lunedì 25 Gennaio 2021

Morti sul lavoro, una strage silenziosa che non possiamo dimenticare
M

Paolo Pasquali 29 anni, Stefano Fallone 53 anni e 3 lavoratori rispettivamente di 45, 52 e 54 anni. Sono i 5 operai morti sul lavoro solo nelle ultime ore.

Pasquali e Fallone sono precipitati da un cantiere a Roma, da un altezza di 20 metri.
Un operaio di 52 anni, è stato travolto da un suv nel cantiere della fibra ottica a Scampitella (provincia di Avellino). Un operaio di 54 anni è rimasto schiacciato da un grosso scudo metallico, mentre era impegnato in alcune lavorazioni per la ristrutturazione industriale dell’area Tirreno Power di Savona. Un operaio di 45 anni è caduto da un impalcatura di un palazzo in ristrutturazione, a Trecase (provincia di Napoli).

Molto spesso di questi lavoratori non si sanno neppure i nomi. Persone e non numeri, non una semplice statistica. Con degli affetti, con una famiglia, con dei sogni. Questa mattanza quotidiana, purtroppo non conosce sosta.

I mezzi d’informazione hanno l’obbligo morale di “riaccendere i riflettori” su queste tragedie, perché se ne parli più possibile, per sensibilizzare sulle tante, troppe morti sul lavoro che ci sono ogni giorno in Italia.

La politica ha l’obbligo di occuparsene concretamente, perché si riducano drasticamente le troppe morti sul lavoro. Solo con l’impegno di tutti è possibile fermare queste stragi sul lavoro, che non fanno solo morti, ma rovinano tante famiglie.

E la si smetta di chiamarle “morti bianche”, un termine che è davvero assurdo ed ipocrita. Ci vuole un moto di indignazione di fronte a tutte queste morti sul lavoro!
E’ una vergogna che nel 21 esimo secolo, ci siano ancora tutte queste morti sul lavoro in Italia.


Marco Bazzoni è un Operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza di Firenze

Più letti

Radio Immagina – L’intervista di Giuliano Giubilei a Walter Veltroni

Ogni settimana Giuliano Giubilei intervista per Radio Immagina una personalità del mondo della politica e della società civile. Un momento di confronto per approfondire,...

Radio Immagina – Topi di campagna, topi di città. Storie di animali, natura ed ecologia quotidiana

Questa è una trasmissione per tutte le ascoltatrici e gli ascoltatori che coltivano una piantina sul davanzale, che si accorgono se sono tornate le...

Radio Immagina – La settimana scientifica. Rotocalco di ricerca, innovazione e tecnologie

La settima scientifica è una rubrica per coloro che hanno curiosità scientifiche e sono interessati a capire quanto, scoperte, conquiste scientifiche, innovazione e trasferimento...

Covid19, il vaccino a tutti i Paesi del mondo per equità e buon senso

La distribuzione del vaccino contro il COVID19 a tutti i paesi nel mondo, non è soltanto una questione di equità, ma di buon senso! In...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...