lunedì 6 Luglio 2020

Idee per far ripartire lo sport. Da piscine e palestre fino all’Olimpiade 2026
I

Nel tempo drammatico che ci è dato vivere, è persino giusto non considerare lo sport in termini di una priorità assoluta. Nelle emergenze, altre sono le necessità che reclamano la precedenza.

Eppure, nell’immaginare l’Italia che sarà e soprattutto l’Italia che vogliamo, conviene dedicare una riflessione a ciò che lo sport rappresenta. Per la nostra società, per il nostro modo di vivere.

Non mi riferisco, badate!, alle spesso cervellotiche elucubrazioni sul ritorno della serie A di calcio. Sebbene, anche qui, senza snobismi da intellettuali da tre palle un soldo, sia possibile cogliere, al di là degli interessi economici, un nesso sano tra popolo e show business. Il pallone appartiene alla cultura collettiva. L’emozione non ha voce, scriveva Mogol e cantava Celentano: quando torneremo a sgolarci per un gol, a gioire o ad arrabbiarci per un rigore, beh, sarà un bel giorno.

Ma questa è la schiuma, non la birra. La birra sta nella risposta alla domanda delle cento pistole: cosa possiamo fare, per riattivare lo sport di base, per salvaguardare i settori giovanili, per garantire un futuro all’immenso mondo del volontariato che manda avanti palestre, piscine, piste di atletica leggera, pedane da judo, eccetera? Come metteremo in condizione di ripartire atleti, arbitri, allenatori, dirigenti, praticanti, semplici amatori?

Esiste, inutile ignorarlo, un gigantesco problema di sicurezza, perché le misure che si renderanno indispensabili nelle fabbriche e negli uffici, beh, dovranno essere applicate anche in ogni spogliatoio o in ogni campo di calcetto, per dire. È un mondo diverso, quello che ci si para davanti. Sta a noi renderlo vivibile.

Proposte? Anzi tutto niente commissioni e niente comitati, ne stiamo vedendo all’opera troppi, nell’Italia spaventata del 2020.

Piuttosto, formare. Insegnare cosa fare a chi fa sudare i nostri figli o i nostri anziani. Prevenire i rischi. Pensate al pubblico delle partite dei ragazzini o delle ragazzine, agli effetti del distanziamento sociale sugli spalti, sulle tribune.

E poi. Poi, intervenire sulla fiscalità. Scelgano gli esperti la soluzione: detrazioni, crediti d’imposta, quello che volete.

Detassare al cento per cento qualunque forma di stanziamento da parte di individui o di aziende in favore di chi promuove lo sport nel nostro Paese. Non dimentichiamo, sempre tenendo da parte il calcio che ha dimensioni tutte sue, non dimentichiamo, dicevo, che dalle polisportive territoriali ai club di volley o di basket sono i contributi degli sponsor, spesso piccoli, a reggere la baracca. Ma gli sponsor chi sono? Aziende, ora costrette a battersi per evitare il fallimento. Vanno aiutate, anche a non abbandonare la loro proiezione sociale attraverso lo sport.

Infine, mi viene in mente un’ultima suggestione. Nel 2026 avremo una Olimpiade in Italia, tra Milano e Cortina.

Possiamo trasformare quell’evento in una locomotiva. In un volano per l’intero movimento. Quella Olimpiade dovrà essere la più bella di sempre, coinvolgendo l’entusiasmo ritrovato di una nazione, l’Italia, guarita dalla ferita più grave.

Milano-Cortina non comincia nel 2026. Comincia adesso!

Più letti

Verso gli Stati Popolari, Gianni Cuperlo dialoga con Aboubakar Soumahoro

La pandemia sta provocando la peggiore recessione economica della nostra storia e sta colpendo soprattutto donne e giovani, avendo messo in ginocchio...

Incentivi per auto Euro 6, voucher per viaggi ed ecobonus. Tutte le novità del dl Rilancio

Via libera della Commissione Bilancio della Camera alla modifica del superbonus al 110%. L’incentivo per garantire l’efficientamento energetico si allarga: si potrà...

A proposito di semplificazioni: come governare le trasformazioni sottraendole ai poteri criminali

Nello Stato di diritto, che non riconosce poteri al di fuori o al di sopra della legge, legalità e trasparenza della azione...

Perché oggi serve una cultura dell’arte pubblica più accessibile e diffusa

Il dibattitto intorno al concetto di "arte pubblica" non nasce certo oggi. Da molto tempo e a più riprese artisti, esperti di...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Sport significa inclusione e coesione, diamo alle associazioni gli strumenti che meritano

Una scelta importante, in un momento di forte attenzione per tutto il mondo sportivo. Come PD vogliamo sottolineare l’importanza dello sport, ricordando...

‘Bonus vacanze’ da oggi al via: come si ottiene e a chi spetta

Come stabilito nel decreto rilancio, da oggi primo luglio scatta la possibilità per gli italiani di richiedere il 'Bonus vacanze'. Un'iniziativa che...

La scrittura per evadere dai social e dal ‘cattivismo’. La lezione di Francesco Trento

Il Coronavirus ci ha bloccato in casa 2 mesi. Un tempo lunghissimo che ci ha costretto a rivedere le nostre priorità ma anche...

Il design della distanza

Tratto da Covid and the City. Le città che saremo, serie POST sulle città dopo il coronavirus. Domande, appunti, proposte concrete. Saremo...

Lavoratrici e lavoratori dello spettacolo, che fare (ora)?

La crisi funziona sempre come un amplificatore delle disfunzionalità di sistema. Il trauma interrompe il tessuto della quotidianità e della “normalità”, ma...