domenica 17 Gennaio 2021

La sfida dell’accessibilità
L

Ci siamo dimenticati delle persone con disabilità.

In questa emergenza la rimozione collettiva operata nei confronti dei più fragili e vulnerabili, tra i fragili e i vulnerabili, è stata, ed è, palese.

In particolare ciò è accaduto in zone, penso ad esempio a quelle lombarde, da cui scrivo, che hanno puntato “tutto” sulla dimensione dell’ospedalizzazione a scapito del “territorio”. E quindi a scapito dell’assistenza domiciliare, del monitoraggio continuo, del valore del legame. Illudendosi, ed accorgendosene poi troppo tardi, che non esiste sfida nella promozione della persona che possa prescindere dall’attribuire centralità alla dimensione del “sociale”. E questo significa non immaginare quote di compassione e favori da distribuire, ma, piuttosto, investire sul valore dei diritti.

Ecco: diritti, diritti sociali e civili riguardanti le persone con disabilità.

Di questo parla la stupenda Convenzione ONU adottata alcuni decenni fa e rimasta spesso lettera morta. E, anche, di questo dovrebbe sapersi nutrire la nostra capacità di immaginare il tempo che viene.

Quello della RICOSTRUZIONE.

Ricostruzione che deve necessariamente e ancora cimentarsi con la gestione di questa fase dell’emergenza, così complessa. Fase nella quale se diminuisce (per fortuna e speriamo di non essere in preda ad una gigantesca illusione..) la preoccupazione sulla salute si alimentano l’ansia e l’incubo della precarietà.

Fase, per farla breve, nella quale ancora più di prima si deve porre l’attenzione su quanti necessitano di opportunità particolari e di garanzie robuste.

Ciò vuol dire spingersi oltre la pratica dei provvedimenti sin qui addottati e comprendere che ci sono bisogni peculiari che non si possono comprimere nel DPCM, o nella sua variabile regionalista, del momento.

Penso, nel caso proprio della disabilità, a temi molto molto concreti: la necessità di domandarsi quale fine faccia la didattica a distanza se orientata ad essere funzionale per la crescita di un ragazzino fragile (per cui servono mille accorgimenti e attenzioni) o come garantire la libera fruizione di parchi e strutture sportive per persone per le quali l’attività fisica e motoria può davvero rivelarsi essenziale.

O ancora sovraintendere al fatto che la fase di incerta ripresa occupazionale non venga fatta “pagare” innanzitutto a chi si trova a vivere problematiche legate alla salute mentale. E potrei continuare citando la necessità di non abbandonare le Residenze per Disabili che hanno visto casi sconcertanti analoghi a quelli verificatisi proprio nelle Case di riposo.

Quindi correggere ora la rotta per saper poi pensare – nella necessità di scrivere un futuro capace di scommettere su di un modello radicalmente nuovo, come molti affermano proprio attraverso Immagina – ad uno sviluppo che sappia includere  e non rileghi ai margini.

Correggere ora la rotta per mostrare molte più ambizioni in futuro.

Perché, diciamocela tutta, ad eccezione della Legge, certamente innovativa, sul “Dopo di Noi” il tema della disabilità è stato straordinariamente assente nell’agenda dei governi degli ultimi vent’anni.

Si deve tornare all’operato di Livia Turco per scorgere il desiderio di realizzare politiche capaci di non guardare alla disabilità come a della polvere da nascondere sotto il tappeto oppure come alla voce di Bilancio da alimentare, o diminuire, a seconda della capacità di pressione prodotta da un po’ di Terzo e Quarto settore.

Abbiamo, per concludere, una grande occasione e responsabilità: farla finita con ogni atteggiamento compassionevole e paternalistico e decidere che dalla capacità di garantire eliminazione di barriere (materiali e immateriali) ed ostacoli passerà un bel pezzo del futuro di tutti.

Perché poi se capiamo che l’orizzonte da ricercare è proprio altro rispetto a ciò a cui siamo abituati arriviamo a comprendere che quella dell’accesso e dell’accessibilità è davvero una sfida che riguarda il destino del mondo.

Molto più dunque di un “servizio” da organizzare.

Si tratta proprio di una nuova pagina della politica sociale da desiderare di scrivere.  Si tratta di una nuova visione delle cose.

Più letti

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Zingaretti: “Crisi di governo incomprensibile, scelta di Italia Viva contro l’Italia”

Di seguito le dichiarazioni rilasciate al Tg1 dal segretario del Pd Nicola Zingaretti: "Quello di Italia Viva è un errore gravissimo contro l'Italia, perché noi...

Bologna aspetta Patrick Zaki, diventato cittadino onorario con un voto all’unanimità

Il Comune di Bologna ha conferito la cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki “riconoscendo nella sua figura quei valori di libertà di studio, di...

Pensare la riforma secondo un nuovo modello di Pubblica Amministrazione

L’Unione Europea ci chiede di riformare la Pubblica Amministrazione. Uno Stato moderno non può rinunciare, al di là di un sistema d’imprese tarato sull’innovazione...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...