giovedì 2 Luglio 2020

Enrico Berlinguer e il ricordo di quella svolta che cambiò il corso della storia
E

Era il 28 novembre del 1980. Mi ricordo una figura minuta, sottile, un po’ incurvata. Arrivò con un fascio di giornali e andò al tavolo della presidenza. C’era tensione, anche paura, in tanti scoramento. Ero un giovanissimo militante della FGCI di Salerno e il terremoto di 5 giorni prima, quei terribili 35 secondi, aveva raso al suolo gran parte dell’entroterra campano e seppellito tra le macerie oltre 2000 vittime.

Quell’uomo esile e carismatico, sottile e forte, gentile e fermo, era Enrico Berlinguer, il capo del partito Comunista italiano. Andò su luoghi della tragedia, vide paesi sventrati, comunità disperse e disperate, spesso già fiaccate dall’arretratezza, dall’emigrazione, dalla mancanza di sviluppo e lavoro. Rimase a lungo silenzioso, poche domande rivolte ai dirigenti locali, osservò il disastro.

Poi comunicò a Salerno la fine di una lunga fase, durata otto difficilissimi anni, che avevano caratterizzato la proposta politica del PCI e che si era chiamata compromesso storico. La necessità di un dialogo e di un incontro con i cattolici e con la democrazia cristiana, maturata agli inizi della segreteria di Enrico Berlinguer, all’inizio degli anni Settanta, per fermare il pericolo di crescenti tentazioni autoritarie e golpiste, il connubio di poteri oscuri e criminali con parti dello Stato, la saldatura di un blocco conservatore e reazionario.

Furono anni complessi, segnati da vittorie elettorali, dall’illusione di poter entrare a pieno titolo nell’area di governo, da momenti tragici come il rapimento e l’uccisione di Moro, dal terrorismo e dalla strategia della tensione. Il compromesso storico sfociò in una formula di governo cauta e insufficiente, nella solidarietà nazionale, con il PCI relegato a forme di sostegno esterno a governi dominati dalla democrazia cristiana.

Furono gli anni anche di una nuova collocazione strategica internazionale del PCI, progressivamente conscio della necessità di liberarsi dall’asfissiante rapporto con il sistema totalitario e illiberale dell’Unione Sovietica e di accettare pienamente la collocazione dell’Italia nell’area atlantica. Il tentativo di dare vita ad un’alleanza dei partiti comunisti europei, e ad una loro autonomia da Mosca, ebbe la funzione di rendere progressivamente evidente e non più rinviabile un processo di distanziamento, che sfociò nell’espressione usata da Berlinguer nel 1979 sull’esaurimento di una “spinta propulsiva” iniziata con la rivoluzione di ottobre.

Era il tentativo di reinventare la sinistra, riducendo al minimo gli inevitabili contraccolpi di un radicale cambiamento.

Spinto da quelle macerie, da quella tragedia, Berlinguer portò a sintesi e conclusione le riflessioni, e l’amarezza, maturata nell’ultimo triennio degli anni settanta: era giunto il momento di riportare il PCI all’opposizione e di attestarlo sul fronte dell’alternativa democratica. Quella che Emanuele Macaluso definì la seconda svolta di Salerno, fu una seconda vita di Enrico Berlinguer e della sua leadership del PCI.

Furono gli anni nei quali il PCI sollevò la questione morale come questione nazionale, denunciò il crescere del peso delle mafie nell’economia e le sue collusioni con la politica di governo, aprì un duro scontro sociale a difesa della scala mobile, si aprì con più radicalità alle istanze femministe e pacifiste. Furono anche gli anni dello scontro con Il nuovo Psi di Craxi emerso dal Midas e che appariva all’improvviso come una forza più attrattiva e moderna, più in grado di contrastare l’egemonia democristiana, più in linea con le paillettes e l’edonismo del decennio che si apriva.

Anche quegli ultimi quattro anni di segreteria di Berlinguer non furono semplici e furono segnati da arretramenti e sconfitte. 

La sera del 7 giugno 1984, durante quel comizio a Padova, vedemmo Berlinguer soffrire, annaspare, riprendere testardamente la voce e il filo del suo comizio, esortare ancora una volta i militanti e i dirigenti a non fermarsi, a lavorare, a combattere per i propri ideali. E poi quattro giorni di agonia, di angoscia, di sofferenza per una parte del Paese che lo riconosceva come il leader, il punto di riferimento. Di dispiacere e partecipazione per tutti gli altri, che gli riconoscevano una serietà, una dirittura morale, una coerenza con le sue idee, non comuni, quasi fuori dal tempo.

Fu facile per gli italiani pensare, e dire, Berlinguer ti vogliamo bene.

Rimane tanto di Berlinguer nella storia e nell’immaginario italiano, anche oggi. Rimane il tratto politico: rigoroso, lucido, appassionato. Rimane il tratto umano: dolce, gentile, pacato, sorridente. Rimane il tratto teorico: l’ostinazione della ricerca, della voglia di capire, della necessità di interpretare un mondo intricato, difficile, attraversato da impetuose trasformazioni. Rimane la determinazione a guidare il più grande partito comunista dell’occidente verso la lotta per una società più giusta, più libera, più democratica.

Il PD è un incrocio di culture progressiste e riformiste  diverse, tutte coessenziali. L’insegnamento di Berlinguer, come quello di altri grandi protagonisti positivi della nostra storia, ci appartiene.

E mi appartiene quell’immagine che conserva un giovanissimo militante meridionale, quel fotogramma che contribuì a cambiare il corso della storia.


Nicola Oddati è il responsabile Cultura e Coordinamento dell’iniziativa politica nella segreteria nazionale del Partito Democratico

Più letti

“Omotransfobia e misoginia, una legge per ridurre le disuguaglianze”. Parla Alessandro Zan

Nell’Unione europea tutti i grandi Paesi hanno leggi che tutelano le persone dall’odio legato all’orientamento sessuale e all’identità di genere. Tutti tranne...

Più soldi in busta paga per 16 milioni di lavoratori. Ed è solo il primo passo

https://youtu.be/ubJRs5qctm8 Oggi è un giorno importante perché entra in vigore una delle misure più significative che il...

Il nuovo Mes un risultato da rivendicare, per l’intero governo. Parla Nicola Oddati

Il taglio del cuneo fiscale inserito nell’ultima Legge di Bilancio in vigore da oggi, che significherà 100 euro in più in busta...

In Puglia una lista di amministratori locali per una nuova alba politica

È inutile girarci intorno: il terreno dei personalismi, dei cambi di casacca, delle individualità ha cancellato il confronto delle idee e dei...

Articoli correlati

2 COMMENTI

  1. Non cambiò il corso della storia…sarebbe cambiato se ci fosse stato il governo di coalizione, se con Moro non fosse morto politicamente anche Berlinguer, come disse Chiaromonte in un’intervista credo ripresa nel film di Veltroni.
    “Spinto da quelle macerie, da quella tragedia, Berlinguer portò a sintesi e conclusione le riflessioni, e l’amarezza, maturata nell’ultimo triennio degli anni settanta: era giunto il momento di riportare il PCI all’opposizione e di attestarlo sul fronte dell’alternativa democratica. Quella che Emanuele Macaluso definì la seconda svolta di Salerno, fu una seconda vita di Enrico Berlinguer e della sua leadership del PCI.”
    Fu invece una successione di sconfitte e arretramenti elettorali.
    E terminò la spinta innovativa nel PCI.

  2. Caro Nicola ,
    Eravamo nella stessa stanza della federazione di Salerno quella sera. Te eri a casa tua , io venivo da Ponte Milvio atterrato a Senerchia la notte di Martedi in una situazione che non potrò mai dimenticare finché campo. Con me i compagni volontari della FGCI Romana selezionati direttamente da Walter che si volle assicurare di mandare giù una squadra efficiente dal punto di vista della risposta fisica. Enrico Berlinguer , se ti ricordi, prima di cominciare la conferenza stampa parlò con tutti noi. Volle avere la conferma da chi era sul campo che la risposta delle Istituzioni era stata , fino a quel momento , ridicola. La svolta di Salerno , come è stata chiamata dalla storia , fu suffragata dai militanti. Eravamo insieme anche a Padova. Anche quei momenti non li potrò mai scordare, non potrò mai dimenticare l’ angoscia di una figlia che vede suo padre piegarsi su sé stesso su un palco. Per me la militanza politica terminò in quel periodo. Come per tanti con cui vissi quei momenti e quei periodi. Ero sicuro che non si sarebbe rivisto un leader con quel carisma e quella sensibilità. A distanza di 40 anni devo purtroppo riaffermare che non avevo sbagliato. Un abbraccio , Marco

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

‘Bonus vacanze’ da oggi al via: come si ottiene e a chi spetta

Come stabilito nel decreto rilancio, da oggi primo luglio scatta la possibilità per gli italiani di richiedere il 'Bonus vacanze'. Un'iniziativa che...

La scrittura per evadere dai social e dal ‘cattivismo’. La lezione di Francesco Trento

Il Coronavirus ci ha bloccato in casa 2 mesi. Un tempo lunghissimo che ci ha costretto a rivedere le nostre priorità ma anche...

Il design della distanza

Tratto da Covid and the City. Le città che saremo, serie POST sulle città dopo il coronavirus. Domande, appunti, proposte concrete. Saremo...

Lavoratrici e lavoratori dello spettacolo, che fare (ora)?

La crisi funziona sempre come un amplificatore delle disfunzionalità di sistema. Il trauma interrompe il tessuto della quotidianità e della “normalità”, ma...

Street Art, un nuovo Rinascimento. Se non in Italia, dove?

Negli ultimi anni il fenomeno della street art è diventato di dominio mondiale. Quelli che in un tempo, ormai lontano, venivano definitivi...