mercoledì 14 Aprile 2021

La medicina del territorio, un modello da applicare a livello nazionale
L

I dati hanno evidenziato che le regioni che hanno una sanità basata sulla medicina del territorio, invece che nell’ospedalizzazione, hanno reagito meglio a questa emergenza. Dove i malati con i primi sintomi sono andati subito al PS degli ospedali questo ha generato contagi a catena nella popolazione e grossi problemi per la tenuta dello stesso ospedale (Codogno e altre zone lombarde insegnano).

Quando nel 2016 riuscimmo come sindaci della Valdichiana a mantenere il nostro distretto autonomo questa conquista passò come un’informazione scontata o peggio ancora inutile forse perché non si era veramente compreso il valore della medicina territoriale per la salute pubblica.

Ora è evidente: i medici di famiglia e pediatri in rete, attivi, con tutti i dati della popolazione condivisi, il servizio di igiene pubblica, gli infermieri del territorio e la nuova unità USCA, tutto è servito per avere direttamente e continuamente il polso della situazione dei cittadini (specialmente di quelli più a rischio per stili di vita, lavoro o patologie pregresse o, perché no, solitudine); è servito per fare tamponi mirati e per prevenire situazioni che potevano generare contagi incontrollati.

Per non parlare della gestione delle RSA (più gestibili – oltre che più umane – da 30 posti letto rispetto ai 620 del Pio Albergo Trivulzio), dell’assistenza sociale, dei disabili, della salute mentale e, della vera forza della medicina del territorio, ovvero la prevenzione e la medicina d’iniziativa. Io credo che dobbiamo iniziare a dirlo senza che sia lesa maestà alle efficienti ed operose regioni del Nord.

Se un modello ha funzionato, di più e meglio, dopo questa pandemia deve essere adottato in tutto il territorio nazionale per i prossimi mesi ma anche per i prossimi anni mettendoci finalmente e definitivamente più soldi. Avere una medicina del territorio efficace con risorse professionali e strumentali adeguate più vicina alla popolazione e consapevole delle necessità specifiche di un territorio non è più una scelta di destra o di sinistra ma di buon senso.


Francesca Basanieri è stata sindaca di Cortona dal 2014 al 2019 ed è presidente dell’Assemblea provinciale del Pd di Arezzo

Più letti

Calo delle nascite, ipoteca sul futuro. Con Elena Carnevali, Massimo Livi Bacci e Giorgia Serughetti

Il dodicesimo anno consecutivo di calo delle nascite, con accanto un dato che si è manifestato, in tutta la sua crudezza, per la prima...

Gagarin, sessant’anni dopo. Con Francesco Rea e Roberto Vittori

Sessant'anni fa per la prima volta l'uomo andava nello spazio. Era l'astronauta russo Yuri Gagarin.Ne parliamo a Contemporanea con l'astronauta Roberto Vittori e con il...

La ricostruzione dell’Aquila, un percorso da valorizzare assieme agli altri

Il 6 aprile scorso è stato celebrato il dodicesimo anniversario dal terremoto che ha devastato L’Aquila e molti borghi abruzzesi, causando oltre 300 vittime....

Si scrive vaccino, si legge geopolitica

Siamo ad un anno preciso dal primo lockdown in Italia per via dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. Le nostre vite sono state stravolte in...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Questa settimana in replica...

Cultura, turismo e tradizione: é la via del vino – Intervista a Dario Stefàno

Un vademecum su tutto quello che c’è da sapere sulla storia del vino, le potenzialità dell'enoturismo e il significato identitario che appartiene alla "bevanda...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Questa settimana in replica...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Si comincia con L’Intervista, di...

‘Arte, memoria, melodie silenziose: piantare il futuro’. Intervista a Paolo Fresu

È uno dei nostri musicisti più talentuosi ed autorevoli, ma è anche un artista, e un uomo, di grande sensibilità civile. La scorsa settimana...