mercoledì 2 Dicembre 2020

Unire scuola e servizio pubblico televisivo per moltiplicare le opportunità
U

L’irrompere del coronavirus nelle nostre vite, sconvolgendo abitudini e organizzazioni sociali così profondamente fondate sulla co-presenza, ha reso evidente quanto i processi di innovazione digitale rappresentino un’opportunità decisiva, per il presente come per il futuro, a partire dalla scuola. Le reali possibilità di accesso alla didattica a distanza – come a molti altri servizi che con lo stare in casa ci sono apparsi improvvisamente necessari – hanno reso però evidente quanto ancora profonde siano le disuguaglianze.

Uno degli obiettivi strategici che il Paese dovrà darsi con il superamento dell’emergenza è dunque rafforzare l’investimento sul digitale, superando gap di accesso sia tecnologici sia culturali. E la scuola in questo deve essere una priorità, perché è garantendo il diritto all’istruzione che si inizia a contrastare ogni altra forma di disuguaglianza.

Una grande opportunità in questo senso viene da quella che insieme al Ministero dell’Istruzione è l’altra grande istituzione culturale e formativa pubblica italiana, la Rai, che già in queste settimane ha messo a disposizione delle esigenze di didattica e studio il suo grande archivio di contenuti scientificamente validati.

La proposta che lanciamo come Partito Democratico è di rafforzare la naturale alleanza pubblica tra Ministero dell’Istruzione e Rai, puntando alla creazione di un canale sul digitale terrestre interamente dedicato alla didattica. Un canale con un palinsesto costituito da contenuti formativi prodotti dalla Rai, concordati con e certificati attraverso il Ministero, e realizzati con la collaborazione operativa dei docenti.

Un canale in prospettiva dedicato a tutti i cicli, ma che parta da contenuti per la scuola primaria, che è apparso in queste settimane il segmento con più difficoltà nell’attivazione di FAD.

Non si tratta, è evidente, di un sostituto della didattica a distanza, ma uno strumento in più per accompagnare la crescita di quelle opportunità, andando a superare quasi del tutto i gap di accesso, con un risultato di uguaglianza e facilitazione della vita delle famiglie.
E non si tratta di un aggiustamento in corsa, solo per l’emergenza, ma un reale rilancio per il futuro: uno strumento proiettato al prossimo anno scolastico, per essere pronti nell’eventualità che ci si trovi costretti a nuovi momenti di distanziamento fisico. Avviare oggi la produzione di un canale in digitale terrestre dedicato alla didattica è allora un modo per iniziare a prepararsi a quella fase due, di convivenza regolata con il virus, che partirà appena le condizioni sanitarie lo consentiranno e che ci accompagnerà a lungo.

Come Partito Democratico proponiamo che la Rai si attivi per verificare ogni possibile azione per concretizzare questa prospettiva, pronti a valutare l’eventuale opportunità di passaggi parlamentari per facilitare il percorso.

Crediamo che cultura, conoscenza e istruzione siano le leve strategiche decisive per la qualità della vita e delle prospettive di una comunità democratica e delle pari opportunità. E sappiamo che alla realizzazione di questi obiettivi la Rai non ha mai negato il proprio decisivo contributo.

Unire scuola e servizio pubblico televisivo diventa allora una grande occasione (strategica, sostenibile, etica) di accelerazione e moltiplicazione di opportunità per le nostre ragazze e i nostri ragazzi, e così per tutta la comunità. Un’occasione, inoltre, per dare un segno concreto delle priorità politiche che vogliamo assumere, come Partito Democratico ma mi auguro anche come insieme delle forze parlamentari, per i prossimi mesi e anni, nell’idea di ripartire accelerando nella realizzazione di una società della conoscenza e dell’uguaglianza.

Valeria Fedeli è una senatrice del Partito Democratico

Più letti

Quanta ipocrisia su Diego. Era un mito anche per le sue fragilità, si chiama vita

Quante polemiche, moralismo, bigottismo e ipocrisia inutile in questi giorni su Diego Armando Maradona. Lasciate perdere. Lasciate perdere chi pensa di separare l'uomo dal giocatore...

I valori comuni europei non sono in vendita

Come ormai noto l’Ungheria e la Polonia, con il sostegno della Slovenia, hanno bloccato l’approvazione dell’accordo raggiunto faticosamente a luglio dai rappresentanti del Consiglio...

La legge sul divorzio compie 50 anni. Diede il via alla rivoluzione dei diritti

Il 1º dicembre 1970 il divorzio venne introdotto nell'ordinamento giuridico italiano. Cinquant'anni da quel primo dicembre 1970 quando il Parlamento diede il via libera alla 'Disciplina...

Cybersecurity: non la trama di un film di fantascienza, ma una impellente necessità

La cybersecurity non è più soltanto una questione da addetti ai lavori, né la trama di un film di fantascienza. Proprio per questo, credo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

La sfida per la legalità riparte dai ‘boschi’: ecco come Troina ha vinto il Premio Comuni virtuosi 2020

Rispetto all’antica e originaria vocazione, che li vedeva in prima linea soprattutto nella gestione dei servizi fondamentali per i cittadini, oggi gli enti locali sono...

“Il Jazz per salvare i ragazzi, anche dal Covid”. L’idea di Massimo Nunzi, trombettista e inventore del GiocaJazz

Il suo primo incontro con la musica non è stato dei più felici. Il suo primo maestro di Conservatorio non ha riconosciuto il suo...

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...