giovedì 9 Luglio 2020

L’università deve essere messa al centro dell’azione politica
L

Da anni questo paese si trova ad affrontare un problema non indifferente per quanto riguarda il mondo accademico. Da una parte il numero di laureati italiani è inferiore rispetto alla media europea e, dall’altra, non si riesce a fermare l’emorragia di neolaureati che lasciano il nostro paese in cerca di un futuro migliore all’estero. Ogni ragazzo costretto a lasciare il paese per potersi realizzare è una sconfitta per tutti perché non solo priva l’Italia delle sue migliori risorse ma dà anche l’idea di un paese non in grado di dare una possibilità alle nuove generazioni.

Non è una questione che si può limitare ad alcuni corsi da laurea (come possono essere medicina, fisica o ingegneria) ma è un problema endemicamente diffuso in tutti gli atenei. Io studio Beni Culturali e, nonostante l’Italia sia uno dei paesi che più di tutti dovrebbe comprendere la necessità di investire sulla cultura, il mio futuro è, per essere gentili, incerto. Davanti a me vedo gli esami per diventare guide turistiche fermi al 2014, le sovrintendenze sovraccariche di lavoro ma con personale assente e il nostro patrimonio culturale, soprattutto quei siti meno conosciuti e visitati, troppo spesso poco valorizzato e tutelato. Ma come me molti altri ragazzi condividono un senso di insicurezza e angoscia verso un futuro difficile e che da ben poche sicurezze.

Oggi più che mai bisogna rimettere i giovani e le università al centro dell’azione politica. Il virus ci costringe a fare spesa in deficit che, inesorabilmente, dovrà essere ripagata dalla mia generazione e, proprio per questo, credo che i nostri interessi debbano essere tenuti in considerazione. Se siamo noi a dover ripagare il debito che faremo oggi non è forse giusto che, almeno, le nostre idee vengano ascoltate? Sono stati elargiti molti soldi a lavoratori e imprese, ma troppo pochi per gli studenti universitari. Sarebbe stata una bella idea, ad esempio, estendere la validità delle rate pagate quest’anno anche al prossimo anno accademico, soprattutto alla luce delle molte difficoltà che gli studenti stanno riscontrando nella didattica a distanza. Perché no, la didattica a distanza, non sta funzionando (per non dire che è un semi-fallimento).

Un’altra idea sarebbe quella di evitare che chi resti indietro di qualche esame, magari perché non ha un computer o una connessione sufficientemente veloce e stabile, non debba pagare la mora per i fuori corso. Un’altra iniziativa che andrebbe intrapresa sarebbe quella di stanziare un fondo per aiutare quegli studenti fuori sede, magari già anche tornati a casa, costretti a continuare a pagare l’affitto. Per non parlare poi della mancanza di organizzazione verso la riapertura degli atenei che, a quanto pare, vogliono prolungare la didattica a distanza fino al 2021. Ma se parte l’ippica, ripartono le palestre e le piscine, riaprono i negozi e i centri estetici, perché l’università deve aspettare gennaio 2021 e non può riaprire, in sicurezza, già a settembre (almeno per gli esami)?

Ma l’attenzione all’università non si può fermare solo alle misure emergenziali per superare la fase di pandemia che stiamo vivendo. Serve una nuova attenzione al mondo accademico sia per quanto riguarda le borse di studio, cronicamente insufficienti rispetto alle richieste, che gli alloggi per i fuori sede, troppo spesso dover pagare un affitto diventa un’impresa troppo ardua per molte famiglie italiane, passando per un rinnovamento della classe docente che dia spazio alle nuove generazioni. Quando dico che la classe docente deve essere rinnovata non lo dico per una qualche forma di antipatia verso chi ha i capelli bianchi ma perché, troppe volte, mi sono trovato davanti a professori che ripetono le stesse cose da decine e decine di anni e sono, loro per primi, stufi e questo si riflette negativamente sulla qualità dell’insegnamento.

Dall’università uscirà la classe dirigente di domani e, proprio per questo, dovrebbe essere messa al centro dell’azione politica.

Più letti

La politica e la sfida della pianificazione urbanistica nel post Covid

La crisi infettiva legata al Covid 19 e le conseguenti misure di contrasto alla diffusione basate sul distanziamento fisico hanno indotto molti...

Ci saranno altre Ocean Viking. In futuro serviranno risposte e tempi certi

La vicenda Ocean Viking si è conclusa ma non sarà il primo né l’ultimo caso simile. Una previsione tanto facile da fare...

Contratti, digitale, appalti e ambiente: nel Dl Semplificazioni il futuro del Paese

Il Governo ha approvato ieri il decreto legge “Semplificazioni” un provvedimento importante e molto atteso per accompagnare con procedure più rapide e...

Dl semplificazioni: ecco le misure per far ripartire l’Italia

Ripartiamo con le opere, la semplificazione e la sburocratizzazione per dare modo al Paese di ripartire, ma senza lasciare nessuno spazio alla...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Sport significa inclusione e coesione, diamo alle associazioni gli strumenti che meritano

Una scelta importante, in un momento di forte attenzione per tutto il mondo sportivo. Come PD vogliamo sottolineare l’importanza dello sport, ricordando...

‘Bonus vacanze’ da oggi al via: come si ottiene e a chi spetta

Come stabilito nel decreto rilancio, da oggi primo luglio scatta la possibilità per gli italiani di richiedere il 'Bonus vacanze'. Un'iniziativa che...

La scrittura per evadere dai social e dal ‘cattivismo’. La lezione di Francesco Trento

Il Coronavirus ci ha bloccato in casa 2 mesi. Un tempo lunghissimo che ci ha costretto a rivedere le nostre priorità ma anche...

Il design della distanza

Tratto da Covid and the City. Le città che saremo, serie POST sulle città dopo il coronavirus. Domande, appunti, proposte concrete. Saremo...

Lavoratrici e lavoratori dello spettacolo, che fare (ora)?

La crisi funziona sempre come un amplificatore delle disfunzionalità di sistema. Il trauma interrompe il tessuto della quotidianità e della “normalità”, ma...