lunedì 21 Settembre 2020

Non lasciamo indietro le scuole paritarie, rafforziamo aiuti e risorse
N

Condivido il senso di preoccupazione, e con esso tutto il disagio e la difficoltà espressi dal mondo delle scuole paritarie, attraverso questi due giorni di sciopero dalla modalità delle lezioni telematiche.

All’indomani della diffusione della bozza del decreto Rilancio la scorsa settimana, si può affermare che le misure previste per questa importante fetta dell’istruzione paritaria, che è correttamente inserita dentro al sistema nazionale di istruzione, sono insufficienti. Questi istituti rappresentano un valore educativo e sociale all’interno del nostro sistema di istruzione a carattere misto, come previsto dalla legge sulla parità scolastica (L. 62/2000 realizzata dal prof. Luigi Berlinguer, allora ministro della Pubblica Istruzione), consentendo al bilancio dello Stato un risparmio annuale di circa 7mila euro per alunno.

Bene quindi le iniziative fin qui intraprese, come l’anticipo del fondo nazionale di 539 milioni e alcuni provvedimenti contenuti nel Cura Italia (il credito d’imposta al 50% sulla sanificazione, i fondi per la pulizia straordinaria o la didattica a distanza, la CIG in deroga), e a seguire i 65 milioni per il servizio 0/6 ai quali vanno aggiunti i 5 milioni alle regioni per il riparto, contenuti nel DL Rilancio. E’ inoltre notizia delle ultime ore che alle scuole primarie e secondarie paritarie, facenti parte del sistema nazionale di istruzione, sarà erogato un contributo straordinario complessivo di 40 milioni di euro nell’anno 2020. Un importante passo avanti che, tuttavia, alle attuali condizioni, non risulta sufficiente ad appianare la fatica di tante famiglie nel pagare le rette e a fronteggiare l’indebitamento di molte scuole che si trovano in vera difficoltà nel provvedere agli stipendi degli insegnanti e del personale.

Visto il grande investimento di oltre 1,5 miliardi per la scuola in questa fase di emergenza, il nostro impegno deve tendere a implementare le risorse dei 40 milioni presenti nel “DL Rilancio” per rafforzare gli aiuti alle scuole paritarie, per il quale avanzerò, insieme a altri colleghi del PD, una proposta di emendamento specifico.

Infatti, senza un aumento di questi fondi, si paventa la chiusura di almeno il 30 per cento degli istituti paritari, con la conseguenza inevitabile di vedere riversarsi nella scuola statale circa 300mila alunni. Inoltre, a discapito del pluralismo culturale nella libertà di scelta educativa, un intero vissuto di relazioni, ricchezza educativa, valori solidi, rischia di essere sottovalutato e disperso.

Più letti

Regionali, amministrative, referendum. Urne chiuse, inizia lo spoglio

Si è votato domenica 20 (dalle 7 alle 23) e lunedì 21 settembre (dalle 7 alle 15) in 7 Regioni (Puglia, Marche, Liguria, Veneto,...

#inToscanaunvisivole, su Twitter parte l’onda anti leghista

L'hashtag popolarissimo tra i trending topic del social network

L’appello di Zingaretti alle piazze toscane: “Non consegniamo questa terra ai neofascisti”

A poche ore dalla delicata tornata elettorale di domenica e lunedì prossimi, in cui sette regioni rinnoveranno la loro giunta, Nicola Zingaretti...

“La svolta europea sull’immigrazione annunciata da Von der Leyen grazie all’Italia e al Pd”

L’annuncio del superamento del Trattato di Dublino, insieme agli altri punti toccati da Ursula Von der Leyen nel discorso di ieri sullo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...

“Scrivo come il reporter di me stesso”. A colloquio con Andrea Pomella

“Mi sento l’inviato di me stesso nel mondo che vivo, ed è questo che voglio raccontare”. È suggestiva l’immagine che ci consegna...