mercoledì 30 Settembre 2020

Non lasciamo i Paesi poveri in balia del Covid. Serve un’Assemblea permanente dell’Onu
N

“…Tutto quanto accade una volta potrebbe non accadere mai più… Ma tutto quanto accade due volte accadrà certamente una terza…”(Paulo Coelho, Le Valchirie)

Dal 31 dicembre 2019 all’8 luglio 2020, sono stati registrati nel mondo oltre 12 milioni di contagi. In Africa, sono 509.003, in America 6.136.111, in Europa 2.513.645, in Asia 2.631.961, con 543. 902 decessi ufficiali. Le cifre sono ovviamente sottostimate perché in molti Paesi non esiste un sistema sanitario capace di registrare i malati. La pandemia quindi esiste e si sta diffondendo soprattutto tra le popolazioni più povere. C’è il rischio di nuovi focolai in Italia a causa dei viaggi di ritorno da molti Paesi? Certamente. Vedi Bangladesh. E allora cosa fare? Chiudere frontiere e voli internazionali? In una prima fase possono dare qualche risultato, ma la soluzione è altrove.

Ci siamo disinteressati a lungo delle “Neglected Tropical Diseases”, malattie “dimenticate” che fanno ammalare oltre 2 miliardi di persone, e decine di milioni ne muoiono ogni anno. Conosco bene queste malattie e questi malati. Si tratta sempre di persone che vivono in paesi impoveriti. Quando qualcuna di queste malattie come Ebola, sembra che arrivi anche nei Paesi ricchi, allora fingiamo di interessarcene e lanciamo campagne per la ricerca di un vaccino. In realtà scampato il pericolo del loro trasferimento da noi, torniamo tranquilli ai nostri affari. Continuando a lasciare questi Paesi in balia della loro povertà e insufficienza di servizi sociali, educativi e sanitari.

Ora però qualcosa è cambiato. Il Covid-19 sembrava una epidemia dell’Occidente e abbiamo lavorato con impegno e sacrifico per contrastarla. In Italia abbiamo raggiunto risultati straordinari grazie sempre a professionisti di eccellenza. Ma ora la stessa epidemia viaggia veloce nei Paesi impoveriti e il nostro piccolo pianeta è sempre più interconnesso. Possiamo isolarci dal resto del mondo? No. E allora? Forse è tempo che i capi di Stato e le agenzie delle Nazioni Unite si uniscano per combattere insieme questo grande pericolo per l’umanità, non lasciando che ognuno cerchi di salvarsi da solo a scapito di altri. Altrimenti avremo sempre numerosi “positivi per caso”. Perché non organizzare un Piano Marshall contro la pandemia da SARS-CoV-2? Un’Assemblea permanente delle Nazioni Unite, fino alla fine della Pandemia. Un’utopia? I virus non utilizzano passaporti e se ne infischiano dei confini tra un Paese e l’altro!

Più letti

“Sprecare sempre meno cibo: il futuro passa da qui”. Colloquio con Andrea Segrè

Oggi si celebra la prima giornata internazionale della Consapevolezza sulle perdite e gli sprechi alimentari, istituita a fine 2019 dalle Nazioni Unite.

“Ideali e concretezza, combatteremo per una nuova politica”. La risposta di Zingaretti alle sardine

Caro Mattia,in primo luogo grazie per il tuo ennesimo contributo. Il sentimento di insoddisfazione verso la politica italiana attraversa anche tutti noi....

Perché la questione di genere deve essere centrale nel Recovery Plan

Ripresa e resilienza sono le due parole scelte per segnare la risposta europea alla crisi generata dalla pandemia ancora in corso, e...

Arriva il bonus per i pagamenti elettronici. Ecco come funziona

Da quanto tempo sentite dire che l'Italia è il Paese in Europa con il più alto tasso di evasione fiscale? Eppure nulla...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...