lunedì 25 Gennaio 2021

Mettiamo al centro la salute di tutti, iniziando dalle periferie
M

Chi fa politica come me non può che lasciarsi orientare nelle scelte, grandi o piccole che siano, dall’immagine, a volte nitida a volte sfocata, del mondo che vuole costruire. Immaginare un futuro migliore è definito dalla propria mappa valoriale e quindi necessita anche di mediazioni.

Il momento è quello giusto: abbiamo tante risorse dallo stato e dall’Europa che rendono possibile la realizzazione dei nostri progetti.

Tra le opportunità che in queste settimane alimentano il dibattito politico, ci sono le risorse derivanti dal Mes. Ognuno deve avere la possibilità, indipendentemente da dove risieda, di veder rispettato il proprio diritto alla salute, perché il miglioramento di questi presidi e delle infrastrutture ad essi collegati, potrebbe rivitalizzare territori, destinati allo spopolamento, creando posti di lavoro e sicurezze per chi li abita.

Affinché le risorse non siano sprecate ma diventino volano per lo sviluppo di tutto il territorio, dovremmo saper leggere, analizzare e comprendere i bisogni delle comunità locali per progettare, coinvolgendo dal basso anche i cittadini, un nuovo sistema sanitario: moderno, sicuro e ramificato in tutto il territorio.

Immagino quindi un paese in cui l’alta tecnologia e una rete di infrastrutture immateriali (di ultima generazione) consentano di mettere in collegamento i presidi più remoti con le competenze più elevate in campo sanitario. Immagino un sistema in cui anche nel territorio più periferico sia possibile, oltre che ricevere le prime cure, accedere a servizi diagnostici, di supporto per patologie legate ai corretti stili di vita o ai disturbi dell’apprendimento, a visite specialistiche, e tutto quello che rende praticabile il diritto alla salute.

Visto l’orientamento del Partito democratico per l’utilizzo del fondo, la mia proposta, nella nostra discussione interna, è stata quella di investire le risorse disponibili per ripensare le fondamenta del sistema infrastrutturale a servizio della salute e del benessere dei cittadini: vorrei, e per questo mi impegnerò, che si parta dagli ospedali/presidi periferici.

Abbiamo un importante lavoro da fare che non può che partire da un grande progetto: non perdiamo l’occasione di rendere migliore, per noi e per i nostri figli, il nostro paese.


Marco Simiani è responsabile Infrastrutture nella segreteria nazionale PD

Più letti

Zingaretti a Radio Immagina: “Il Pd non crea problemi ma cerca soluzioni. Al lavoro per un governo autorevole”

Al termine dell'incontro con le sigle sindacali per discutere del recovery plan, il segretario del Pd Nicola Zingaretti è intervenuto in diretta ai microfoni...

Radio Immagina – L’intervista di Giuliano Giubilei a Walter Veltroni

Ogni settimana Giuliano Giubilei intervista per Radio Immagina una personalità del mondo della politica e della società civile. Un momento di confronto per approfondire,...

Radio Immagina – Topi di campagna, topi di città. Storie di animali, natura ed ecologia quotidiana

Questa è una trasmissione per tutte le ascoltatrici e gli ascoltatori che coltivano una piantina sul davanzale, che si accorgono se sono tornati i...

Radio Immagina – La settimana scientifica. Rotocalco di ricerca, innovazione e tecnologie

La settima scientifica è una rubrica per coloro che hanno curiosità scientifiche e sono interessati a capire quanto, scoperte, conquiste scientifiche, innovazione e trasferimento...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...