mercoledì 2 Dicembre 2020

Il welfare della disuguaglianza e la necessità di un nuovo patto sociale
I

Lo scorso 30 aprile, ancora una volta nel nostro paese, un Tribunale Ordinario ha provveduto ad accertare una condotta discriminatoria messa in atto da una Amministrazione Pubblica.

Il fatto non deve sorprendere: secondo l’ultima relazione dell’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, il 20% delle discriminazioni messe in atto contro i cittadini stranieri riguarda l’erogazione di servizi da Enti Pubblici, il settore scuola-istruzione, quello sanitario e il trasporto pubblico.

In questo caso, l’Amministrazione Pubblica è il Comune di Ferrara, e la condotta discriminatoria è l’accesso alle risorse straordinarie assegnate dalla Protezione Civile ai Comuni italiani, per fare fronte all’emergenza alimentare dovuta al Coronavirus, i cosiddetti “buoni spesa”.

Il Sindaco della Lega, Alan Fabbri, ha organizzato l’erogazione dei buoni alimentari, stilando una sorta di graduatoria di cittadini meritevoli, classificandoli sulla base della loro nazionalità: prima gli italiani, poi gli europei ed infine i cittadini extra Ue, ma solo se in possesso di permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo. I cittadini stranieri in possesso di altre tipologie di permesso di soggiorno sono stati completamente esclusi dagli aiuti alimentari, spogliati di un fondamentale ed elementare diritto umano: il diritto al cibo. 

Il Giudice del Tribunale di Ferrara ha ordinato al Comune di riformulare i criteri del bando, consentendo la presentazione di nuove domande e applicando per tutti i richiedenti i medesimi parametri di valutazione, basati sul bisogno di assistenza, e non sulla nazionalità di provenienza.

Il comportamento della Lega a Ferrara non deve essere derubricato a distrazione o incompetenza amministrativa, ma va inquadrato come precisa volontà politica di ridefinire i canoni narrativi di un nuovo welfare locale, fondato sulla separatezza, sulla disuguaglianza e sulla discriminazione.

La pandemia ci consegnerà una eredità pesante sotto il profilo sanitario, sociale ed economico. Sapremo affrontare i tempi che verranno, se non cederemo il passo alle semplificazioni populiste che strumentalizzano la povertà per acuire il conflitto sociale, e se saremo in grado di rilanciare un patto sociale fondato sui diritti, interpretando il welfare come cultura di partecipazione, di solidarietà e di comunità perchè, citando le parole di Bryan Stevenson, fondatore di Equal Justice Initiative, “l’opposto della povertà non è la ricchezza, l’opposto della povertà è la giustizia”.


Valentina Morigi è assessora al bilancio, partecipazione, servizi sociali, casa, politiche giovanili, immigrazione del comune di Ravenna. E’ coordinatrice di progetto di Immagina

Più letti

La legge sul divorzio compie 50 anni. Diede il via alla rivoluzione dei diritti

Il 1º dicembre 1970 il divorzio venne introdotto nell'ordinamento giuridico italiano. Cinquant'anni da quel primo dicembre 1970 quando il Parlamento diede il via libera alla 'Disciplina...

Cybersecurity: non la trama di un film di fantascienza, ma una impellente necessità

La cybersecurity non è più soltanto una questione da addetti ai lavori, né la trama di un film di fantascienza. Proprio per questo, credo...

La sfida per la legalità riparte dai ‘boschi’: ecco come Troina ha vinto il Premio Comuni virtuosi 2020

Rispetto all’antica e originaria vocazione, che li vedeva in prima linea soprattutto nella gestione dei servizi fondamentali per i cittadini, oggi gli enti locali sono...

La transizione energetica deve passare anche dall’ascolto dei territori

Si sente molto parlare di transizione energetica.  L’Europa vuole fermare il cambiamento climatico tagliando le emissioni di gas serra in modo radicale e va...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

La sfida per la legalità riparte dai ‘boschi’: ecco come Troina ha vinto il Premio Comuni virtuosi 2020

Rispetto all’antica e originaria vocazione, che li vedeva in prima linea soprattutto nella gestione dei servizi fondamentali per i cittadini, oggi gli enti locali sono...

“Il Jazz per salvare i ragazzi, anche dal Covid”. L’idea di Massimo Nunzi, trombettista e inventore del GiocaJazz

Il suo primo incontro con la musica non è stato dei più felici. Il suo primo maestro di Conservatorio non ha riconosciuto il suo...

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...