martedì 20 Ottobre 2020

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino
&

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di salute di una società. Sarà per la loro posizione privilegiata di narratori e osservatori, sarà per la loro sensibilità sopra la media, sarà per la loro capacità di ragionare secondo categorie differenti, ma quel che è certo è che riescono spesso a trovare delle chiavi interpretative inedite e quasi mai scontate.

E’ per questo che abbiamo deciso di interpellare uno di loro, David Riondino, artista eclettico e molto impegnato, per provare a fare una fotografia della società e dell’epoca in cui viviamo.

Ne è uscita una chiacchierata molto interessante, che toccato molti dei temi di più stretta attualità: da come ci ha cambiato il Covid alla radice degli episodi di violenza nelle nostre strade, dalle problematiche del mondo della cultura e dello spettacolo fino alle risposte che la politica deve dare davanti a questa fase di profondo cambiamento.

Con una promessa finale: quella dell’impegno militante, critico ed eretico se si vuole, ma legato ad un campo molto preciso…

La video intervista di Maddalena Carlino a David Riondino

Più letti

Attilio Fontana, il ‘front office’ della Lega in Lombardia

È così che Nino Caianiello, chiama Attilio Fontana: il front office, un politico che mette la faccia su decisioni di altri. Una...

Manovra espansiva da 39 miliardi: l’Italia torna protagonista

La manovra finanziaria per il 2021 vale 39 miliardi. È una manovra espansiva, che si aggiunge a quelle varate nei mesi scorsi,...

Dalla destre solo menzogne e fake news: difendiamo la legge contro l’omotransfobia e la misoginia

Sabato scorso, esattamente mentre le sessanta piazze #DALLAPARTEDEIDIRITTI in tutta Italia si riempivano per sostenere la legge contro l’omotransfobia e la misoginia...

L’Italia e il Covid, tutte le misure del nuovo dpcm

La stretta è arrivata, anche se meno forte di quanto si era ipotizzato alla vigilia. E come era forse inevitabile, il nuovo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...