martedì 29 Settembre 2020

Sport e scuola. Dal decreto Rilancio una boccata di ossigeno
S

Il decreto Rilancio approvato alla Camera e che dovrà essere convertito entro il 18 luglio, è stato il risultato di un grande lavoro.

Tuttavia, due emendamenti del gruppo Pd non sono stati approvati, quindi, con determinazione, li ho ripresentati come ordini del giorno e alla fine sono stati accolti con 278 voti favorevoli. 

Questi provvedimenti riguardano la scuola e lo sport: due mondi che tra loro devono necessariamente dialogare. Questi sono stati e sono i miei mondi, per essere stata in primis una docente e poi aver svolto il ruolo di Assessore allo sport per la Provincia di Roma. 

Il primo emendamento riguarda una delle grandi problematiche della scuola:  la discontinuità della didattica. Per questo il mio ordine del giorno impegna il governo, alla ripresa dell’anno scolastico, a garantire la stabilità dell’organico di fatto per gli studenti di ogni ordine e grado. 

Aver passato anni nelle aule scolastiche, di periferia e non, mi ha permesso di entrare a contatto anche con realtà disagiate, per le quali la scuola diventa un punto di riferimento sul territorio, oltre che un luogo di inclusione sociale.

L’altro emendamento si occupa di sport. L’associazionismo sportivo di base è linfa vitale di ogni società. Perciò abbiamo ribadito la necessità del credito d’imposta del 50% sulle sponsorizzazioni, visto che l’emendamento era stato bocciato in commissione bilancio. Le sponsorizzazioni, soprattutto per le associazioni sportive, rappresentano ossigeno per sopravvivere: spesso coprono le spese di gestione e costituiscono da sempre un indispensabile contributo.

Moltissime associazioni sportive non beneficiano dei proventi dei diritti televisivi e comunque questi non sempre sono sufficienti. L’intero movimento, dalle grandi alle piccole associazioni, ha bisogno di un supporto concreto. Faccio un esempio tangibile: l’84% dei ricavi delle società di pallacanestro è costituito dalle sponsorizzazioni quindi dire che sono essenziali è riduttivo.

Le aziende che investono sul territorio e che credono nello sport vanno incentivate e agevolate, a maggior ragione in una situazione di forte carenza di liquidità come quella di oggi. Lo sport di base costituisce le fondamenta di tutto il sistema e tutte le discipline sportive risultano penalizzate dal non inserimento di questa previsione nel decreto.

Molte realtà sono in seria difficoltà e rischiano la chiusura, nonostante in questo periodo di particolare crisi economica lo sport rivesta un’importanza fondamentale come strumento di coesione sociale. Ma lo sport, è bene ricordarlo, è anche fonte di lavoro e ricchezza e per questo deve essere considerato alla pari di altre categorie economiche.

Pensiamo anche a tutti i 131 mila collaboratori sportivi che durante il lockdown hanno potuto usufruire dei 600 euro ma che se un’associazione sportiva dovesse chiudere o diminuire il proprio organico si ritroveranno senza lavoro.

Investire nello sport non vuol dire dedicarsi a problemi secondari, ma avere cura di tutte quelle realtà radicate nel territorio che offrono servizi. 

Per fare il punto sul decreto Rilancio, sono stati inseriti interventi strutturali e di rilievo in materia. Mi riferisco alla proroga delle concessioni degli impianti pubblici di 3 anni che è di fondamentale importanza soprattutto a Roma, dove le associazioni sportive sono state gravemente danneggiate durante il lockdown e che ora possono riprendere fiato. Una proroga senza condizioni ad esempio permette la revisione dei mutui

Poi, l’estensione fino al 30 settembre 2020 della sospensione dei termini per il pagamento dei canoni di locazione e concessori relativi all’affidamento degli impianti sportivi pubblici, indispensabile per favorire il recupero dei mancati proventi durante la sospensione delle attività. Ancora, il fondo per il rilancio del sistema sportivo nazionale e il superbonus al 110% di cui possono usufruirne anche le associazioni e le società sportive dilettantistiche per la ristrutturazione degli spogliatoi.

La sofferenza del mondo dello sport è davanti agli occhi di tutti e la politica ha necessariamente dovuto fare la sua parte per permettere alle associazioni di ripartire disponendo come prima cosa un sostegno economico alle società sportive che operano nei territori.

L’emergenza sanitaria ha portato alla luce le criticità della scuola e dello sport, c’è ancora molto da fare ma io, come deputata, professoressa e amante dello sport farò la mia parte. Sono certa che ulteriori riflessioni e attenzioni saranno dedicate a queste due realtà anche dai miei colleghi.

In primis, stiamo lavorando sul “Testo unico in materia di sport” che conferirà sistematicità alla materia e sui contratti dei lavoratori sportivi, poi il Decreto scuola che ha sanato alcune fragilità ad esempio prevedendo più tutele per gli alunni con disabilità, poteri speciali ai sindaci in materia di edilizia scolastica, ma soprattutto il concorso straordinario con l’immissione in ruolo di ulteriori 32.000 insegnanti.

Questa è la politica in cui credo, una politica che non lascia indietro nessuno e per la quale mi batterò sempre.

Patrizia Prestipino, deputata Pd, docente e membro della commissione Scuola di Montecitorio

Più letti

“Sprecare sempre meno cibo: il futuro passa da qui”. Colloquio con Andrea Segrè

Oggi si celebra la prima giornata internazionale della Consapevolezza sulle perdite e gli sprechi alimentari, istituita a fine 2019 dalle Nazioni Unite.

“Ideali e concretezza, combatteremo per una nuova politica”. La risposta di Zingaretti alle sardine

Caro Mattia,in primo luogo grazie per il tuo ennesimo contributo. Il sentimento di insoddisfazione verso la politica italiana attraversa anche tutti noi....

Perché la questione di genere deve essere centrale nel Recovery Plan

Ripresa e resilienza sono le due parole scelte per segnare la risposta europea alla crisi generata dalla pandemia ancora in corso, e...

Arriva il bonus per i pagamenti elettronici. Ecco come funziona

Da quanto tempo sentite dire che l'Italia è il Paese in Europa con il più alto tasso di evasione fiscale? Eppure nulla...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...