sabato 26 Settembre 2020

La pandemia e la grande lezione sulla medicina di genere
L

Il Coronavirus ha reso chiaro a tutti che uomini e donne nella malattia non sono uguali. Studiare queste differenze è compito della Medicina di Genere. Come è ormai noto la medicina di genere, il cui obiettivo è comprendere i meccanismi attraverso i quali le differenze legate al genere agiscono sullo stato di salute e sull’insorgenza e il decorso di molte malattie e di cui se ne parla ormai dagli anni novanta, ha creato una profonda evoluzione della medicina “tradizionale” attraverso un approccio innovativo mirato a studiare l’impatto del genere e di tutte le variabili che lo caratterizzano (biologiche, ambientali, culturali e socioeconomiche) sulla fisiologia, sulla fisiopatologia e sulle caratteristiche cliniche delle malattie.

Gli uomini e le donne, infatti, pur essendo soggetti alle medesime patologie, presentano sintomi, progressione di malattie e risposta ai trattamenti molto diversi tra loro. Da qui la necessità di porre particolare attenzione allo studio del genere inserendo questa “nuova” dimensione, non una nuova branca, della medicina in tutte le aree mediche. In quest’ottica, quindi, lo studio sulla salute della donna non è più circoscritto alle patologie esclusivamente femminili che colpiscono mammella, utero e ovaie, ma rientra nell’ambito della medicina genere-specifica.

Solo procedendo in questa direzione sarà possibile garantire a ogni individuo, maschio o femmina, l’appropriatezza terapeutica, rafforzando ulteriormente il concetto di “centralità del paziente” e di “personalizzazione delle terapie”. Questo campo innovativo della ricerca biomedica, relativamente nuovo per l’Italia, rappresenta una nuova prospettiva per il futuro della salute e deve essere incluso tra i parametri indispensabili ed essenziali dell’attività clinica e della programmazione e organizzazione dell’offerta sanitaria del nostro Paese.

La medicina di genere è, oggi, un argomento molto “caldo”.

È per questo che numerose Organizzazioni e Istituzioni dedicano all’argomento progetti di ricerca e finanziamenti e la letteratura sottolinea il bisogno di concentrare gli studi in questo ambito, per favorire una corretta informazione volta a migliorare le conoscenze riguardanti le diversità.

Nonostante le consolidate evidenze scientifiche, nell’ambito della formazione sanitaria questa innovativa disciplina medica non è stata finora inserita nei programmi dei corsi di laurea in Medicina e Chirurgia e nelle Scuole di specializzazione, quindi, senza un orientamento di genere e il riconoscimento di questo essenziale ramo del sapere medico, di una coscienza culturale e scientifica delle implicazioni che tale tema implica per la politica sanitaria nazionale e internazionale, la politica della salute può risultare metodologicamente imprecisa e persino discriminatoria.

La pandemia richiama la necessità di attuare appieno l’art. 1 e l’art.3 della legge 3/2018 sulla medicina di genere che propone ricerca farmacologica e procedure cliniche attente alle differenze di genere.

Nonostante l’approvazione nel giugno 2019 del Piano per l’applicazione e la diffusione della Medicina di Genere, previsto dal comma 3 dell’art.3 della legge, Piano che si propone di fornire un indirizzo coordinato e sostenibile per la diffusione della Medicina di Genere mediante divulgazione, formazione e indicazione di pratiche sanitarie, che, nella ricerca, nella prevenzione, nella diagnosi e nella cura, tengano conto delle differenze derivanti dal genere, al fine di garantire la qualità e l’appropriatezza delle prestazioni erogate dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) in modo omogeneo sul territorio nazionale, siano rimasti purtroppo solo alle annunciazioni e non siamo entrati nel merito alla sua reale applicazione.

Ora più che mai, difronte alle evidenze riscontrate durante la pandemia, è necessario riprendere il Piano, analizzarlo ed attuarlo. Ed è arrivato anche il momento opportuno per dare attuazione al comma 4 della medesima legge che prevede un “Piano formativo nazionale per la medicina di genere”, predisposto di concerto tra il Ministero della Salute e il Ministero dell’Università, che deve garantire la conoscenza e l’applicazione dell’orientamento alle differenze di genere nella ricerca, nella prevenzione, nella diagnosi e nella cura.

Le donne stanno reagendo in modo diverso al virus e ai medicinali, ed è evidente che ci sia una differenza dovuta anche al ricoprire ruoli tradizionali di cura. E’ quindi ora di avviare, come prescrive la legge in vigore, la ricerca e la sperimentazione di genere per i farmaci e lo studio dell’impatto sul sesso delle diverse patologie, non dimenticando quelle infettive come il Coronavirus.

Questa enorme sciagura può lasciarci in eredità una lezione per progredire verso una effettiva personalizzazione della cura attenta al genere, anche in momenti di emergenza e pandemia.

* il Genere come determinante di salute – Quaderni del Ministero della Salute n. 26


Paola Boldrini è una senatrice del Partito Democratico

Più letti

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Perché le donne elette sono ancora troppo poche e perché va superato il leaderismo tutto al maschile

Nonostante la doppia preferenza di genere prevista in tutte le regioni al voto tranne la Valle D'Aosta (che infatti segna il record...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...