giovedì 3 Dicembre 2020

La svolta digitale della Legge 151 per uscire dal volontariato istituzionale
L

Per capire cos’è “digitale”, bisogna ricordare il mondo analogico e cartaceo. Ricordare da dove veniamo. Ci serve a ribadire che non sempre vale la profezia di Marshall McLuhan: il mezzo non è sempre il messaggio. Il digitale può produrre effetti sfavillanti, ma resta un mezzo. Il messaggio è sempre e solo un altro, e cioè la relazione fra emittente e ricevente, la qualità del contenuto che si trasmette, la soddisfazione del ricevente.

La “reputazione” dell’amministrazione è il traguardo, e allo stesso tempo il frutto del lavoro di chi ci tiene e di chi ci crede. La domanda che mi sono posto dal 4 marzo, dall’inizio del lockdown, è la seguente: puoi crederci di sabato sera? Puoi tenerci alle 7 di mattina? E la risposta è stata “si, se il tuo lavoro è missione e a volte vocazione”.

Arriviamo all’inizio della pandemia: minuto per minuto messaggi, scambi, consigli, imitazioni di buone pratiche. E due conseguenze:

1) La PA diventa un cantiere sempre aperto, dove si cerca il meglio, ma non il meglio dell’esibizione, il meglio del servizio: velocità e rigore, che poi sono il sogno eterno del giornalismo.

2) La PA diventa una sola: Regioni, Comuni, Ministeri, Camere di commercio, enti, agenzie e naturalmente aziende sanitarie. La PA come unico luogo della comunicazione pubblica digitale.

La legge 151 è questo: un luogo del riconoscimento professionale, una room dove giornalisti e comunicatori hanno in mano uno schermo, un tablet, un telefonino, i vecchi ferri del mestiere e le nuove frecce dell’arco comunicativo: profili social, chat, podcast, stories, live, chatbot e tutto ciò che l’AI inventerà.

Questa casa è una casa di vetro ed è una casa del cittadino. La stiamo costruendo con PAsocial, Fnsi, Odg, Università, Compubblica, Ferpi, Associazioni civiche, Regioni, Anci, nell’ambito del governo aperto e con il decisivo impulso della Ministra Dadone.

Che c’è dentro la 151? In primis la svolta digitale, poi un’area unica con profili distinti, trasparenza, formazione permanente, apertura dell’Odg alle professioni digitali, un sistema di controlli e sanzioni, la modalità del lavoro agile. Obiettivo è uscire dal volontariato istituzionale, uscire dalla condizione di marginalità, perché il front office non è la periferia dell’amministrazione ma il suo cuore pulsante.

Nella chat di PAsocial, Francesco Di Costanzo ha scritto: “C’è chi costruisce le fake news, e lo sa fare bene. Ma noi sappiamo far meglio nel dire le cose vere”. Aggiungo. C’è chi parla da decenni “del cittadino” e non “al cittadino”. Noi stiamo lavorando per parlare al cittadino ogni giorno e su ogni tema che serva alla sua vita quotidiana. Ma bisogna farlo in modo professionale e con i professionisti.


Sergio Talamo è Direttore Comunicazione, Editoria, Trasparenza e Relazioni esterne – Formez PA e membro Direttivo Nazionale PA Social

Più letti

“Solidarietà in circolo”. Una scelta di identità e pratica politica concreta

“Dalla parte delle persone”. Mesi fa, abbiamo scelto queste parole per dare un'identità e un posizionamento al Pd che non fosse semplicemente il risultato...

Quanta ipocrisia su Diego. Era un mito anche per le sue fragilità, si chiama vita

Quante polemiche, moralismo, bigottismo e ipocrisia inutile in questi giorni su Diego Armando Maradona. Lasciate perdere. Lasciate perdere chi pensa di separare l'uomo dal giocatore...

I valori comuni europei non sono in vendita

Come ormai noto l’Ungheria e la Polonia, con il sostegno della Slovenia, hanno bloccato l’approvazione dell’accordo raggiunto faticosamente a luglio dai rappresentanti del Consiglio...

La legge sul divorzio compie 50 anni. Diede il via alla rivoluzione dei diritti

Il 1º dicembre 1970 il divorzio venne introdotto nell'ordinamento giuridico italiano. Cinquant'anni da quel primo dicembre 1970 quando il Parlamento diede il via libera alla 'Disciplina...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

La sfida per la legalità riparte dai ‘boschi’: ecco come Troina ha vinto il Premio Comuni virtuosi 2020

Rispetto all’antica e originaria vocazione, che li vedeva in prima linea soprattutto nella gestione dei servizi fondamentali per i cittadini, oggi gli enti locali sono...

“Il Jazz per salvare i ragazzi, anche dal Covid”. L’idea di Massimo Nunzi, trombettista e inventore del GiocaJazz

Il suo primo incontro con la musica non è stato dei più felici. Il suo primo maestro di Conservatorio non ha riconosciuto il suo...

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...