giovedì 24 Settembre 2020

Il “cigno nero” dell’emergenza: come cambia il rapporto tra italiani e comunicazione digitale
I

La natura non fa salti. Ma ci sono casi, “cigni neri”, fatti imprevedibili, che determinano grandi cambiamenti in tempi relativamente brevi. Succede poche volte, in alcuni secoli possono esserci anche solo uno o due “cigni neri”, che determinano cambiamenti che, in tempi “normali”, avrebbero richiesto decine di anni.

Per certi versi, la terribile emergenza che il nostro Paese e l’intero Pianeta stanno affrontando in questi mesi sta determinando cambiamenti che, anche solo 6 mesi fa, sarebbero risultati improbabili.

La comunicazione digitale è probabilmente l’epicentro dei cambiamenti dettati da questa fase. Le nostre vite sono mutate, siamo atterrati in un nuovo pianeta nel quale abbiamo rapidamente disceso la piramide di Maslow, tornando a occuparci dei bisogni primari, fisiologici e di sicurezza, abbandonando per qualche mese i bisogni più sofisticati, legati all’autorealizzazione.

Siamo tornati semplici e abbiamo recuperato la voglia di stare in famiglia, di sentire gli amici. In questo, la digitalizzazione ci ha letteralmente “salvato la vita sociale”. Non solo consegna della spesa in casa e ordini online, ma anche e soprattutto socialità, videochiamate tra parenti, aperitivi su Zoom, riunioni su Teams. Una nuova normalità che l’Osservatorio Nazionale sulla Comunicazione Digitale ha voluto fotografare con un’indagine sostenuta da PA Social e Istituto Piepoli, e discussa anche nel corso del webinar del 16 giugno dal titolo “Comunicare i dati: strumenti, tecniche, opportunità”, in cui alcuni tra i massimi esperti del settore si sono confrontati sul futuro dei dati, in un periodo in cui ci siamo scoperti tutti “numerivori”, affamati di dati aggiornati e di numeri certificati.

Ma com’è fatta questa nuova normalità?

È dominata dai social network, che si sono guadagnati sul campo il ruolo di spazio principe dell’informazione d’emergenza: 8 italiani su 10 considerano utile poter comunicare sui social direttamente con gli enti pubblici.

Ma è dominata anche dallo smart working, visto che 6 italiani su 10 dichiarano di aver lavorato da remoto in questi mesi, alcuni dei quali anche più delle canoniche 8 ore, confermando quello che in molti stiamo vivendo sulla nostra pelle: che lavorare da casa significa spesso lavorare di più, fondendo e confondendo vita pubblica e vita privata.

È anche la rivincita del PC, per molti strumento di lavoro vicino all’obsolescenza e invece strumento indispensabile per 9 lavoratori italiani su 10, che in molti casi hanno anche optato per il “dual device”, utilizzando contemporaneamente PC e smartphone.

È stata anche la fase delle dirette social dei rappresentanti delle istituzioni italiane, una pratica a lungo al centro del dibattito, ma che gli italiani hanno promosso: favorevoli alle dirette social da parte del Premier, del proprio Sindaco o Presidente della Regione si sono infatti dichiarati 7 cittadini su 10.

Una nuova normalità che gli italiani immaginano irreversibile, tanto che l’88% degli intervistati da Istituto Piepoli ha dichiarato che l’emergenza, come effettivamente sta avvenendo, accelererà di molto la digitalizzazione del nostro Paese, anche di quella Pubblica Amministrazione che, va detto, sta rispondendo con coraggio e responsabilità alla sfida più difficile di questo primo scorcio di secolo. Una nuova normalità che toccherà anche la comunicazione e informazione pubblica che, finalmente, ha imboccato la strada della svolta digitale con il percorso, voluto dal ministro Fabiana Dadone e da una ampia e forte comunità di professionisti della comunicazione e del giornalismo, di riforma della legge 150, ormai non più rispondente alla realtà del lavoro quotidiano e ai cambiamenti epocali e culturali che anche i dati ormai certificano con regolarità.


Livio Gigliuto è Vicepresidente Istituto Piepoli e Direttore dell’Osservatorio Nazionale sulla Comunicazione Digitale

Più letti

Le regionali e quell’onda verde che da sola non basta

I dati delle ultime elezioni regionali esprimono a mio giudizio un significativo paradosso. Le liste che a vario titolo...

Lega amica del cemento

La Regione Lombardia spostato 30 milioni dalle risorse pubbliche ai fondi immobiliari: oneri in gran parte utilizzati dall'amministrazione comunale per investimenti nei...

Decreti sicurezza, Mes e Recovery Plan. Avanti senza indugi

Archiviate le elezioni che, inevitabilmente, hanno sospeso i tempi della politica in una lunga attesa, è tempo di rimettersi in cammino. Non...

Non negatemi l’entusiasmo della politica

In questi giorni sui miei profili social ho esposto alcuni ritagli di giornale che si focalizzavano sul mio aspetto esteriore nonostante io...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...

“Scrivo come il reporter di me stesso”. A colloquio con Andrea Pomella

“Mi sento l’inviato di me stesso nel mondo che vivo, ed è questo che voglio raccontare”. È suggestiva l’immagine che ci consegna...