sabato 24 Ottobre 2020

I decreti sicurezza cambiano rotta. Intervista al viceministro dell’interno Matteo Mauri
I

Accoglienza, legalità, integrazione. Poche parole che segnano una rotta completamente diversa. Sono questi i termini che il governo usa e che hanno sostituito il vocabolario populista con cui finora veniva affrontata la questione delle migrazioni.

“Abbiamo superato finalmente la logica propagandistica per entrare nel merito della materia e fare cose utili. I decreti Sicurezza che Salvini aveva voluto quando era ministro erano costruiti volutamente per creare un problema”. Il viceministro dell’Interno Matteo Mauri ci descrive il testo del nuovo decreto sicurezza  che definisce come un “testo molto avanzato ottenuto con una grande sintonia dei gruppi di maggioranza”.

Quindi, non è semplicemente il superamento della norma Salvini con le modifiche che erano state richieste anche dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella?

Siamo andati assolutamente oltre. E per capire perchè l’abbiamo fatto va ricordato quello che c’era fino a ieri. E facciamolo dati alla mano. La scelta di togliere la protezione umanitaria ha prodotto in pochi mesi 33 mila irregolari in più rispetto quelli che ci sarebbero stati normalmente. La decisione di modificare il sistema di accoglienza puntando tutto su grandi centri con tante persone è stato un modo per esasperare un disagio con lo scopo di ottenere consenso. Non certo per gestire davvero la questione migratoria. Quelle sono state scelte che andavano contro gli interessi degli Italiani.

E ora invece?

Abbiamo reintrodotto la protezione umanitaria che garantiva circa il 20% del totale delle protezioni internazionali in Italia e ci può riportare ad un 40% del riconoscimento di protezione, che è esattamente in linea con la media europea. E interveniamo sul sistema di accoglienza.

Non semplicemente ripristinando il sistema precedente, giustamente costruito su piccoli gruppi e distribuiti sul territorio in modo non invasivo, ma migliorandolo. Abbiamo previsto infatti una crescita della qualità dei servizi e un forte orientamento all’integrazione. Un binomio necessario per scongiurare gli eventuali conflitti  tra le realtà dell’accoglienza con quelle del territorio. Questo significa garantire sicurezza. E perseguire l’interesse pubblico.

Trovare questo equilibrio è sicuramente un punto di arrivo. Come lo otterrete?

La parola d’ordine è accoglienza diffusa. Il tutto verrà tarato come dicevamo su piccoli gruppi in gestione ai Comuni. Questo approccio, sommato ai servizi di assistenza sanitaria, psicologica e di integrazione, come l’insegnamento della lingua italiana, daranno vita a percorsi che serviranno a intessere con equilibrio le maglie della realtà territoriale con quelle del sistema dell’accoglienza. In questo scenario la vera integrazione passa attraverso anche l’inserimento lavorativo, su cui bisogna però ancora lavorare. E che naturalmente sarà rivolto in modo particolare ai titolari di protezione.

Passano anche le norme che superano le multe milionarie alle ong?

Togliamo quelle sanzioni spropositate e di carattere amministrativo e teniamo esclusivamente la norma penale, che c’è sempre stata.  Per le operazioni di soccorso, la disciplina di divieto non si applicherà nell’ipotesi in cui vi sia stata la comunicazione al centro di coordinamento ed allo Stato di bandiera e siano ovviamente  rispettate le indicazioni della competente autorità per la ricerca ed il soccorso in mare. Insomma chi fa i salvataggi in mare, lo diciamo chiaramente, non può essere criminalizzato. Noi teniamo insieme diversi criteri che prevedono rigore, rispetto delle regole, ma anche integrazione, umanità e buon senso.

Pensa che l’approccio alla questione migratoria stia ad un punto di svolta?

Intanto questo testo è stato il frutto del confronto di un tavolo tra forze diverse che ne hanno condiviso l’impianto. Un segnale importante anche dal punto di vista politico. A questo voglio aggiungere che, anche quello che sta succedendo in Europa, ci suggerisce un radicale cambiamento, non solo sul fronte economico. Da quando c’è il nuovo Governo sono aumentati tantissimo i ricollocamenti in Europa. Inoltre con il pre-accordo di Malta abbiamo fatto passi avanti importanti sulla ricollocazione europea, su cui si è finalmente aperta la discussione in merito a come modificare i Trattati di Dublino. Su questo il Partito Democratico ha saputo seminare una logica europeista positiva che è stata determinante per interloquire con efficacia. Vorrei poter dire che non sentiremo più parlare a vanvera di invasioni e sbarchi di clandestini o di irregolari, ma temo che il mio rimarrà un augurio vano. Noi, in ogni caso, proseguiremo sulla nostra strada. Fatta sia di valori che di concretezza. Perchè oggi abbiamo ottenuto un grande risultato ma ci sono ancora molte cose importanti da fare.

Più letti

Il nemico è il virus, non le regole. Ora una visione comune per un cambio di passo

Pubblichiamo la relazione integrale del segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti pronunciata in apertura della riunione della Direzione nazionale

Perché la vittoria di Jacinda Ardern in Nuova Zelanda è interessante anche per l’Italia

Perché interessarsi alle elezioni politiche in Nuova Zelanda, un paese così lontano da noi e con “soli” cinque milioni di abitanti?

La seconda ondata travolge l’Europa: come si stanno muovendo gli altri Stati

Un picco mai visto. E l'inverno, che ancora deve arrivare, fa davvero paura. Non è soltanto la situazione in Italia (dove i...

Sono positivo cosa devo fare? Tutte le informazioni utili per affrontare quarantena e tamponi

I contagi crescono e le preoccupazioni aumentano. Ma con spirito di collaborazione e rispettando alcune regole possiamo convivere con il virus. Cerchiamo...

Articoli correlati

2 COMMENTI

  1. Siete sicuri che tutto ciò sia quello che vogliono gli italiani ? I decreti sicurezza Salvini potevano essere migliorati ma non sostituiti. Mi risulta che la “protezione umanitaria” esista solo in Italia…quei 33 mila irregolari, per lo più clandestini, nel nostro paese, proprio non ci dovevano stare.
    Comunque … le elezioni arriveranno e gli italiani sapranno decidere per il meglio.

  2. L’immigrazione e’ un tema sensibile, per il quale diritti e doveri devono andare di pari passo. Non servono gli opposti estremismi ideologici dei porti chiusi e dei porti aperti.
    Al netto degli aventi diritto all’ asilo per ragioni umanitarie, e’ necessario che i flussi in entrata siano regolamentati per consentire l’ accesso a chi ragionevolmente puo’ avere condizioni di lavoro e di integrazione. Chi si trova senza documenti e senza possibilita’ di un lavoro regolare e’ piu’ facilmente preda della criminalita’. Non si tratta di colore della pelle, ma di opportunita’: se mancano del tutto la strada della delinquenza e’ piu’ probabile e cio’ vale per Italiani e Stranieri.
    Senza possibilita’ di studio, formazione o lavoro non ci puo’ essere integrazione e senza integrazione c’e’ esclusione e criminalita’.
    Siccome le opportunita’ di lavoro o di studio non sono infinite non e’ possibile accogliere senza limiti, ferma restando la tutela dei diritti umani. Ricordiamoci che in molte citta’ (Ferrara, Pisa, etc) le nostre sconfitte derivano anche dalla difficolta’ di declinare il tema con il giusto equilibrio e il necessario pragmatismo, senza sceriffi o buonismi. E’ quello che buona parte dei nostri elettori chiede !

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Che cosa è il Circuit Breaker Lockdown adottato dal Galles?

Un breve periodo per resettare i contagi, un lockdown “breve ma brusco” lo definisce il primo ministro gallese Mark Drakeford mentre spiega...

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...