mercoledì 21 Ottobre 2020

Dall’emergenza al rilancio. Quattro lezioni di cui tenere conto
D

Dall’emergenza al rilancio. E’ questa la sfida che ha di fronte l’Italia a poco più di quattro mesi dall’inizio nel nostro Paese della pandemia Covid-19.

Se i numeri epidemiologici mostrano un sensibile miglioramento della situazione, non altrettanto può dirsi per quelli economici e sociali. Nel 2020 le stime di calo del PIL oscillano tra -8 e -13 per cento. Nel solo mese di maggio sono state autorizzate 849 milioni di ore di cassa integrazione, che equivalgono a 5 milioni occupati a tempo pieno equivalente. Un numero record.

Dal 4 maggio le attività produttive sono state progressivamente riaperte, ma nessuno è in grado di prevedere con certezza quanto tempo sarà necessario per recuperare le enormi perdite di questi mesi.

Dalla metà di marzo il governo ha varato tre decreti – Cura Italia, Liquidità e Rilancio – che nel complesso hanno messo in campo un ammontare di risorse senza precedenti per fronteggiare la recessione: 75 miliardi (4 punti e mezzo di PIL), che diventano 180 miliardi in termini di saldo netto da finanziare. Di questi, poco meno di 8 miliardi sono stati destinati al rafforzamento del sistema sanitario e della protezione civile; 27 miliardi al lavoro e alle famiglie (cassa integrazione, il contributo per autonomi e professionisti, i congedi parentali, il voucher baby sitter, le misure per aiutare i più poveri); 31 miliardi alle imprese, tra garanzie per la liquidità, contributi a fondo perduto, rinvii ed esenzioni fiscali, interventi per il rafforzamento patrimoniale e a sostegno dei settori più colpiti; 6 miliardi per gli enti territoriali; 3 miliardi per le altre misure.

Al di là delle polemiche più o meno strumentali dell’opposizione e delle proteste per la tardiva “messa a terra” di alcune misure, la manovra varata dal governo è stata di dimensioni superiori alla media degli altri paesi europei, con un mix di interventi molto simile, con una inevitabile prevalenza di interventi di carattere emergenziale.

Ora, però, è necessario cambiare passo, progettando un vero e proprio piano per la ripresa che permetta all’Italia di mobilitare tutte le risorse pubbliche e private – a partire da quelle, ingenti, messe a disposizione dalla UE – per riavviare un nuovo ciclo di sviluppo.

Il “recovery plan” non può essere scritto nel chiuso delle stanze di Palazzo Chigi o del MEF. Va fatto crescere e vivere nel Paese, con un dialogo sistematico con le organizzazioni economiche e sociali e le istituzioni territoriali. Le direzioni di marcia sono quelle indicate dagli Stati Generali: modernizzazione, transizione ecologica e inclusione sociale, territoriale e di genere.

La pandemia ci offre, in questo quadro, una serie di lezioni di cui dobbiamo tenere conto.

La prima: la sanità non può più essere considerata un costo da tagliare. E’ un investimento decisivo per il futuro del Paese.

La seconda è che la crisi rischia di aggravare le vecchie disuguaglianze e di crearne di nuove. L’Italia è entrata nella pandemia con una rete di protezione sociale piena di buchi. Milioni di dipendenti tagliati fuori dagli ammortizzatori sociali, nulla per gli autonomi, i professionisti e molti lavoratori precari. Lo sforzo per porre rimedio a queste lacune è stato lodevole. Ora, però, serve un passo in più, con l’introduzione di un ammortizzatore sociale universalistico, disponibile per tutti gli occupati e parzialmente a carico della fiscalità generale. L’accesso a Internet è uno dei nuovi fattori di disuguaglianza. Una quota non piccola delle famiglie ne è privo ed è rimasta tagliata fuori dall’apprendimento a distanza e dallo smart working. Completare rapidamente la realizzazione della banda è un punto decisivo non solo per la competitività economica dell’Italia, ma anche per il suo grado di coesione sociale.

Terza lezione: la pandemia ha evidenziato che la tempistica di attuazione delle misure di sostegno economico e sociale ha un’importanza decisiva. La fiducia nei confronti dei cittadini e delle imprese è la via maestra per semplificare le procedure della pubblica amministrazione e ridurre i tempi di implementazione. La jungla di controlli ex ante va radicalmente disboscata, imponendo come regola generale l’autocertificazione e rafforzando i controlli successivi. La “paura di firmare” di tanti funzionari pubblici va superata rivedendo e circoscrivendo fattispecie come l’abuso di ufficio e il danno erariale.

La quarta lezione per il futuro investe la sostenibilità ambientale del nostro modello di sviluppo. Al di là del dibattito aperto su una possibile connessione tra l’inquinamento atmosferico e la diffusione della pandemia, l’emergenza sanitaria ha evidenziato con ancor più forza la necessità di fare della conversione ecologica della nostra economia un punto chiave per il futuro.

Dobbiamo accelerare, perché su diversi fronti siamo in ritardo. Non sarà semplice: gli interessi in gioco sono enormi e la transizione verso un’economia a basse emissioni non sarà una passeggiata di salute. Se non ora, però, quando?

Antonio Misiani, viceministro dell’Economia

Più letti

Da Papa Francesco parole rivoluzionarie, scalderanno il cuore di molti omosessuali credenti

In un documentario proiettato alla Festa del Cinema di Roma, sono contenute dichiarazioni rivoluzionarie di Papa Francesco sulla necessità di riconoscere le...

La lunga mano di Salvini in Lombardia congela anche il coprifuoco

Se voleste avere un piccolo assaggio di quello che sarebbe successo se a gestire la pandemia fosse stato Matteo Salvini, basta guardare...

Supereremo la seconda ondata con la cultura della responsabilità

Quello che abbiamo temuto sta avvenendo: una seconda ondata pandemica con crescita esponenziale dei contagi. Su cosa significhi “esponenziale” e su quanto...

Manovra espansiva da 39 miliardi: l’Italia torna protagonista

La manovra finanziaria per il 2021 vale 39 miliardi. È una manovra espansiva, che si aggiunge a quelle varate nei mesi scorsi,...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...