martedì 29 Settembre 2020

Morti sul lavoro, una strage silenziosa che non possiamo dimenticare
M

Paolo Pasquali 29 anni, Stefano Fallone 53 anni e 3 lavoratori rispettivamente di 45, 52 e 54 anni. Sono i 5 operai morti sul lavoro solo nelle ultime ore.

Pasquali e Fallone sono precipitati da un cantiere a Roma, da un altezza di 20 metri.
Un operaio di 52 anni, è stato travolto da un suv nel cantiere della fibra ottica a Scampitella (provincia di Avellino). Un operaio di 54 anni è rimasto schiacciato da un grosso scudo metallico, mentre era impegnato in alcune lavorazioni per la ristrutturazione industriale dell’area Tirreno Power di Savona. Un operaio di 45 anni è caduto da un impalcatura di un palazzo in ristrutturazione, a Trecase (provincia di Napoli).

Molto spesso di questi lavoratori non si sanno neppure i nomi. Persone e non numeri, non una semplice statistica. Con degli affetti, con una famiglia, con dei sogni. Questa mattanza quotidiana, purtroppo non conosce sosta.

I mezzi d’informazione hanno l’obbligo morale di “riaccendere i riflettori” su queste tragedie, perché se ne parli più possibile, per sensibilizzare sulle tante, troppe morti sul lavoro che ci sono ogni giorno in Italia.

La politica ha l’obbligo di occuparsene concretamente, perché si riducano drasticamente le troppe morti sul lavoro. Solo con l’impegno di tutti è possibile fermare queste stragi sul lavoro, che non fanno solo morti, ma rovinano tante famiglie.

E la si smetta di chiamarle “morti bianche”, un termine che è davvero assurdo ed ipocrita. Ci vuole un moto di indignazione di fronte a tutte queste morti sul lavoro!
E’ una vergogna che nel 21 esimo secolo, ci siano ancora tutte queste morti sul lavoro in Italia.


Marco Bazzoni è un Operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza di Firenze

Più letti

“Ideali e concretezza, combatteremo per una nuova politica”. La risposta di Zingaretti alle sardine

Caro Mattia,in primo luogo grazie per il tuo ennesimo contributo. Il sentimento di insoddisfazione verso la politica italiana attraversa anche tutti noi....

Perché la questione di genere deve essere centrale nel Recovery Plan

Ripresa e resilienza sono le due parole scelte per segnare la risposta europea alla crisi generata dalla pandemia ancora in corso, e...

Arriva il bonus per i pagamenti elettronici. Ecco come funziona

Da quanto tempo sentite dire che l'Italia è il Paese in Europa con il più alto tasso di evasione fiscale? Eppure nulla...

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...