domenica 27 Settembre 2020

La magia del teatro tornerà. Dal vivo, come la sua essenza
L

In questa fase critica per il teatro non nego una personale sofferenza. Il teatro ad oggi, sin da quando ero bambina, è stata tutta la mia vita: identità familiare (quasi tutta la famiglia, a cominciare da un prozio di mia madre alla fine dell’800 che era dedito a questa arte). Quindi per me il teatro significa identità personale, identità lavorativa e possibilità di potermi esprimere in verità (in teatro sotto mentite spoglie si dicono le verità proprie e dei vari contesti sociali di un autore di un testo teatrale ha scritto).

Una vera fortuna.

È scontato dire che in questi giorni mi sento come se mancasse la terra sotto i piedi. Per tutti gli artisti dello spettacolo dal vivo è così, o almeno in larga parte lo è: progetti di lavoro saltati, insicurezza economica e “chissà che succederà”; streaming o non streaming? E vari dubbi ed incertezze non di poco conto. Ognuno di noi ha, come tutti, famiglia, responsabilità economiche, un futuro da salvaguardare. Ma una volta fatte queste, credo più o meno, scontate premesse, direi di uscire dal caso personale o dai casi difficili degli artisti e tecnici del comparto in generale in questi giorni.

Preferisco lasciare una piccola traccia di ottimismo. Da quando è nato il teatro, pur vivendo spesso in crisi, non si è mai fermato. È sopravvissuto a guerre, pestilenze e persecuzioni. Non sarà di certo questo virus a decretarne la fine. Sicuramente darà occasione di “ fermo” nel quale farà da padrona la riflessione, certamente sofferta, per un futuro migliore di questa alta arte.

Si pensa allo streaming, ma lo streaming può e potrà essere un’alternativa valida per creare del lavoro, o in futuro per alimentare la pubblicità al comparto, o per chi per altri vari motivi non può o non potrà uscire da casa ed andare a sedersi in una normale platea.

Ma rimane che lo streaming non è e non sarà vero teatro.

Il vero teatro si crea momento per momento, in uno scambio diretto e continuo di energie, emozioni e pulsioni tra gli attori ed il pubblico dal vivo. Sono istanti irripetibili. Attori e spettatori lo sanno dai tempi del teatro greco. Il teatro è quel luogo magico nel quale ci si ritrova, ci si identifica, ci si verifica, si spera e quasi si prega assieme.

È un rito collettivo ancestrale del quale l’ umanità ha bisogno. Non ne è riuscita a farne a meno, come già detto, in tempi passati, in situazioni di guerra e pestilenza e fame; e non vedo ragioni per le quali dovrebbe farne a meno dopo questo difficile periodo. Sarà un’occasione di meditazione generale per rielaborare i fatti umani di questi tempi e restituirceli in varie visioni ampliate per comprendere meglio “chi siamo” (questo fa il teatro da sempre) in nuova freschezza. Il teatro dal vivo è simbolo di vita vera e tutti siamo aggrappati alla vita.

Il teatro dal vivo è escluso che non possa esistere. Il contrario significherebbe la morte di tutto. La cosa non è possibile in quanto la natura in genere e la natura umana sono state create con all’ interno del ciclo biologico, il germe della rigenerazione. Come le rose.

Più letti

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...