mercoledì 2 Dicembre 2020

Piangiamo Ezio Bosso, un uomo che ci ha insegnato il valore della vita
P

Desidero esprimere il mio grande dolore per la perdita del carissimo Maestro Ezio Bosso, una persona e un musicista che lascia un grande vuoto ma anche una impronta indelebile nel nostro cuore e nella cultura italiana e internazionale.

Ho avuto la fortuna e il privilegio di conoscerlo e di invitarlo come ospite d’onore a Bruxelles in occasione della celebrazione solenne, nel febbraio 2018, dell’Anno europeo del Patrimonio culturale nella Assemblea Plenaria del Parlamento europeo. Ho impresse nella memoria le sue parole così profonde e illuminanti che hanno affascinato tutti i presenti. La musica, ci ha detto, ha disegnato l’Europa come l’architettura ha definito gli Stati. Una immagine potente e rivelatrice.

Non dimenticherò mai la sua amicizia, la sua condivisione del mio impegno come presidente della Commissione cultura ed educazione del Parlamento europeo e la generosità con cui ha sostenuto sempre la causa della cultura e degli artisti In Italia e in Europa.

Una voce limpida, un talento straordinario, un desiderio e una capacità avvolgente di comunicare sopratutto ai giovani il bello e il buono oltre tutti gli steccati e tutti gli impedimenti personali, anche severi, con un sorriso disarmante.

Sapevamo che era fragile ma credevamo che la sua forza interiore, il suo coraggio nell’affrontare la sua malattia e il nostro affetto lo avrebbero protetto. Non è stato così e oggi piangiamo un uomo che ci ha insegnato il valore della vita e della musica come unità inscindibile.

Pregherò perché ora la sua musica lo accompagni in questo suo viaggio, finalmente libero da ostacoli, e accompagni noi nel cammino che ancora dobbiamo compiere.

Più letti

Quanta ipocrisia su Diego. Era un mito anche per le sue fragilità, si chiama vita

Quante polemiche, moralismo, bigottismo e ipocrisia inutile in questi giorni su Diego Armando Maradona. Lasciate perdere. Lasciate perdere chi pensa di separare l'uomo dal giocatore...

I valori comuni europei non sono in vendita

Come ormai noto l’Ungheria e la Polonia, con il sostegno della Slovenia, hanno bloccato l’approvazione dell’accordo raggiunto faticosamente a luglio dai rappresentanti del Consiglio...

La legge sul divorzio compie 50 anni. Diede il via alla rivoluzione dei diritti

Il 1º dicembre 1970 il divorzio venne introdotto nell'ordinamento giuridico italiano. Cinquant'anni da quel primo dicembre 1970 quando il Parlamento diede il via libera alla 'Disciplina...

Cybersecurity: non la trama di un film di fantascienza, ma una impellente necessità

La cybersecurity non è più soltanto una questione da addetti ai lavori, né la trama di un film di fantascienza. Proprio per questo, credo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

La sfida per la legalità riparte dai ‘boschi’: ecco come Troina ha vinto il Premio Comuni virtuosi 2020

Rispetto all’antica e originaria vocazione, che li vedeva in prima linea soprattutto nella gestione dei servizi fondamentali per i cittadini, oggi gli enti locali sono...

“Il Jazz per salvare i ragazzi, anche dal Covid”. L’idea di Massimo Nunzi, trombettista e inventore del GiocaJazz

Il suo primo incontro con la musica non è stato dei più felici. Il suo primo maestro di Conservatorio non ha riconosciuto il suo...

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...