mercoledì 30 Settembre 2020

Ricordando Federico Orlando, a sei anni dalla sua scomparsa
R

Uno dei più grandi giornalisti italiani, un maestro per tanti di noi, Federico Orlando, ci lasciava giusto 6 anni fa.

Orlando era il condirettore di Europa, un piccolo quotidiano ricco di idee, espresse con uno stile particolare e un grande spirito critico, sotto la direzione prima di Nino Rizzo Nervo e poi, a lungo, di Stefano Menichini. Nato come quotidiano della Margherita, Europa anticipò le ragioni della fondazione del Partito democratico, di cui poi divenne, diciamo così, il foglio inquieto: e di questa ansia critica Orlando era il gran dispensatore, il seminatore di dubbi e domande, recando sempre al giornale un lievito di passione che ogni mattina, alle riunioni, ci regalava.

Era stato d’altra parte il braccio destro di Indro Montanelli al Giornale prima che Berlusconi vi allungasse le mani sopra: e i due grandi giornalisti sbatterono la porta e andarono a fondare La Voce, piccolo e battagliero quotidiano che anche nel nome guardava a un certo liberalismo un po’ fuori tempo, certo molto lontano dalla politica di plastica impersonata dal Cavaliere ma nemmeno rassicurata dalla sinistra post-comunista.

Poi a sinistra l’Ulivo cambiò tante cose e Orlando vi aderì diventandone eminente deputato (forte la sua battaglia contro lo strapotere della Fininvest e sul conflitto d’interessi), e dunque quando nacque Europa egli vi trovò una naturale casa.

Fu un grande giornalista, curioso lettore del pezzo dell’ultimo praticante, modesto come pochi, coltissimo e moderno; un illuminista classico, un liberal-riformista di oggi; forse l’ultimo meridionalista nel senso di Giustino Fortunato e Guido Dorso; anticlericale “carducciano” ma sempre affascinato dalla discussione anche dottrinaria nel mondo cattolico: Orlando era davvero nel solco della grande cultura democratica del Paese.

Più letti

La “lotta nel fango” imposta da Trump che favorisce Biden

Il primo dibattito presidenziale tra Donald Trump e Joe Biden ha mostrato l’atipicità di questa campagna elettorale in cui anche le forme...

Produttività e flessibilità del lavoro, un legame complesso da valutare con attenzione

Dall’inizio del XXI secolo, la maggior parte dei paesi dell’area OCSE ha registrato una riduzione del tasso di crescita della produttività del...

Recovery Fund. L’aumento dell’occupazione femminile come grande obiettivo nazionale

Come mettere al centro del futuro del Paese e del Recovery Fund, l’occupazione femminile? E soprattutto quali sono i motivi di questa...

“Sprecare sempre meno cibo: il futuro passa da qui”. Colloquio con Andrea Segrè

Oggi si celebra la prima giornata internazionale della Consapevolezza sulle perdite e gli sprechi alimentari, istituita a fine 2019 dalle Nazioni Unite.

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...