lunedì 21 Settembre 2020

Avviso Pubblico, da 24 anni l’antimafia sociale di Comuni e Regioni
A

Sono passati 24 anni da quando, il 22 maggio del 1996, un gruppo quattordici di amministratori locali, capeggiati da Massimo Calzolari, allora Sindaco del Comune di Savignano sul Panaro (Mo), sottoscrissero l’atto costitutivo di Avviso Pubblico. Un anno dopo la nascita di Libera, consapevoli della necessità di spezzare i legami tra mafie e politica, in Italia si attivava una rete di enti locali e Regioni che si proponeva di dare vita ad una rete di “legalità organizzata”, realizzando progetti di formazione civile contro le mafie.

A pochi anni dalle stragi di Capaci e di Via d’Amelio e dalle bombe fatte scoppiare a Firenze, Milano e Roma, l’Italia aveva deciso di mobilitarsi percependo drammaticamente quanto la sua democrazia fosse a rischio. In particolare, si comprese che non bastavano soltanto la magistratura e le forze di polizia per contrastare efficacemente le mafie – allora Cosa Nostra, in particolare – ma era necessario mettersi in gioco come cittadini semplici e come cittadini impegnati ad amministrare le proprie comunità.

Nei primi anni della sua vita, Avviso Pubblico si preoccupò di organizzare iniziative di sensibilizzazione pubblica in tutta Italia, coinvolgendo scuole, Comuni, cittadini e cittadine. Una collaborazione importante, che dura tuttora, fu quella con Libera, insieme alla quale si decise di promuovere la “Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”, ogni 21 marzo, primo giorno di primavera. Dal 2017, la Giornata è riconosciuta ufficialmente dalla Repubblica italiana.

Per rispondere all’esigenza di formare gli amministratori locali e i pubblici dipendenti, tra la fine degli anni novanta e gli inizi del 2000, Avviso Pubblico iniziò a pubblicare una serie di Quaderni che affrontarono vari temi, tra cui quello degli appalti e del rapporto tra mafia e politica, raccogliendo contributi di esperti e di rappresentanti istituzionali. Nel 2006 venne messo in rete il nuovo sito internet dell’Associazione, uno strumento che si rivelò fondamentale non solo per far conoscere meglio e di più Avviso Pubblico e le attività dei suoi enti soci, ma anche un punto di riferimento per la diffusione di documentazione, italiana e straniera, sul tema delle mafie e dell’antimafia.

Nel frattempo, i soci sono aumentati e questo ha richiesto la costituzione di uno staff nazionale e la creazione di coordinamenti regionali e provinciali, attraverso i quali è stato possibile raccogliere i bisogni degli amministratori locali e radicare Avviso Pubblico sui territori. Nel 2011, l’Associazione ha iniziato ad accendere un faro sul fenomeno delle minacce e delle intimidazioni nei confronti degli amministratori locali presentando il primo Rapporto “Amministratori sotto tiro”. Dalle 200 minacce censite nove anni fa, si è passati alle più di 500 del 2019. Il Rapporto ha stimolato l’organizzazione della prima marcia nazionale degli amministratori minacciati nel giugno del 2016 a Polistena (Rc), l’istituzione di una commissione d’inchiesta presso il Senato della Repubblica e l’approvazione della legge 105/2017, che punisce con maggiore severità chi minaccia gli amministratori locali in carica o chi si candida a farlo.

Nel 2012, Avviso Pubblico ha presentato un codice etico-comportamentale – denominato inizialmente “Carta di Pisa”, e successivamente, “Carta di Avviso Pubblico” – finalizzato a promuovere una politica credibile e responsabile. Nel 2014, l’Associazione ha dato l’avvio all’Osservatorio Parlamentare, un portale attraverso il quale Avviso Pubblico monitora quotidianamente e rende pubblica l’attività della Camera, del Senato e delle Commissioni parlamentari, in particolare della Commissione parlamentare antimafia.

Oggi gli enti che aderiscono ad Avviso Pubblico sono più di 400, tra cui vi sono 10 Regioni. Il suo presidente è Roberto Montà, Sindaco di Grugliasco  (To). L’attività di formazione, organizzata in un apposito Dipartimento, coinvolge ogni anno centinaia di amministratori locali e dipendenti pubblici, fornendo conoscenza aggiornata dei fenomeni mafiosi e corruttivi e, soprattutto, buone prassi amministrative che possono essere messe in atto per garantire prevenzione e trasparenza.

L’Italia non è solo il paese delle mafie. È anche il paese dell’antimafia. Accanto a quella istituzionale, da più di vent’anni è nata e si è sviluppata un’antimafia sociale, di cui i Comuni e le Regioni, attraverso Avviso Pubblico, sono protagonisti.


Pierpaolo Romani è coordinatore nazionale di Avviso Pubblico

Più letti

Regionali, amministrative, referendum. Urne chiuse, inizia lo spoglio

Si è votato domenica 20 (dalle 7 alle 23) e lunedì 21 settembre (dalle 7 alle 15) in 7 Regioni (Puglia, Marche, Liguria, Veneto,...

#inToscanaunvisivole, su Twitter parte l’onda anti leghista

L'hashtag popolarissimo tra i trending topic del social network

L’appello di Zingaretti alle piazze toscane: “Non consegniamo questa terra ai neofascisti”

A poche ore dalla delicata tornata elettorale di domenica e lunedì prossimi, in cui sette regioni rinnoveranno la loro giunta, Nicola Zingaretti...

“La svolta europea sull’immigrazione annunciata da Von der Leyen grazie all’Italia e al Pd”

L’annuncio del superamento del Trattato di Dublino, insieme agli altri punti toccati da Ursula Von der Leyen nel discorso di ieri sullo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...

“Scrivo come il reporter di me stesso”. A colloquio con Andrea Pomella

“Mi sento l’inviato di me stesso nel mondo che vivo, ed è questo che voglio raccontare”. È suggestiva l’immagine che ci consegna...