lunedì 28 Settembre 2020

Gestire la combinazione lavoro-figli, un’impresa (quasi) possibile
G

La domanda che aleggia e preoccupa tutti i genitori italiani che devono tornare a lavoro il 4 maggio è: ma dove metto i bimbi? Una domanda legittima a cui la politica ancora non ha dato una risposta soddisfacente.

Ma c’è anche una categoria di genitori, spesso dimenticati, che della chiusura della scuola sono rimasti vittime insieme ai propri figli: gli smart worker. Fra chat, video call e lezioni on line, come si può conciliare il lavoro ordinario con la cura dei figli?

Ecco le 10 regole per non perdere completamente il senno fino a settembre (OMG).

  1. E’ necessario, per tutti, togliere il pigiama entro e non oltre le 10 del mattino e lavarsi i denti dopo colazione. Il livello di abbrutimento non può superare quello di una qualsiasi domenica pomeriggio in inverno.
  2. Anche se non si incontra nessuno fisicamente, la doccia va comunque fatta, di tanto in tanto.
  3. La televisione non è una sostituta baby sitter (almeno non a tempo pieno).
  4. Le patatine in busta, seppure lontane antenate delle patate, non possono essere considerate un contorno.
  5. Le videochiamate con i nonni non possono superare i 40 minuti, altrimenti sono equiparabili a sequestro di persona.
  6. Aiutare nei lavori domestici è giusto ed educativo, far passare l’aspirapolvere tutti i giorni ai minori è schiavitù.
  7. Il tasto ‘Mute’ nelle conference call non può e non deve mai essere perso di vista.
  8. ‘Aspetta’ e ‘Un attimo’ non possono essere la risposta a qualsiasi domanda.
  9. Mettere a posto la stanza può essere considerato superfluo.
  10. Ricordiamoci che sono bambini. E che hanno perso tantissimo da un giorno all’altro. Ogni tanto abbracciamoli e baciamoli, magari guardando un film insieme.

Più letti

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...