mercoledì 2 Dicembre 2020

Non lasciamo indietro le scuole paritarie, rafforziamo aiuti e risorse
N

Condivido il senso di preoccupazione, e con esso tutto il disagio e la difficoltà espressi dal mondo delle scuole paritarie, attraverso questi due giorni di sciopero dalla modalità delle lezioni telematiche.

All’indomani della diffusione della bozza del decreto Rilancio la scorsa settimana, si può affermare che le misure previste per questa importante fetta dell’istruzione paritaria, che è correttamente inserita dentro al sistema nazionale di istruzione, sono insufficienti. Questi istituti rappresentano un valore educativo e sociale all’interno del nostro sistema di istruzione a carattere misto, come previsto dalla legge sulla parità scolastica (L. 62/2000 realizzata dal prof. Luigi Berlinguer, allora ministro della Pubblica Istruzione), consentendo al bilancio dello Stato un risparmio annuale di circa 7mila euro per alunno.

Bene quindi le iniziative fin qui intraprese, come l’anticipo del fondo nazionale di 539 milioni e alcuni provvedimenti contenuti nel Cura Italia (il credito d’imposta al 50% sulla sanificazione, i fondi per la pulizia straordinaria o la didattica a distanza, la CIG in deroga), e a seguire i 65 milioni per il servizio 0/6 ai quali vanno aggiunti i 5 milioni alle regioni per il riparto, contenuti nel DL Rilancio. E’ inoltre notizia delle ultime ore che alle scuole primarie e secondarie paritarie, facenti parte del sistema nazionale di istruzione, sarà erogato un contributo straordinario complessivo di 40 milioni di euro nell’anno 2020. Un importante passo avanti che, tuttavia, alle attuali condizioni, non risulta sufficiente ad appianare la fatica di tante famiglie nel pagare le rette e a fronteggiare l’indebitamento di molte scuole che si trovano in vera difficoltà nel provvedere agli stipendi degli insegnanti e del personale.

Visto il grande investimento di oltre 1,5 miliardi per la scuola in questa fase di emergenza, il nostro impegno deve tendere a implementare le risorse dei 40 milioni presenti nel “DL Rilancio” per rafforzare gli aiuti alle scuole paritarie, per il quale avanzerò, insieme a altri colleghi del PD, una proposta di emendamento specifico.

Infatti, senza un aumento di questi fondi, si paventa la chiusura di almeno il 30 per cento degli istituti paritari, con la conseguenza inevitabile di vedere riversarsi nella scuola statale circa 300mila alunni. Inoltre, a discapito del pluralismo culturale nella libertà di scelta educativa, un intero vissuto di relazioni, ricchezza educativa, valori solidi, rischia di essere sottovalutato e disperso.

Più letti

Quanta ipocrisia su Diego. Era un mito anche per le sue fragilità, si chiama vita

Quante polemiche, moralismo, bigottismo e ipocrisia inutile in questi giorni su Diego Armando Maradona. Lasciate perdere. Lasciate perdere chi pensa di separare l'uomo dal giocatore...

I valori comuni europei non sono in vendita

Come ormai noto l’Ungheria e la Polonia, con il sostegno della Slovenia, hanno bloccato l’approvazione dell’accordo raggiunto faticosamente a luglio dai rappresentanti del Consiglio...

La legge sul divorzio compie 50 anni. Diede il via alla rivoluzione dei diritti

Il 1º dicembre 1970 il divorzio venne introdotto nell'ordinamento giuridico italiano. Cinquant'anni da quel primo dicembre 1970 quando il Parlamento diede il via libera alla 'Disciplina...

Cybersecurity: non la trama di un film di fantascienza, ma una impellente necessità

La cybersecurity non è più soltanto una questione da addetti ai lavori, né la trama di un film di fantascienza. Proprio per questo, credo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

La sfida per la legalità riparte dai ‘boschi’: ecco come Troina ha vinto il Premio Comuni virtuosi 2020

Rispetto all’antica e originaria vocazione, che li vedeva in prima linea soprattutto nella gestione dei servizi fondamentali per i cittadini, oggi gli enti locali sono...

“Il Jazz per salvare i ragazzi, anche dal Covid”. L’idea di Massimo Nunzi, trombettista e inventore del GiocaJazz

Il suo primo incontro con la musica non è stato dei più felici. Il suo primo maestro di Conservatorio non ha riconosciuto il suo...

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...