lunedì 21 Settembre 2020

Dieci frasi-simbolo (poco conosciute) di Giovanni Falcone per capire la mafia
D

È possibile, a distanza di 28 anni dalla strage di Capaci, continuare a ricordare Giovanni Falcone con le solite due frasi che chiunque non ne abbia mai letto nulla ripete quasi a pappagallo?  Prima frase: “Come diceva Falcone, follow the money”… Là, ecco l’esperto. Oppure, seconda frase: “Falcone diceva che la mafia, come tutti i fenomeni umani, ha avuto un inizio e avrà una fine”. Oh, lei sì che l’ha studiato…
Ma quello di seguire le tracce del denaro è stato un grande insegnamento tecnico-professionale. Che ora però viene (per fortuna) praticato da quasi tutti. Mentre la fine della mafia richiede, per Falcone, un rigoroso impegno collettivo che nella formula da esperti non compare.

E se le frasi da ricordare fossero altre? Se ci fossero altre frasi capaci di trasmetterci insegnamenti e interrogativi morali e civili scomodi come fu scomodo lui? Ne ho selezionate dieci e ve le consegno. Rifletteteci, cercatene il significato più profondo, anche rispetto alla nostra realtà di tutti i giorni. E sarà un 23 maggio più ricco, perfino più bello.

1. A PROPOSITO DEI MAGISTRATI CHE NON CAPISCONO NULLA DI MAFIA
“Uno dei miei colleghi romani, nel 1980, va a trovare Frank Coppola, appena arrestato, e lo provoca: ‘Signor Coppola, che cosa è la mafia?’. Il vecchio, che non è nato ieri, ci pensa su e poi ribatte: ‘Signor giudice, tre magistrati vorrebbero oggi diventare procuratore della Repubblica. Uno è intelligentissimo, il secondo gode dell’appoggio dei partiti di governo, il terzo è un cretino, ma proprio lui otterrà il posto. Questa è la mafia…”.

2. A PROPOSITO DEL BISOGNO DI RIGORE PROFESSIONALE DI MAGISTRATI E INVESTIGATORI
“Solo il rigore professionale di magistrati e investigatori darà alla mafia la misura che la Sicilia non è più il cortile di casa sua e quindi servirà a smontare l’insolenza e l’arroganza del mafioso che non si inchina all’autorità dello Stato”.

3. A PROPOSITO DELLO STATO CHE SI LIBERA DEI MIGLIORI SERVITORI
“Anche lo Stato, infatti, in certi casi cede alla tentazione di liberarsi del singolo inquirente scomodo rimuovendolo o destinandolo ad altra sede”.

4. A PROPOSITO DELLA SUPERIORITA’ DELLO STATO-MAFIA
“Confrontandomi con lo ‘Stato-mafia’ mi sono reso conto di quanto esso sia più funzionale ed efficiente del nostro Stato e quanto, proprio per questa ragione, sia indispensabile impegnarsi al massimo per conoscerlo a fondo allo scopo di combatterlo”.

5. A PROPOSITO DELLO STATO-PENDOLO
“Questo è il quadro realistico dell’impegno dello Stato nella lotta alla criminalità organizzata. Emotivo, episodico, fluttuante. Motivato solo dall’impressione suscitata da un dato crimine o dall’effetto che una particolare azione governativa può esercitare sull’opinione pubblica”.

6.A PROPOSITO DELLA POLITICA CHE PRENDE ORDINI DALLA MAFIA
“E’ evidente che è la mafia ad imporre le sue condizioni ai politici, e non viceversa”.

7. A PROPOSITO DEI PICCOLI E GRANDI MAESTRI CANTORI
“La mafia, lo ripeto ancora una volta, non è un cancro proliferato per caso su un tessuto sano. Vive in perfetta simbiosi con la miriade di protettori, complici, informatori, debitori di ogni tipo, grandi e piccoli maestri cantori, gente intimidita o ricattata che appartiene a tutti gli strati della società. Questo è il terreno di coltura di Cosa Nostra con tutto quello che comporta di implicazioni dirette o indirette, consapevoli o no, volontarie o obbligate, che spesso godono del consenso della popolazione”.

8. A PROPOSITO DELLE STUPIDAGGINI E DELLE FOLLIE DEGLI ONESTI
“In certi momenti questi mafiosi mi sembrano gli unici esseri razionali in un mondo popolato da folli”.

9. A PROPOSITO DI INTELLETTUALI E POLITICI FIANCHEGGIATORI
“La mafia è razionale […] Se la minaccia non raggiunge il segno, passa a un secondo livello, riuscendo a coinvolgere intellettuali, uomini politici, parlamentari, inducendoli a sollevare dubbi sull’attività di un poliziotto o di un magistrato ficcanaso, o esercitando pressioni dirette a ridurre il personaggio scomodo al silenzio”.

10. A PROPOSITO DELLE SOLITUDINI MORTALI
“Si muore generalmente perché si è soli o perché si è entrati in un gioco troppo grande. si muore spesso perché non si dispone delle necessarie alleanze, perché si è privi di sostegno. In Sicilia la mafia colpisce i servitori dello stato che lo stato non è riuscito a proteggere”.

Più letti

Regionali, amministrative, referendum. Urne chiuse, inizia lo spoglio

Si è votato domenica 20 (dalle 7 alle 23) e lunedì 21 settembre (dalle 7 alle 15) in 7 Regioni (Puglia, Marche, Liguria, Veneto,...

#inToscanaunvisivole, su Twitter parte l’onda anti leghista

L'hashtag popolarissimo tra i trending topic del social network

L’appello di Zingaretti alle piazze toscane: “Non consegniamo questa terra ai neofascisti”

A poche ore dalla delicata tornata elettorale di domenica e lunedì prossimi, in cui sette regioni rinnoveranno la loro giunta, Nicola Zingaretti...

“La svolta europea sull’immigrazione annunciata da Von der Leyen grazie all’Italia e al Pd”

L’annuncio del superamento del Trattato di Dublino, insieme agli altri punti toccati da Ursula Von der Leyen nel discorso di ieri sullo...

Articoli correlati

1 COMMENTO

  1. Tutte frasi da ricordare e sulle quali riflettere, ma soprattutto la quinta meriterebbe di essere posta a fondamento di una decisa azione di contrasto alla criminalità organizzata: lo Stato non deve limitarsi ad un impegno “…emotivo, episodico, fluttuante. Motivato solo dall’impressione suscitata da un dato crimine o dall’effetto che una particolare azione governativa può esercitare…” Lo Stato dovrebbe agire con determinazione costante, impegnando con forza e continuità tutti i suoi organi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...

“Scrivo come il reporter di me stesso”. A colloquio con Andrea Pomella

“Mi sento l’inviato di me stesso nel mondo che vivo, ed è questo che voglio raccontare”. È suggestiva l’immagine che ci consegna...