sabato 26 Settembre 2020

Peppino Impastato e quella bellezza in grado di infiammare i cuori
P

Qualunque cosa accada, e comunque vadano le cose: testa alta, schiena dritta. E con un libro in mano: “Studiate ragazzi, perché studiando si apre la testa e si capisce quello che è giusto e quello che non lo è”. Così amava dire Felicia Bartolotta Impastato a quel continuo via vai di ragazzi che andavano a trovarla per cercare da lei delle risposte su come, anche loro, avrebbero potuto combattere la mafia.

“Anche” loro, sì, proprio come aveva fatto lei – ce lo racconta senza dimenticare nemmeno per un momento il dolore in una bellissima intervista di qualche anno fa, rilasciata in occasione del 25° anniversario della scomparsa di Peppino – quale fu il momento in cui decise che non avrebbe voluto trasformarsi semplicemente nella mamma di una vittima di mafia, e scelse con orgoglio di cominciare a lottare contro quel nemico che le aveva ucciso Peppino, per essersi impegnato in prima linea per estirparla. Quella mafia che aveva sentito tra le mura di casa, con i suoi articoli e le sue dirette da ‘Radio Aut’.

Prima c’era stata la paura, poi la tragedia: il 9 maggio 1978, una data emblematica nella storia sociale e politica del nostro paese, Peppino era stato barbaramente assassinato. Il suo corpo, adagiato sui binari della ferrovia, era stato fatto esplodere con un carico di tritolo, quasi a simboleggiare la volontà di distruggere sia la sua l’immagine sia la lotta della quale si era fatto promotore. E dopo pochi giorni lei, Felicia, data in sposa ad un mafioso, aveva trovato un magistrato pronto ad aiutarla e aveva deciso di costituirsi parte civile, di credere che vi fosse chi avrebbe operato a servizio della legalità per garantire la giustizia. E di lottare affinché venisse fatta chiarezza e venissero arrestati i responsabili della morte del suo Peppino.

‘Tu non devi parlare. Fai parlare me, perché io sono anziana, la madre, insomma non mi possono fare come possono fare a te’”, aveva detto all’altro suo figlio, Giovanni. Giovanni che, con la figlia Luisa, stessa dolcezza e determinazione di nonna Felicia, oggi porta avanti il ricordo di Peppino, il cammino con i “compagni” e soprattutto ‘Casa Memoria’, il simbolo di quei cento passi dall’abitazione del mafioso Badalamenti.

Il resto, ormai, è storia. La mafia “non si combatte con la pistola ma con la cultura”, anche questo amava dire Felicia, esattamente come amò fare Antonino Caponnetto. E con la bellezza, come diceva Peppino. Educare alla legalità è educare alla bellezza. Perché la bellezza è potente. Quella bellezza che trabocca nelle strade, nelle piazze, nelle chiese, nei palazzi, nei musei, nelle tradizioni delle nostre città. Quella calpestata e vilipesa nelle forme più selvagge e criminali, di cui a volte resta solo il ricordo.

Se conosciuta, quella bellezza è in grado di infiammare i cuori: si trasforma in un’arma potentissima contro la rassegnazione, la paura e l’omertà. La più potente per ribellarsi, per smascherare le ingiustizie e i soprusi di chi rapina e deturpa il nostro Paese. Alla bruttezza ci si abitua, ci si rassegna, ma chi ha conosciuto la bellezza non potrà mai rassegnarsi a restare in silenzio. Qualcuno ha detto che ogni qual volta si pronunciano i nomi di Peppino Impastato e di Felicia Bartolotta un pezzetto del castello della mafia crolla.

Ed oggi, dopo 42 anni, quei nomi fanno sempre più paura. 

Più letti

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Perché le donne elette sono ancora troppo poche e perché va superato il leaderismo tutto al maschile

Nonostante la doppia preferenza di genere prevista in tutte le regioni al voto tranne la Valle D'Aosta (che infatti segna il record...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...