martedì 26 Gennaio 2021

Street Art, un nuovo Rinascimento. Se non in Italia, dove?
S

Negli ultimi anni il fenomeno della street art è diventato di dominio mondiale. Quelli che in un tempo, ormai lontano, venivano definitivi “murales”, quasi a significarne un’accezione negativa, poiché considerati “atti clandestini”, ora sono riconosciuti per quello che sono: vere e proprie opere d’arte contemporanea.

E’ evidente che, fra tanti, lo sviluppo e la celebrità si deve a quelli che, come Bansky, hanno saputo interpretare emozioni, attimi di storia, in quelle tele moderne che sono le città, i loro edifici, gli angoli più inattesi, spesso diventati protagonisti, insieme alla rete e ai social network che ne hanno favorito una diffusione globale.

Per questo motivo ho sempre pensato che fosse insensato “imbrigliarle”, chiuderle in un Museo, impedirne la visione di tutti. Decontestualizzare un’opera è privarla di una parte del suo significato, della sua essenza.

Anche in Italia possiamo vantare capolavori e grandi artisti. E anche le nostre città, da qualche tempo, hanno scoperto la bellezza di quest’arte che vive nel suo essere un “inciampo visivo”. Molte amministrazioni comunali hanno valorizzato questa tecnica, rendendola mezzo di recupero urbano, di riqualificazione di palazzi.
Diavù, romano, ha dato via al progetto “Aria”: 130 opere nelle pareti esterne delle scuole del VII Municipio di Roma, ponendo come tema quello dello sviluppo sostenibile e dell’Agenda 2030.

A Milano il risveglio della città, lì dove la pandemia ha colpito più che altrove, passa da un vero e proprio Festival di Street Art, in un’area che, attraverso questi interventi, acquisisce nuove forme e colori.

Ed è notizia di ieri che la street art è diventata “legge” in Puglia, con 4 milioni di euro di finanziamenti volti alla valorizzazione, alla promozione e alla diffusione della stessa: i progetti dovranno essere promossi dai singoli Comuni. È il primo intervento organico di questo settore in tutto il Paese e sono sicuro che sarà il primo di tanti.

Il nostro Paese, che al suo interno raccoglie grandissima parte delle meraviglie del nostro pianeta, oggi è davanti a una sfida senza precedenti: valorizzare, sempre di più, l’esistente, come ben sta facendo il Governo con Franceschini e far sì che possa abbracciare, simbolicamente, elementi del presente.

Un nuovo Rinascimento, sostenendo gli artisti di oggi, dandogli uno spazio, una “casa” in cui esprimersi. Perché l’arte è storia, cultura, movimento e narrazione dei cambiamenti.

Se non in Italia, dove?


Davide Di Noi è responsabile del dipartimento Cultura e Spettacolo del Partito Democratico

Più letti

Zingaretti a Radio Immagina: “Il Pd non crea problemi ma cerca soluzioni. Al lavoro per un governo autorevole”

Al termine dell'incontro con le sigle sindacali per discutere del recovery plan, il segretario del Pd Nicola Zingaretti è intervenuto in diretta ai microfoni...

Radio Immagina – L’intervista di Giuliano Giubilei a Walter Veltroni

Ogni settimana Giuliano Giubilei intervista per Radio Immagina una personalità del mondo della politica e della società civile. Un momento di confronto per approfondire,...

Radio Immagina – Topi di campagna, topi di città. Storie di animali, natura ed ecologia quotidiana

Questa è una trasmissione per tutte le ascoltatrici e gli ascoltatori che coltivano una piantina sul davanzale, che si accorgono se sono tornati i...

Radio Immagina – La settimana scientifica. Rotocalco di ricerca, innovazione e tecnologie

La settima scientifica è una rubrica per coloro che hanno curiosità scientifiche e sono interessati a capire quanto, scoperte, conquiste scientifiche, innovazione e trasferimento...

Articoli correlati

1 COMMENTO

  1. Il limite della Street Art è di considerare spesso l’ambiente urbano in cui interviene come un foglio bianco da dipingere, mentre ogni luogo, anche il più abbandonato, ha una storia originale, sempre meritevole di essere studiata, conosciuta e valorizzata. Vedrei bene che gli artisti si immergessero nel cosiddetto “genius loci” per riscoprirlo e testimoniarlo nelle loro opere che non necessariamente dovrebbero limitarsi a grandi affreschi: il riscatto ambientale di un borgo può avvenire per esempio con un appropriato piano del colore o la eliminazione dei vari elementi impropri quali insegne volgari o superfetazioni varie quali tapparelle o serrande metalliche o anche solo restituendo le piazze invase da occupazioni selvagge di tavolini di bar e ristoranti ai cittadini.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...