domenica 29 Novembre 2020

“Non ci sono brogli”. E Trump licenzia anche il direttore dell’agenzia per la Sicurezza informatica
&

Non si fermano i colpi di coda dell’amministrazione Trump. Incurante del risultato delle elezioni, ormai chiaro, The Donald continua imperterrito a prendere decisioni significative. Una di queste è il licenziamento del Direttore dell’agenzia nazionale per la Sicurezza informatica e le infrastrutture di sicurezza del paese, Christopher Krebs.

La sua colpa? Aver sostenuto con convinzione che le elezioni dello scorso 3 novembre si erano svolte con regolarità. Respingendo al mittente, cioè al Presidente, la possibilità che ci fossero stati dei brogli.

Una decisione, quella del suo licenziamento, ingiusta ma non inaspettata: lo stesso Krebs, qualche giorno fa, aveva paventato questa ipotesi. L’ex Presidente Trump, in fondo, non è nuovo a questi colpi di scena. Soltanto una settimana fa aveva allontanato anche il segretario della Difesa, Mark Esper, con cui era in cattivi rapporti.

Nelle ultime ore sono arrivate molte dimostrazioni di solidarietà nei confronti di Krebs, soprattutto da parte di esponenti dei Democratici. Il portavoce del presidente eletto Joe Biden, Michael Gwin, ha commentato che “Chris Krebs dovrebbe essere elogiato per il servizio che ha svolto proteggendo le elezioni, non licenziato per aver detto la verità”. Ma non mancano neanche i commenti dei repubblicani, il senatore Repubblicano del Nebraska ha detto che “Krebs ha fatto un ottimo lavoro e ovviamente non dovrebbe essere licenziato”.

Più letti

Informazione o uniformazione? Anche questo “dipende da noi”

La nostra è stata definita l’era dell’informazione. La prestigiosa associazione internazionale Reporters Sans Frontiers colloca l'Italia nel 2020 al 41esimo posto nella classifica mondiale...

È ora di regolamentare uso e accesso ai dati delle grandi piattaforme digitali

Le piattaforme stanno cambiando il mondo del commercio e la pandemia ha accelerato questo processo di trasformazione che incide sulla vita delle persone, sulle...

L’articolo di Laura Boldrini che Mattia Feltri ha deciso di non pubblicare su HuffPost

C'è ancora tanto da fare. Lo abbiamo scritto e riscritto durante la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, ma ogni giorno abbiamo una...

Non siete sole. L’Europa è al fianco delle donne polacche

Dal Parlamento Europeo, con la risoluzione di oggi, arriva un pieno supporto alle migliaia di donne polacche che lottano per il loro diritto all’autodeterminazione. Proprio...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...

Noi, la generazione che ha vissuto il post terremoto del 1980

“…è accaduto il 23 novembre 1980: novanta interminabili secondi di movimento sussultorio e ondulatorio, intensità dieci nella scala Mercalli. Un flash di apocalisse anticipata....

L’uso politico dell’architettura nella Turchia di Erdogan

«A quel tempo nessuno poteva immaginare quello che sarebbe successo, né i pescatori, né i marinai, nel gente di Kumkapı. Io stesso non avrei...