lunedì 25 Maggio 2020

Basta odio in rete, mettiamo in pratica il manifesto della comunicazione non ostile
B

Mi sembra di navigare tra gli ultras delle varie tifoserie. Si sparge veleno come se piovesse. L’argomento del momento è il rientro di Silvia Romano. Argomento che dovrebbe generare gioia, ma manca la speranza, la bontà, la propensione al pensiero positivo. Manca quel ‘I have a dream” espresso in cause più nobili per cogliere l’essenza e la bellezza di tale evento.

E allora vi dico che anch’io ho un sogno. Sogno di poter vivere in un mondo migliore, sia esso virtuale o reale. Sogno che ognuno di noi si adoperi per fare la sua parte. E che si impegni per farlo nel modo più giusto e responsabile che gli è concesso. Sogno di leggere post gioiosi, che ci contagino con pensieri e parole positive e commoventi.
Sogno che rabbia e odio si sfoghino in palestra o in una corsa. Il tempo dell’odio sui media è scaduto ieri. Sogno che ognuno di noi agisca sui social e nella vita privata con responsabilità e cognizione di causa.

Sogno di non leggere più spot, proclami o peggio insulti al fine di contrastare chi ha espresso un’opinione contraria alla nostra. Spesso ci lasciamo andare con parole in libertà come in una sorta di manifesto all’insegna della volgarità e dell’avversione. Innescando polemiche inutili e futili che non giovano a nessuno. Di sicuro non giovano al Paese in questo momento molto particolare che stiamo vivendo.
Ci è mancato il coraggio di raccogliere, raccontare e divulgare la parte migliore del rientro di Silvia. Abbiamo saputo vedere e raccontare solo i nostri sospetti, le insinuazioni, i pregiudizi.

E lo abbiamo fatto come fossimo in una sorta di gara a chi riesce a dare il peggio di sé anziché cercare nel profondo il meglio. Probabilmente il meglio di sé fa molto meno rumore e meno like ma pensate quanta bellezza genererebbe.

Sogno persone coscienziose in attesa di approfondire con nozioni e notizie vere anziché farlo attraverso false news pilotate e deviate. Sogno di leggervi felici di quell’abbraccio tra Silvia e i suoi cari, un abbraccio che molti di noi, dopo mesi di quarantena, ancora non sono riusciti a dare a famigliari e ad amici. E molti di noi non potranno più farlo.

Sogno post empatici e pieni di affetto per un altro essere umano che ha vissuto ben 18 mesi in un mondo a noi totalmente sconosciuto. Sogno persone che si mettono nei panni di questa ragazza che a 24 anni ha vissuto una delle più brutte esperienze che si possano vivere. Un mio amico questa mattina si è messo nei panni di Silvia e mi ha scritto: “Io non sono musulmano, ma nei suoi panni, pur di essere liberato avrei promesso anche di diventare astemio. Tanto poi mi passava”. Sogno pensieri e parole leggere, e profonde come quelle di Marco. Perché la leggerezza può generare ponti e creare più armonia.

Vorrei che capissimo che nessuno di noi ha l’obbligo di schierarsi pro o contro come qualsiasi ultras da stadio, o come se fosse il detentore di una verità assoluta pronto a dar titoli gratuiti e insultare nel modo più osceno e meschino chi la pensa diversamente. “Gli insulti non sono argomenti” e le parole possono ferire. E mai come in questo momento, in cui i social sono il nostro unico collegamento con gli altri esseri umani, occorre prestare maggiore attenzione a ciò che scriviamo. Tutti abbiamo diritto alla nostra opinione. E per una volta vorrei fosse il più possibile pulita. Impariamo a parlare potabile così tutti potranno leggerci e ascoltarci.

I miei sogni non sono utopie, possono diventare concreti, a piccoli passi. Iniziamo col leggere e mettere in pratica il manifesto della comunicazione non ostile, ideato e realizzato quattro anni fa da Parole O_stili (grazie alla mamma di questa comunità Rosy Russo). Mi auguro che riusciate sempre a trovare le parole giuste. A me riesce sempre difficile, ma è un esercizio a cui mi dedico con impegno e passione.

Più letti

Democrazia, populismo e rappresentanza alla prova della pandemia. Parla Nadia Urbinati

Ci siamo trovati da un giorno all'altro a dover sottostare a regole sociali e costrizioni mai subìte prima: chiusi in casa, lontani...

“Quel giorno a Capaci”. Parla Sandro Ruotolo

“Quel 23 maggio del 1992 ero a Capaci. Ricordo la gimcana tra le tante auto rovesciate e la carcassa  di quella degli...

Ricordare oggi Giovanni Falcone

Che dire in questo ventottesimo anniversario della strage di Capaci? Che dire a ridosso dell’avvilente spettacolo inferto agli italiani, già provati dalla...

Papà, Giovanni e Paolo. I magistrati che cambiarono l’antimafia

Giovanni Falcone è uno dei padri dell’antimafia moderna. È stato un grande magistrato, capace di contribuire in modo determinante...

Articoli correlati

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Dieci frasi-simbolo (poco conosciute) di Giovanni Falcone per capire la mafia

È possibile, a distanza di 28 anni dalla strage di Capaci, continuare a ricordare Giovanni Falcone con le solite due frasi che...

Ora che ognuno è padrone del suo palinsesto, sarà la creatività a salvare il cinema

Il cinema ha il compito, attraverso le storie degli uomini, di creare la vita. Il cinema, per esistere, deve creare. Cos'ha fatto...

Alla scoperta della scienza, come luogo di saperi e di cultura

Lunedì 18 maggio per l’Italia significa riapertura delle attività economiche, una data che coincide anche con la Giornata internazionale dei Musei, quest’anno...

Il grande discorso di Barak Obama alla “Generazione 2020”

La Generazione 2020 è quella chiamata a trasformare gli ostacoli in opportunità Il Discorso che...

Le ragazze salveranno il mondo. Ora più che mai

“Non possiamo tornare alla normalità, perché la normalità era il problema”. Dovremmo ripetercelo come un mantra, respirando, facendo in...