mercoledì 2 Dicembre 2020

Avviso Pubblico, da 24 anni l’antimafia sociale di Comuni e Regioni
A

Sono passati 24 anni da quando, il 22 maggio del 1996, un gruppo quattordici di amministratori locali, capeggiati da Massimo Calzolari, allora Sindaco del Comune di Savignano sul Panaro (Mo), sottoscrissero l’atto costitutivo di Avviso Pubblico. Un anno dopo la nascita di Libera, consapevoli della necessità di spezzare i legami tra mafie e politica, in Italia si attivava una rete di enti locali e Regioni che si proponeva di dare vita ad una rete di “legalità organizzata”, realizzando progetti di formazione civile contro le mafie.

A pochi anni dalle stragi di Capaci e di Via d’Amelio e dalle bombe fatte scoppiare a Firenze, Milano e Roma, l’Italia aveva deciso di mobilitarsi percependo drammaticamente quanto la sua democrazia fosse a rischio. In particolare, si comprese che non bastavano soltanto la magistratura e le forze di polizia per contrastare efficacemente le mafie – allora Cosa Nostra, in particolare – ma era necessario mettersi in gioco come cittadini semplici e come cittadini impegnati ad amministrare le proprie comunità.

Nei primi anni della sua vita, Avviso Pubblico si preoccupò di organizzare iniziative di sensibilizzazione pubblica in tutta Italia, coinvolgendo scuole, Comuni, cittadini e cittadine. Una collaborazione importante, che dura tuttora, fu quella con Libera, insieme alla quale si decise di promuovere la “Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”, ogni 21 marzo, primo giorno di primavera. Dal 2017, la Giornata è riconosciuta ufficialmente dalla Repubblica italiana.

Per rispondere all’esigenza di formare gli amministratori locali e i pubblici dipendenti, tra la fine degli anni novanta e gli inizi del 2000, Avviso Pubblico iniziò a pubblicare una serie di Quaderni che affrontarono vari temi, tra cui quello degli appalti e del rapporto tra mafia e politica, raccogliendo contributi di esperti e di rappresentanti istituzionali. Nel 2006 venne messo in rete il nuovo sito internet dell’Associazione, uno strumento che si rivelò fondamentale non solo per far conoscere meglio e di più Avviso Pubblico e le attività dei suoi enti soci, ma anche un punto di riferimento per la diffusione di documentazione, italiana e straniera, sul tema delle mafie e dell’antimafia.

Nel frattempo, i soci sono aumentati e questo ha richiesto la costituzione di uno staff nazionale e la creazione di coordinamenti regionali e provinciali, attraverso i quali è stato possibile raccogliere i bisogni degli amministratori locali e radicare Avviso Pubblico sui territori. Nel 2011, l’Associazione ha iniziato ad accendere un faro sul fenomeno delle minacce e delle intimidazioni nei confronti degli amministratori locali presentando il primo Rapporto “Amministratori sotto tiro”. Dalle 200 minacce censite nove anni fa, si è passati alle più di 500 del 2019. Il Rapporto ha stimolato l’organizzazione della prima marcia nazionale degli amministratori minacciati nel giugno del 2016 a Polistena (Rc), l’istituzione di una commissione d’inchiesta presso il Senato della Repubblica e l’approvazione della legge 105/2017, che punisce con maggiore severità chi minaccia gli amministratori locali in carica o chi si candida a farlo.

Nel 2012, Avviso Pubblico ha presentato un codice etico-comportamentale – denominato inizialmente “Carta di Pisa”, e successivamente, “Carta di Avviso Pubblico” – finalizzato a promuovere una politica credibile e responsabile. Nel 2014, l’Associazione ha dato l’avvio all’Osservatorio Parlamentare, un portale attraverso il quale Avviso Pubblico monitora quotidianamente e rende pubblica l’attività della Camera, del Senato e delle Commissioni parlamentari, in particolare della Commissione parlamentare antimafia.

Oggi gli enti che aderiscono ad Avviso Pubblico sono più di 400, tra cui vi sono 10 Regioni. Il suo presidente è Roberto Montà, Sindaco di Grugliasco  (To). L’attività di formazione, organizzata in un apposito Dipartimento, coinvolge ogni anno centinaia di amministratori locali e dipendenti pubblici, fornendo conoscenza aggiornata dei fenomeni mafiosi e corruttivi e, soprattutto, buone prassi amministrative che possono essere messe in atto per garantire prevenzione e trasparenza.

L’Italia non è solo il paese delle mafie. È anche il paese dell’antimafia. Accanto a quella istituzionale, da più di vent’anni è nata e si è sviluppata un’antimafia sociale, di cui i Comuni e le Regioni, attraverso Avviso Pubblico, sono protagonisti.


Pierpaolo Romani è coordinatore nazionale di Avviso Pubblico

Più letti

Quanta ipocrisia su Diego. Era un mito anche per le sue fragilità, si chiama vita

Quante polemiche, moralismo, bigottismo e ipocrisia inutile in questi giorni su Diego Armando Maradona. Lasciate perdere. Lasciate perdere chi pensa di separare l'uomo dal giocatore...

I valori comuni europei non sono in vendita

Come ormai noto l’Ungheria e la Polonia, con il sostegno della Slovenia, hanno bloccato l’approvazione dell’accordo raggiunto faticosamente a luglio dai rappresentanti del Consiglio...

La legge sul divorzio compie 50 anni. Diede il via alla rivoluzione dei diritti

Il 1º dicembre 1970 il divorzio venne introdotto nell'ordinamento giuridico italiano. Cinquant'anni da quel primo dicembre 1970 quando il Parlamento diede il via libera alla 'Disciplina...

Cybersecurity: non la trama di un film di fantascienza, ma una impellente necessità

La cybersecurity non è più soltanto una questione da addetti ai lavori, né la trama di un film di fantascienza. Proprio per questo, credo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

La sfida per la legalità riparte dai ‘boschi’: ecco come Troina ha vinto il Premio Comuni virtuosi 2020

Rispetto all’antica e originaria vocazione, che li vedeva in prima linea soprattutto nella gestione dei servizi fondamentali per i cittadini, oggi gli enti locali sono...

“Il Jazz per salvare i ragazzi, anche dal Covid”. L’idea di Massimo Nunzi, trombettista e inventore del GiocaJazz

Il suo primo incontro con la musica non è stato dei più felici. Il suo primo maestro di Conservatorio non ha riconosciuto il suo...

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...