mercoledì 27 Gennaio 2021

Non dipende da lei. Dipende da Noi
N

C’è un’enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e gli uomini, tra le donne e la società, ma il contrario.

Il problema siamo noi.

Noi uomini che sì, siamo bravi a dire di volere più donne in politica, nei luoghi che contano, dove si comanda, ma poi. Sempre poi.

Perché la realtà, il qui e ora, ci dice che su venti Presidenti di Regione, solamente una è donna. E mai nessuna è arrivata a poter anche solamente ambire alla Presidenza del Consiglio.

Tra le prime quindici testate giornalistiche per tiratura, vi è una direttrice.  Una sola, da poco più di un anno: Agnese Pini de “La Nazione”.

Si potrebbe continuare: su 84 rettori universitari, le donne sono appena 7. E ci sono voluti 717 anni per vederne una a “La Sapienza”. Tra i professori associati, le donne sono il 37%. Tra quelli ordinari, appena il 23%.

Eppure le studentesse (55,4% degli iscritti) sono più degli studenti, le studentesse post laurea (59,3%) più degli studenti post laurea, le laureate (56%) più dei laureati e le laureate con lode (24,9%) più dei laureati con lode (19,6%).

La violenza è anche qui, in questi numeri.

Il problema siamo noi.

Siamo noi uomini che, nel commentare la notizia dello stupro di una 18enne da parte di un ricco imprenditore, usiamo le parole di Vittorio Feltri. Queste: “Personalmente ho constatato che si fa fatica a scopare una che te la dà volentieri, figuratevi una che non ci sta”.

Perché è lei che se l’è cercata e che lo voleva, in fondo.

È lei che ha indossato quella minigonna.

È lei che ha scattato quella foto dove si lasciava intravedere.

Il problema siamo noi.

Siamo noi uomini che, se una donna ha una vita sessuale attiva, allora be’, è una “zoccola”. Ma se quella vita sessuale attiva non ce l’ha, è una “frigida” e anzi: dovrebbe concedersi di più. Perché una donna è colpevole per definizione: che sia bella o che sia brutta, che sia lasciva o che non lo sia.

Il problema siamo noi. Siamo noi uomini, che abbiamo plasmato persino il linguaggio a nostra immagine e somiglianza.

Stefano Bartezzaghi, un semiologo, ha stilato una semplice lista di parole il cui significato cambia radicalmente a seconda che esse siano declinate al maschile o al femminile: un uomo di strada (un uomo del popolo), una donna di strada (una che la dà); un uomo facile (un uomo senza pretese), una donna facile (una che la dà); uno squillo (il suono del telefono), una squillo (una che la dà); un toro (un uomo molto vigoroso), una vacca (una che la dà); un buon uomo (un uomo probo), una buona donna (una che la dà); un gatto morto (un felino deceduto), una gatta morta (una che la dà); uno zoccolo (un tipo di calzatura), una zoccola (una che la dà).

E si potrebbe continuare. Il problema siamo noi.

Siamo noi uomini, che legiferiamo sulla pelle e sui diritti delle donne. Noi che l’aborto l’ostacoliamo, anche a costo di metterle in pericolo. Noi che fissiamo l’Iva sui tamponi al 22%, come se fossero beni di lusso. Noi che le politiche di genere le trascuriamo, perché non è mai il tempo.

Poi succede che in Italia quasi 7 milioni di donne, nell’arco della loro vita, hanno subito violenza, fisica o sessuale. Succede che 650mila sono state stuprate e su 746mila lo stupro è stato tentato. Senza contare i femminicidi, i maltrattamenti, le molestie.

Il problema siamo noi uomini.

È da noi che dipende tutto questo. Ed è da noi che dipende il dovere di cambiare. Non sono le donne a doversi difendere, siamo noi a non doverle violentare. Non sono le donne a doversi proteggere, siamo noi a non doverle giudicare. Non sono le donne a doversi fare strada lottando contro i mulini a vento, siamo noi a doverci misurare sulla base delle sole capacità, conoscenze e competenze.

Per questo abbiamo lanciato la campagna “Non dipende da lei. Dipende da Noi”. Per ribadire che il problema è chi abusa, chi violenta, chi stupra, chi perpetra una cultura maschile e patriarcale oramai insopportabile. E che il problema non sono le vittime, ma i carnefici. Per questo abbiamo lanciato come Partito Democratico questa campagna nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne, per ribadire che la lotta contro la violenza e contro il maschilismo la dobbiamo fare soprattutto noi uomini. Perché dipende da noi. Solo e soltanto da noi.

Più letti

Il Paese ha bisogno di risposte. Servono responsabilità, visione e qualità

Il testo della relazione introduttiva del segretario del Pd Nicola Zingaretti alla Direzione nazionale del Pd del 27 gennaio 2021 Nella riunione del nostro gruppo...

Il racconto della Shoah nella voce dei “nati dopo”. Emanuele Fiano a Radio Immagina

"C'è la necessita di saper narrare quale sia il livello più basso a cui può arrivare  l'umanità quando muore la libertà, quando muore la...

Ricordare il futuro. Nel nome di chi è venuto prima, nell’amore per chi verrà dopo

“Ricordare il futuro”. Tre parole soltanto, ma sono bastate a David Grossman per trasmettere il senso profondo della memoria. Quella che facciamo coincidere con...

La Memoria per tenere viva la democrazia

Non dite mai che non potete fare, non è vero. Ognuno di noi è fortissimo e responsabile di se stesso. Dobbiamo camminare nella vita,...

Articoli correlati

2 COMMENTI

  1. Sono d’accordo con il contenuto dell’articolo, ma sono anche d’accordo con Feltri quando dice: “Personalmente ho constatato che si fa fatica a scopare una che te la dà volentieri, figuratevi una che non ci sta”.

  2. Le cose stanno cambiando, ormai è sempre più difficile capire cosa sia un donna e cosa sia un uomo. Ogni giorno che passa il concetto di genere sta diventando più dominante rispetto al concetto di sesso. E la povera J.K. Rawling che cercava di difendere le vecchie idee è stata trattata come si meritava

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Radio Immagina – “Una storia americana”, conversazione con Francesco Costa

Una conversazione sul presente e sul futuro dell'America. Biden è la persona giusta al momento giusto? Quale sarà il ruolo di Kamala Harris? Su...

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...