giovedì 24 Settembre 2020

We Care: i nuovi profili di comunità che vorremmo tracciare per una nuova fase
W

Sembra passato molto tempo da quando tutti ci interrogavamo sulla crisi economica globale e sul nostro posizionamento rispetto alla stessa: ci siamo dipinti dentro e fuori da quel “tunnel”, ci siamo chiesti se la luce che si intravvedeva sullo sfondo fosse l’uscita o un treno che ci avrebbe investito; a volte ci siamo convinti che era meglio smettere di cercare l’uscita e dedicarci all’arredamento del tunnel per vivere al meglio una perdurante fase di incertezza.

Improvvisamente ci siamo resi conto che la percorrenza del “tunnel”, emblematicamente raffigurante un cammino difficile ed incerto, forse non rappresentava la minaccia più grande: forse quel tunnel poteva anche crollarci sulla testa. A quel punto ogni disquisizione sul posizionamento al suo interno o sulla nostra capacità di adattamento ad abitarlo è sembrata meno importante. Ci siamo svegliati una mattina e molti servizi sempre dati per scontati non esistevano più, sospesi in un limbo dai contorni sempre più incerti con l’andar del tempo (la scuola, i musei, i cinema, i ristoranti, i negozi, molti servizi alla persona, ecc.), fino al punto di sentirci privare della nostra stessa libertà per un bene superiore: la salute o, per le persone più fragili, la vita.

La risposta delle gente  a questa emergenza ha accentuato la responsabilità solidale di chi, per fortuna la stragrande maggioranza, ha adempiuto al proprio dovere civico rispettando le prescrizioni e dimostrando anche una propensione alla compassione nei confronti dei cittadini più fragili, quindi più esposti, evidenziando per converso anche il mal costume di quelli (pochi) che hanno agito comportamenti riprovevoli.

Con altrettanta evidenza si è notata la diversa capacità dei territori di rivedere profondamente l’erogazione di servizi tradizionali in risposta ad un quadro di bisogni profondamente mutato nel volgere di pochi giorni. Solo per fare alcuni esempi: la chiusura delle scuole riconvertendo il sistema alla didattica a distanza, la chiusura dei centri diurni sostituite dal supporto al domicilio per le persone non-autosufficienti, le residenze per anziani e disabili che da luoghi aperti di socializzazione si sono riorientate al distanziamento sociale ed alla prevenzione sanitaria rispetto alla possibile diffusione virale.

Quali suggerimenti cogliere da tutto ciò per mettere a valore condiviso le azioni propositive?

Nei territori che più di altri si sono distinti per la capacità di riadattare l’intera filiera integrata dei servizi educativi, sociali e sanitari si possono cogliere alcune caratteristiche peculiari:

  • La complessità è stata compresa da chi programmava e da chi gestiva i servizi, all’interno di un contesto dinamico, non gravando di problematiche chi i servizi li doveva utilizzare. In un ambiente statico, fatto di servizi rigidi e distinti, non dialoganti, è il cittadino a doversi adeguare all’offerta precostituita di prestazioni, proposta spesso a partire da criteri endogeni all’organizzazione programmatrice e/o produttrice degli stessi e non riferendosi alle necessità degli utenti, delle loro famiglie e del contesto ambientale circostante, come è avvenuto in questi territori virtuosi;
  • È stato generato un pensiero condiviso (preesistente all’emergenza sanitaria) che ha fortemente caratterizzato questi contesti dinamici grazie ad una forte sinergia inter-istituzionale a vari livelli (tra pubblico e privato, tra sociale, sanitario ed educativo, ecc.). Questa sinergia è stata la pre-condizione per ricomporre immediatamente la complessità, contrastando la naturale propensione di ciascuno all’autoreferenzialità, rimarcando comunque gli specifici e distinti ruoli e responsabilità. In altri contesti, infatti, la mancanza di un sistema strutturato di relazioni interistituzionali ha generato incomprensioni, conflitti di attribuzione che, oltre a non aver aiutato a gestire con efficacia l’emergenza, ha determinato un clima di reciproca delegittimazione nel tentativo di ciascuno di deresponsabilizzarsi rispetto a quanto accaduto, scaricando sugli altri attori le ragioni dell’insuccesso;
  • Lo strumento principe per concretizzare il pensiero in azioni è stata la co – progettazione, intesa come attività partecipata dai diversi attori (Ente locale, ASL, Ente Gestore, ecc.) che, partendo dalla definizione di obiettivi condivisi si è articolata nella scelta delle strategie da utilizzare per perseguire gli obiettivi, le singole azioni da implementare, per concludersi con il monitoraggio degli esiti alla quale è rapidamente seguita l’attività di ri-progettazione.

A ben vedere, questo è avvenuto in quei territori che, non a caso, si caratterizzano per la loro capacità diffusa di produrre fiducia e coesione sociale, dove la partecipazione dei cittadini è connaturata all’orgoglio di appartenenza alla comunità degli stessi. 

Sono territori dove la presenza del Terzo Settore è non solo più marcata, ma anche maggiormente qualificata dalla capacità di fare rete tra le singole organizzazioni e tra queste e gli atri attori del territorio. Sono quelle comunità solidali, accoglienti, educanti che vivono come un dovere condiviso dare le risposte necessarie alle persone fragili e vulnerabili, un problema di giustizia sociale che non può essere demandato unicamente agli addetti ai lavori, riguarda tutti.

Ecco il senso del “We Care” del titolo, trasponendo il motto di Don Milani su una visione comunitaria. Da queste esperienze, da questi territori possiamo tracciare i lineamenti, i profili delle comunità che vorremmo ci accompagnassero fuori dalla pandemia, fuori dalla crisi economica, fuori dalle paure, per riscoprirci ciascuno un po’ più interessato a mettere la propria spalla sotto il peso dell’altro. 

 Antonio Buzzi è Presidente del Consorzio Solco

Più letti

Le regionali e quell’onda verde che da sola non basta

I dati delle ultime elezioni regionali esprimono a mio giudizio un significativo paradosso. Le liste che a vario titolo...

Lega amica del cemento

La Regione Lombardia spostato 30 milioni dalle risorse pubbliche ai fondi immobiliari: oneri in gran parte utilizzati dall'amministrazione comunale per investimenti nei...

Decreti sicurezza, Mes e Recovery Plan. Avanti senza indugi

Archiviate le elezioni che, inevitabilmente, hanno sospeso i tempi della politica in una lunga attesa, è tempo di rimettersi in cammino. Non...

Non negatemi l’entusiasmo della politica

In questi giorni sui miei profili social ho esposto alcuni ritagli di giornale che si focalizzavano sul mio aspetto esteriore nonostante io...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...

“Scrivo come il reporter di me stesso”. A colloquio con Andrea Pomella

“Mi sento l’inviato di me stesso nel mondo che vivo, ed è questo che voglio raccontare”. È suggestiva l’immagine che ci consegna...