lunedì 18 Gennaio 2021

Ricordando Federico Orlando, a sei anni dalla sua scomparsa
R

Uno dei più grandi giornalisti italiani, un maestro per tanti di noi, Federico Orlando, ci lasciava giusto 6 anni fa.

Orlando era il condirettore di Europa, un piccolo quotidiano ricco di idee, espresse con uno stile particolare e un grande spirito critico, sotto la direzione prima di Nino Rizzo Nervo e poi, a lungo, di Stefano Menichini. Nato come quotidiano della Margherita, Europa anticipò le ragioni della fondazione del Partito democratico, di cui poi divenne, diciamo così, il foglio inquieto: e di questa ansia critica Orlando era il gran dispensatore, il seminatore di dubbi e domande, recando sempre al giornale un lievito di passione che ogni mattina, alle riunioni, ci regalava.

Era stato d’altra parte il braccio destro di Indro Montanelli al Giornale prima che Berlusconi vi allungasse le mani sopra: e i due grandi giornalisti sbatterono la porta e andarono a fondare La Voce, piccolo e battagliero quotidiano che anche nel nome guardava a un certo liberalismo un po’ fuori tempo, certo molto lontano dalla politica di plastica impersonata dal Cavaliere ma nemmeno rassicurata dalla sinistra post-comunista.

Poi a sinistra l’Ulivo cambiò tante cose e Orlando vi aderì diventandone eminente deputato (forte la sua battaglia contro lo strapotere della Fininvest e sul conflitto d’interessi), e dunque quando nacque Europa egli vi trovò una naturale casa.

Fu un grande giornalista, curioso lettore del pezzo dell’ultimo praticante, modesto come pochi, coltissimo e moderno; un illuminista classico, un liberal-riformista di oggi; forse l’ultimo meridionalista nel senso di Giustino Fortunato e Guido Dorso; anticlericale “carducciano” ma sempre affascinato dalla discussione anche dottrinaria nel mondo cattolico: Orlando era davvero nel solco della grande cultura democratica del Paese.

Più letti

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Zingaretti: “Crisi di governo incomprensibile, scelta di Italia Viva contro l’Italia”

Di seguito le dichiarazioni rilasciate al Tg1 dal segretario del Pd Nicola Zingaretti: "Quello di Italia Viva è un errore gravissimo contro l'Italia, perché noi...

Bologna aspetta Patrick Zaki, diventato cittadino onorario con un voto all’unanimità

Il Comune di Bologna ha conferito la cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki “riconoscendo nella sua figura quei valori di libertà di studio, di...

Pensare la riforma secondo un nuovo modello di Pubblica Amministrazione

L’Unione Europea ci chiede di riformare la Pubblica Amministrazione. Uno Stato moderno non può rinunciare, al di là di un sistema d’imprese tarato sull’innovazione...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...