lunedì 28 Settembre 2020

Un osservatorio giuridico a tutela e a sostegno del terzo settore
U

E’ stato presentato nel corso di un digital event sulla piattaforma Zoom e servirà ad offrire studi, proposte, approfondimenti di carattere normativo sul Terzo settore e sull’economia sociale.

Si tratta di Terzjus, l’Osservatorio giuridico sul Terzo Settore,  https://terzjus.it/ un progetto promosso da Luigi Bobba, ex sottosegretario al lavoro ed ex presidente delle Acli, che precisa: “E’ un progetto nato nella seconda metà dell’anno scorso, pronto già a marzo scorso, ma che presentiamo solo ora a causa del lockdown e servirà ad accompagnare l’applicazione della riforma del Terzo Settore, ancora non pienamente attuata. Coinvolge undici soggetti (Airc, Auser, Fondazione Italia Sociale, Rete Misericordie e solidarietà, Open Italia no profit, Anpas, Consorzio sistema integrato Welfare ambito Br3, Forum nazionale del terzo settore, Acli, Assifero e Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili).

Il Comitato scientifico è composto da una quarantina di esperti, professori universitari, studiosi di questa materia, anche di altri Paesi: tra cui Tiziano Treu, Stefano Zamagni, Marcello Clarich, Andrea Bassi, Giancarlo Montedoro, per citarne alcuni. “E’ una realtà nuova – aggiunge Bobba – dal momento che esistono oggi prevalentemente centri studio e ricerca che affrontano l’argomento dal punto di vista economico e sociale. Sarà un organismo di indirizzo e proposta per le pubbliche amministrazioni – quindi Regioni, Enti locali – che vogliano tutelare in modo concreto quei diritti più a rischio dopo la pandemia- alludo a quelli dei bambini, disabili e anziani – e combattere le disuguaglianze più evidenti. In questa fase di rilancio del Paese, credo, si stia capendo che lo Stato non possa fare tutto da solo. Occorre creare spazi per i soggetti del terzo settore che, però, hanno bisogno di essere supportati”.

Secondo l’ex presidente Acli tre sono i punti della sua riforma che dovrebbero ancora essere attuati perché i diritti dei più fragili diventino reali.

“Occorre – spiega- che sia incardinato un Registro nazionale del Terzo settore, come strumento di informazione e controllo. Manca l’ok dalla Commissione europea alla possibilità di introdurre agevolazioni fiscali in quanto il Governo italiano e’ in ritardo nella formulazione della richiesta. Servono risorse economiche per rendere universale il servizio civile, che dovrebbero arrivare con il decreto Rilancio”.

Bobba non ha partecipato agli Stati generali. “A Villa Pamphili sono state ascoltate le associazioni di rappresentanza. “Stamattina  alla presentazione – annuncia – saranno presenti esponenti del Governo. Capiremo se ci sia la volontà concreta di collaborare. La nostra riforma è valida, tanto che è punto di riferimento per molti Paesi. Fino ad ora il passo per completare  e attuare la Riforma è stato troppo lento. Bisogna accelerare, anche perché la Commissione europea ha aperto la possibilità di attingere dal Recovery Fund risorse da utilizzare non solo come strumenti di sostegno alla crescita, ma anche di rafforzamento della coesione sociale. Non c’è tempo da perdere, dunque. Sugli altri strumenti come il reddito di cittadinanza? Si tratta di una misura importante, ma va ricalibrata. Fino ad ora è stata pensata per single, e, invece servirebbe aiutare  in particolare le famiglie con minori. E poi non è servito a favorire un inserimento lavorativo”.

Le prime iniziative dell’Osservatorio? “Oggi – ancora Bobba – attiviamo il sito che potrà essere un prezioso punto di riferimento per i tanti studiosi della materia. Entro i primi mesi del 2021 presenteremo il Rapporto sullo stato di attuazione della riforma”.

L’Osservatorio opererà con risorse economiche messe a disposizione dai soci fondatori e da alcune fondazioni bancarie.


Cinzia Ficco è ideatrice e curatrice del blog Tipi Tosti, dove è comparso per la prima volta questo articolo

Più letti

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...