domenica 27 Settembre 2020

Il tempo delle proposte concrete e della solidarietà vera
I

Il grande allenatore e dirigente sportivo Julio Velasco, ora direttore tecnico del settore giovanile della Federazione Italiana Pallavolo, ha accettato il nostro invito e ci ha mandato un video in cui immagina l’Italia di domani. Ecco cosa ha detto

“Mi piacerebbe immaginare che questi meccanismi di solidarietà, questa capacità di soffrire ma non di subire, ci facciano riflettere e ci facciano cambiare.

Però non posso non immaginare altri scenari, in cui i più deboli sono purtroppo anche i più scoperti. Mi immagino uno scenario in cui i lupi scenderanno dalla montagna con la bava alla bocca, purtroppo già si vede.

Purtroppo la sensazione di ingiustizia, di paura verso il futuro, io la sto percependo. Dobbiamo riuscire a trasformare quanto di buono visto in questo periodo in fatti concreti. Come ci immaginiamo nel dopo? Come faremo sentire la nostra solidarietà?

Serve che ognuno di noi faccia proposte, si impegni. Purtroppo molti dei nostri vecchi ci stanno lasciando. Dico purtroppo anche perché avrebbero molto da insegnarci sulla ricostruzione, perché l’hanno vissuta.

E’ giusto che ognuno abbia le proprie idee, però ci vogliono fatti, proposte e solidarietà concreta. E la lotta tra persone che proveranno a fare il meglio per gli altri e chi invece baderà solo agli interessi personali, quella lotta ci sarà. Speriamo di riuscire a vivere in un Paese migliore quando tutto questa sarà passato”.

Più letti

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Articoli correlati

1 COMMENTO

  1. Viva Julio, io sonno una goccia dell’oceano ma, come dice lei, senza le gocce l’oceano non esiste. Grazie per le sue bellissime parole.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...