mercoledì 21 Ottobre 2020

Obama al funerale di John Lewis: “Basta attacchi alla democrazia”
O

L'ex presidente degli Stati Uniti al funerale dello storico attivista per i diritti civili: "Il governo scoraggia le persone dal'andare a votare"

Nel giorno in cui Donald Trump si è spinto fino a chiedere, con un tweet com’è nel suo stile, il rinvio del voto di novembre, Barack Obama ha fatto sentire forte la sua voce.

L’occasione scelta è emblematica. L’ex presidente degli Stati Uniti ha parlato ai funerali di John Lewis, lo storico attivista dei diritti degli afroamericani deceduto lo scorso 17 luglio.

Dopo aver ricordato le battaglie di Lewis, il più giovane partecipante della marcia su Washington e il capofila delle proteste di Selma, che portarono all’approvazione nel 1965 del Voting Rights Act, Obama ha ricordato gli attacchi a cui oggi è sottoposta la democrazia negli States.

A proposito di Lewis ha detto: “Sapeva che la marcia non è giunta al termine, che siamo ancora in marcia. Sapeva che non siamo ancora arrivati al punto fatidico in cui siamo giudicati dalla natura della nostra persona. Sapeva per esperienza diretta che il progresso è fragile e dobbiamo essere tutti vigili nei confronti delle correnti più oscure della storia di questo paese. Della nostra stessa storia. Sapeva che esistono vortici di violenza e odio e disperazione che possono riprendere a turbinare”.

E parlando dell’oggi: “Proprio adesso che noi siamo seduti qui, chi è al governo sta facendo tutto il possibile per scoraggiare le persone dall’andare a votare, chiudendo seggi e mettendo a repentaglio il servizio postale con precisione chirurgica, e prendendo di mira le minoranze e gli studenti con le leggi sui documenti di identità e compromettendo il nostro diritto di voto”.

“John Lewis ha dedicato tutta la sua vita a combattere gli attacchi alla democrazia e nell’America che adesso vediamo intorno a noi – ha aggiunto Obama -. Sapeva che ciascuno di noi ha un potere concesso da Dio e che la fede nella democrazia dipende da come ciascuno di noi la usa. La democrazia non è qualcosa di scontato. La democrazia è difficile, è qualcosa da coltivare. Deve essere accudita. Dobbiamo adoperarci per essa. John sapeva che dipende dal fatto di mostrarci alla sua altezza, all’altezza del coraggio morale di John che sapeva che cosa è giusto e che cosa è sbagliato”.

Affermazioni accolte da una standing ovation nella sala, dove oltre a lui sono intervenuti George W. Bush e Bill Clinton.

Più letti

Da Papa Francesco parole rivoluzionarie, scalderanno il cuore di molti omosessuali credenti

In un documentario proiettato alla Festa del Cinema di Roma, sono contenute dichiarazioni rivoluzionarie di Papa Francesco sulla necessità di riconoscere le...

La lunga mano di Salvini in Lombardia congela anche il coprifuoco

Se voleste avere un piccolo assaggio di quello che sarebbe successo se a gestire la pandemia fosse stato Matteo Salvini, basta guardare...

Supereremo la seconda ondata con la cultura della responsabilità

Quello che abbiamo temuto sta avvenendo: una seconda ondata pandemica con crescita esponenziale dei contagi. Su cosa significhi “esponenziale” e su quanto...

Manovra espansiva da 39 miliardi: l’Italia torna protagonista

La manovra finanziaria per il 2021 vale 39 miliardi. È una manovra espansiva, che si aggiunge a quelle varate nei mesi scorsi,...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...