martedì 29 Settembre 2020

Bannon, l’amico di Salvini e Meloni, arrestato per frode
B

È stato arrestato con l’accusa di frode, come un qualsiasi truffatore. Eppure Steve Bannon per alcuni era un modello da imitare o addirittura da importare. Chi non ricorda le foto di Giorgia Meloni o Matteo Salvini insieme? O le dichiarazioni entusiastiche sulle sue ‘idee politiche’? Per un momento abbiamo rischiato anche che fondasse una sua scuola politica in Italia (cosa che poi non si è concretizzata, fortunatamente).

Lo troviamo anche dietro Bolsonaro e ovviamente è stato un consulente di Trump nella costruzione della sua prima campagna elettoral, per poi entrare alla Casa Bianca come capo stratega (e poi allontanato). Insomma per i puri ultranazionalisti mondiali era un esempio. Addirittura un ideologo. Oggi invece sembra che si sia scoperta la sua vera faccia.

Secondo l’accusa, Bannon ha usato i fondi raccolti con una campagna di crowdfunding donatori privati per la costruzione del muro tra USA e Messico. Ma in realtà quei soldi sono finiti nelle sue tasche. La procuratrice Audrey Strauss ha spiegato che Bannon ha ingannato i donatori della raccolta online “facendo credere che tutti i soldi sarebbero stati spesi per la costruzione” del muro.

Dalla Casa Bianca non arriva nessun commento. E dai sovranisti nostrani? Si attende un mea culpa.

Più letti

“Ideali e concretezza, combatteremo per una nuova politica”. La risposta di Zingaretti alle sardine

Caro Mattia,in primo luogo grazie per il tuo ennesimo contributo. Il sentimento di insoddisfazione verso la politica italiana attraversa anche tutti noi....

Perché la questione di genere deve essere centrale nel Recovery Plan

Ripresa e resilienza sono le due parole scelte per segnare la risposta europea alla crisi generata dalla pandemia ancora in corso, e...

Arriva il bonus per i pagamenti elettronici. Ecco come funziona

Da quanto tempo sentite dire che l'Italia è il Paese in Europa con il più alto tasso di evasione fiscale? Eppure nulla...

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...