lunedì 28 Settembre 2020

Street Art, un nuovo Rinascimento. Se non in Italia, dove?
S

Negli ultimi anni il fenomeno della street art è diventato di dominio mondiale. Quelli che in un tempo, ormai lontano, venivano definitivi “murales”, quasi a significarne un’accezione negativa, poiché considerati “atti clandestini”, ora sono riconosciuti per quello che sono: vere e proprie opere d’arte contemporanea.

E’ evidente che, fra tanti, lo sviluppo e la celebrità si deve a quelli che, come Bansky, hanno saputo interpretare emozioni, attimi di storia, in quelle tele moderne che sono le città, i loro edifici, gli angoli più inattesi, spesso diventati protagonisti, insieme alla rete e ai social network che ne hanno favorito una diffusione globale.

Per questo motivo ho sempre pensato che fosse insensato “imbrigliarle”, chiuderle in un Museo, impedirne la visione di tutti. Decontestualizzare un’opera è privarla di una parte del suo significato, della sua essenza.

Anche in Italia possiamo vantare capolavori e grandi artisti. E anche le nostre città, da qualche tempo, hanno scoperto la bellezza di quest’arte che vive nel suo essere un “inciampo visivo”. Molte amministrazioni comunali hanno valorizzato questa tecnica, rendendola mezzo di recupero urbano, di riqualificazione di palazzi.
Diavù, romano, ha dato via al progetto “Aria”: 130 opere nelle pareti esterne delle scuole del VII Municipio di Roma, ponendo come tema quello dello sviluppo sostenibile e dell’Agenda 2030.

A Milano il risveglio della città, lì dove la pandemia ha colpito più che altrove, passa da un vero e proprio Festival di Street Art, in un’area che, attraverso questi interventi, acquisisce nuove forme e colori.

Ed è notizia di ieri che la street art è diventata “legge” in Puglia, con 4 milioni di euro di finanziamenti volti alla valorizzazione, alla promozione e alla diffusione della stessa: i progetti dovranno essere promossi dai singoli Comuni. È il primo intervento organico di questo settore in tutto il Paese e sono sicuro che sarà il primo di tanti.

Il nostro Paese, che al suo interno raccoglie grandissima parte delle meraviglie del nostro pianeta, oggi è davanti a una sfida senza precedenti: valorizzare, sempre di più, l’esistente, come ben sta facendo il Governo con Franceschini e far sì che possa abbracciare, simbolicamente, elementi del presente.

Un nuovo Rinascimento, sostenendo gli artisti di oggi, dandogli uno spazio, una “casa” in cui esprimersi. Perché l’arte è storia, cultura, movimento e narrazione dei cambiamenti.

Se non in Italia, dove?


Davide Di Noi è responsabile del dipartimento Cultura e Spettacolo del Partito Democratico

Più letti

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Articoli correlati

1 COMMENTO

  1. Il limite della Street Art è di considerare spesso l’ambiente urbano in cui interviene come un foglio bianco da dipingere, mentre ogni luogo, anche il più abbandonato, ha una storia originale, sempre meritevole di essere studiata, conosciuta e valorizzata. Vedrei bene che gli artisti si immergessero nel cosiddetto “genius loci” per riscoprirlo e testimoniarlo nelle loro opere che non necessariamente dovrebbero limitarsi a grandi affreschi: il riscatto ambientale di un borgo può avvenire per esempio con un appropriato piano del colore o la eliminazione dei vari elementi impropri quali insegne volgari o superfetazioni varie quali tapparelle o serrande metalliche o anche solo restituendo le piazze invase da occupazioni selvagge di tavolini di bar e ristoranti ai cittadini.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...