mercoledì 30 Settembre 2020

Il grande discorso di Barak Obama alla “Generazione 2020”
I

La Generazione 2020 è quella chiamata a trasformare gli ostacoli in opportunità


Il Discorso che Barack Obama ha pronunciato qualche ora fa in occasione delle cerimonie di diploma e laurea che si sono svolte virtualmente in tutti gli Stati Uniti, sarà ricordato per molto tempo tra i suoi migliori discorsi degli ultimi anni.

Gli USA, come l’Italia, stanno affrontando la più grave crisi dai tempi dalla seconda guerra mondiale ed in un quadro di forte incertezza che ha avvolto tutto il paese, le parole del presidente tra i più amati della storia americana hanno inchiodato tutti davanti a un fatto ineludibile. Noi siamo la generazione che ha vissuto il Covid-19. Noi siamo la generazione che ha vissuto una delle grandi prove a cui la storia ci ha chiamato a rispondere. Noi, dunque, dobbiamo essere la speranza, siamo la generazione chiamata a costruire un futuro che non ci fa tornare indietro, dove le azioni sui cambiamenti climatici, per correggere le ineguaglianze e le storture del sistema economico e sociale, possano permetterci di costruire un altro modello di democrazia.

Obama ha detto ai giovani laureati che non possono più essere considerati troppo giovani per capire cosa sta succedendo negli Stati Uniti. Di conseguenza, li ha incoraggiati a diventare protagonisti attivi nel costruire il futuro del loro paese. “Con così tanta incertezza, con tutto quanto che all’improvviso viene messo così in gioco e con tutta la posta in palio, questo momento rappresenta il mondo della tua generazione da plasmare”, ha detto.

“Alcuni di voi hanno dovuto superare alcuni ostacoli lungo il cammino. Sia che si trattasse di una malattia, o che un genitore perdesse un lavoro o vivesse in un quartiere in cui la gente ti chiede troppo spesso per quello che hai”, ha detto Obama. “Quindi, proprio mentre stai per celebrare per aver superato tutti questi ostacoli – proprio quando non vedevi l’ora di ballare e festeggiare alle cerimonie di laurea e andare ad un mucchio di feste – il mondo si è trasformato in una pandemia globale.”

Ogni pietra miliare, ha continuato Obama, “segna l’inizio di una nuova fase di autonomia per molti liceali, che ora hanno più input per prendere decisioni importanti sul loro destino. È quando decidi che cosa è importante per te. Il tipo di carriera che vuoi perseguire. Con chi vuoi costruire una famiglia. I valori con cui vuoi vivere”, ha detto Obama. “E dato lo stato attuale del mondo, potrebbe essere un po’ spaventoso, ma sono convinto che sarà di grande ispirazione.”

La trasmissione “Graduate Together: America Honors the High School Class of 2020” è stata messa insieme dall’Istituto XQ, dalla LeBron James Family Foundation e dalla Entertainment Industry Foundation ed è la prima di una serie di trasmissioni speciali. Il secondo, il diploma virtuale “Dear Class of 2020” di YouTube, vedrà la partecipazione di Michelle Obama e si terrà il 6 giugno.

Più letti

“Sprecare sempre meno cibo: il futuro passa da qui”. Colloquio con Andrea Segrè

Oggi si celebra la prima giornata internazionale della Consapevolezza sulle perdite e gli sprechi alimentari, istituita a fine 2019 dalle Nazioni Unite.

“Ideali e concretezza, combatteremo per una nuova politica”. La risposta di Zingaretti alle sardine

Caro Mattia,in primo luogo grazie per il tuo ennesimo contributo. Il sentimento di insoddisfazione verso la politica italiana attraversa anche tutti noi....

Perché la questione di genere deve essere centrale nel Recovery Plan

Ripresa e resilienza sono le due parole scelte per segnare la risposta europea alla crisi generata dalla pandemia ancora in corso, e...

Arriva il bonus per i pagamenti elettronici. Ecco come funziona

Da quanto tempo sentite dire che l'Italia è il Paese in Europa con il più alto tasso di evasione fiscale? Eppure nulla...

Articoli correlati

3 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...