando la frustrazione e la rabbia sociale, come benzina da buttare sul fuoco già acceso della crisi da Covid.

Noi dobbiamo fermare i #Notutto violenti, e aiutare chi ha veramente bisogno. Sta qui oggi il compito di chi come noi ha saputo difendere la Democrazia italiana anche nei momenti più bui.

Più letti

Informazione o uniformazione? Anche questo “dipende da noi”

La nostra è stata definita l’era dell’informazione. La prestigiosa associazione internazionale Reporters Sans Frontiers colloca l'Italia nel 2020 al 41esimo posto nella classifica mondiale...

È ora di regolamentare uso e accesso ai dati delle grandi piattaforme digitali

Le piattaforme stanno cambiando il mondo del commercio e la pandemia ha accelerato questo processo di trasformazione che incide sulla vita delle persone, sulle...

L’articolo di Laura Boldrini che Mattia Feltri ha deciso di non pubblicare su HuffPost

C'è ancora tanto da fare. Lo abbiamo scritto e riscritto durante la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, ma ogni giorno abbiamo una...

Non siete sole. L’Europa è al fianco delle donne polacche

Dal Parlamento Europeo, con la risoluzione di oggi, arriva un pieno supporto alle migliaia di donne polacche che lottano per il loro diritto all’autodeterminazione. Proprio...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...

Noi, la generazione che ha vissuto il post terremoto del 1980

“…è accaduto il 23 novembre 1980: novanta interminabili secondi di movimento sussultorio e ondulatorio, intensità dieci nella scala Mercalli. Un flash di apocalisse anticipata....

L’uso politico dell’architettura nella Turchia di Erdogan

«A quel tempo nessuno poteva immaginare quello che sarebbe successo, né i pescatori, né i marinai, nel gente di Kumkapı. Io stesso non avrei...