martedì 29 Settembre 2020

Più donne ai vertici. Perché serve ora raggiungere la parità, anche nel Pd
P

A 25 anni da Pechino anche per Roma è tempo di bilanci sui progressi compiuti rispetto agli obiettivi strategici sottoscritti allora, in particolare sull’accesso paritario a ruoli e responsabilità di vertice. Un compito per chi ha responsabilità di governo e istituzionali, per le forze politiche (su questo fronte un segnale molto positivo arriva dalla proposta bipartisan a prima firma Pinotti per la promozione dell’equilibrio di genere negli organismi pubblici in attuazione dell‘articolo 51 della Costituzione), per le comunità sociali, culturali, i movimenti, le associazioni, i sindacati, le organizzazioni datoriali. Per tutti quei soggetti, insomma, che concorrono al progresso della società.

Un compito anche per noi, donne democratiche che – insieme a tanti uomini – crediamo e sappiamo che il cambiamento che serve al Paese si può realizzare solo attraverso la piena inclusione dei saperi, delle competenze, delle esperienze, dei talenti femminili, dello sguardo delle donne nelle politiche, le scelte, le azioni che vengono messe in campo.

E’ quindi rispetto all’obiettivo del rafforzamento della partecipazione e delle donne in tutti i settori della vita politica, sociale, economica, culturale, del superamento delle disuguaglianze e discriminazioni di genere nell’accesso al potere, che come Partito Democratico, come prima forza progressista e riformista italiana, dobbiamo chiederci a che punto siamo. Si tratta infatti di uno dei target principali della piattaforma di Pechino, dell’Agenda 2030 dell’Onu, ma anche di un principio fondamentale contenuto nell’articolo 3 della nostra Costituzione e nell’articolo 3 del nostro Statuto nazionale.

E’ qui infatti che si legge che il Partito Democratico si impegna a rimuovere gli ostacoli che si frappongono alla parità di genere nella partecipazione politica; assicura, a tutti i livelli, la presenza paritaria di donne e di uomini non solo nelle candidature alle cariche elettive ma anche negli organismi di garanzia ed esecutivi interni; persegue l’obiettivo del raggiungimento della parità fra uomini e donne per le cariche monocratiche istituzionali e interne.

Un obiettivo che, a 13 anni dalla fondazione e all’analisi della composizione attuale delle apicalità monocratiche e degli organismi collegiali sul piano nazionale, regionale e cittadino, stiamo ancora perseguendo mentre nel mondo si afferma, si rafforza, si diffonde un protagonismo femminile nella società soprattutto – il movimento per il clima è oggi un movimento a forte trazione femminile e femminista – assolutamente dirompente.

Protagonismo che i partiti politici, già da Pechino sollecitati a riesaminare le strutture e le procedure interne allo scopo di “eliminare tutte le barriere che direttamente o indirettamente creano discriminazioni nei confronti della partecipazione delle donne” e “ad assicurare la partecipazione delle donne alla guida dei partiti politici in modo paritario”, dovrebbero ambire, e nel caso del Pd deve ambire – a riflettere e rappresentare.

Ragione per la quale è senz’altro utile – di più, necessario – interrogarsi sulle leve ancora da azionare per riequilibrare nei fatti, oltre che nelle intenzioni, le apicalità e quindi le responsabilità all’interno del nostro partito. Raggiungere l’obiettivo di una paritaria partecipazione delle donne e degli uomini ai processi decisionali all’interno di una comunità politica non è solo importante.

E’ determinante per rafforzare la democrazia e promuovere azioni e politiche più eque, sostenibili, paritarie e affinché gli interessi delle donne, che sono la maggioranza della popolazione (al 31 dicembre 2019 secondo dati Istat le donne sono 1 milione 600 mila in più degli uomini), vengano rappresentati e presi concretamente in carico.

Nei giorni scorsi il tavolo di lavoro sulle regole e il partito che si è costituito nell’ambito dei gruppi di lavoro delle donne democratiche di Roma ha formulato e avanzato alcune proposte di merito condivise in occasione dell’assemblea telematica cui ha partecipato anche la neo portavoce della Conferenza nazionale delle donne democratiche Cecilia D’Elia. Eccole.

Applicare la norma antidiscriminatoria, che prevede che nessun genere può essere rappresentato al di sotto della soglia del 40%, a tutti gli organismi del Partito Democratico di Roma laddove non sia possibile rispettare l’indicazione statutaria del 50 e 50. Prevedere che i ruoli di segretario e vicesegretario siano ricoperti da persone non dello stesso genere.

Estendere anche ai livelli municipali e di sezione la scelta già adottata a livello cittadino di non concedere il simbolo a iniziative, eventi, incontri, seminari, convegni ecc…in cui nella composizione dei panel la presenza delle competenze del genere meno rappresentato sia inferiore al 40% del totale dei partecipanti. Promuovere ricerche e raccolte dati periodiche sulla partecipazione delle donne alla vita politica a livello nazionale, regionale e locale e sull’impatto della legislazione e delle politiche nazionali di genere nonché iniziative di formazione per donne e uomini, sui temi della parità, della condivisione, dell’empowerment e del mainstreaming femminile.

Si tratta di un contributo. Possono esserci altre strade, altre proposte. Ben vengano! Condividiamole, adottiamole, pratichiamole. In fretta però. Perché per cogliere la sfida del cambiamento bisogna decidere di decidere. Chi? Donne e uomini insieme, in relazione positiva, rispettosa, inclusiva, non discriminatoria. Questa è la condizione trasversale a tutte le altre per rendere la nostra comunità politica più forte, più rappresentativa, più utile al benessere, alla crescita, al progresso delle nostre città e del nostro Paese. Possiamo farlo, dobbiamo volerlo fare.

Claudia Daconto, Segreteria Pd Roma e membro della Direzione nazionale Pd

Più letti

“Ideali e concretezza, combatteremo per una nuova politica”. La risposta di Zingaretti alle sardine

Caro Mattia,in primo luogo grazie per il tuo ennesimo contributo. Il sentimento di insoddisfazione verso la politica italiana attraversa anche tutti noi....

Perché la questione di genere deve essere centrale nel Recovery Plan

Ripresa e resilienza sono le due parole scelte per segnare la risposta europea alla crisi generata dalla pandemia ancora in corso, e...

Arriva il bonus per i pagamenti elettronici. Ecco come funziona

Da quanto tempo sentite dire che l'Italia è il Paese in Europa con il più alto tasso di evasione fiscale? Eppure nulla...

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...