mercoledì 2 Dicembre 2020

Stadi, adesso è il tempo del coraggio di cambiare
S

Il Coronavirus ci costringe a rivedere le nostre abitudini sociali, compresa la fruizione di mezzi pubblici, cinema, ristoranti e anche stadi. La maggior parte degli impianti italiani risale all’inizio del Novecento: il regime fascista fu piuttosto abile nell’usare il calcio per infondere nel popolo amor patrio e senso di unità nazionale.

Dei 17 stadi nei quali si gioca la Serie A solo cinque sono appartengono ai club locali, mentre gli altri sono di proprietà pubblica: 11 sono dei rispettivi comuni e l’Olimpico di Roma del CONI. È comunale anche il più affascinante: San Siro, che difficilmente arriverà a festeggiare il suo Centenario nel 2026, anno di Giochi di Milano-Cortina. Da tempo, Milan e Inter stanno lavorando al controverso progetto di un nuovo impianto.

Negli stadi del futuro andrà risolto il problema del distanziamento, attualmente impraticabile. La riduzione della capienza era già una necessità commerciale, ma ora diventa anche una questione di sicurezza. Non è difficile immaginare le tribune con una diversa disposizione dei posti, la criticità riguarda le “curve” che da sempre sono zone franche dove non solo si sta in piedi, ma spesso si verificano spaccio e altri reati. Più inchieste hanno confermato la connivenza di diversi club con frangie di “ultras” infiltrate dalla criminalità.

Il tema non è nuovo: sono passati esattamente trent’anni da quando l’Inghilterra ha introdotto nuove regole all’interno degli stadi, di fatto liberandoli dalle tifoserie organizzate e ponendo le basi per la nascita della Premier League, il campionato più ricco del mondo.

Noi, al contrario, siamo rimasti fermi ai disastri di Italia ’90. Da allora, il problema è già stato sollevato più volte, ma con esiti nulli.

Più letti

La legge sul divorzio compie 50 anni. Diede il via alla rivoluzione dei diritti

Il 1º dicembre 1970 il divorzio venne introdotto nell'ordinamento giuridico italiano. Cinquant'anni da quel primo dicembre 1970 quando il Parlamento diede il via libera alla 'Disciplina...

Cybersecurity: non la trama di un film di fantascienza, ma una impellente necessità

La cybersecurity non è più soltanto una questione da addetti ai lavori, né la trama di un film di fantascienza. Proprio per questo, credo...

La sfida per la legalità riparte dai ‘boschi’: ecco come Troina ha vinto il Premio Comuni virtuosi 2020

Rispetto all’antica e originaria vocazione, che li vedeva in prima linea soprattutto nella gestione dei servizi fondamentali per i cittadini, oggi gli enti locali sono...

La transizione energetica deve passare anche dall’ascolto dei territori

Si sente molto parlare di transizione energetica.  L’Europa vuole fermare il cambiamento climatico tagliando le emissioni di gas serra in modo radicale e va...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

La sfida per la legalità riparte dai ‘boschi’: ecco come Troina ha vinto il Premio Comuni virtuosi 2020

Rispetto all’antica e originaria vocazione, che li vedeva in prima linea soprattutto nella gestione dei servizi fondamentali per i cittadini, oggi gli enti locali sono...

“Il Jazz per salvare i ragazzi, anche dal Covid”. L’idea di Massimo Nunzi, trombettista e inventore del GiocaJazz

Il suo primo incontro con la musica non è stato dei più felici. Il suo primo maestro di Conservatorio non ha riconosciuto il suo...

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...