martedì 29 Settembre 2020

Ricordare Jerry Masslo, perché la lotta al razzismo si nutre di memoria
R

25 agosto 1989, Jerry Essan Masslo viene ucciso in un tentativo di rapina dei pochi soldi guadagnati lavorando per ore nei campi del casertano. L’italia “scopre” di essere diversa da come si immaginava. Incredula e impreparata ad affrontare un cambiamento già allora in corso. Da Paese di emigranti a meta di emigrazione per centinaia di migliaia di uomini e donne. Esseri umani spinti dalla necessità di costruirsi una vita migliore lontani dalle loro case, proprio come avvenne per i nostri emigranti, quei milioni i nostri connazionali che lasciarono l’Italia approdando in ogni continente, contribuendo cosi con il loro sacrificio alla ricchezza delle nazioni dove si recavano e al benessere delle loro famiglie e delle comunità originarie attraverso le rimesse.

Un cambiamento epocale – non metabolizzato – fu dunque rivelato da quel tragico episodio. Fu anche improvvisamente chiaro che il germe dell’odio e del razzismo erano ben presenti anche in Italia, contrariamente a una certa narrazione che ci rappresentava sempre accoglienti e ben disposti verso lo straniero. La realtà era invece diversa, come emerse negli anni a seguire con sempre maggiore evidenza.
Allora, in seguito a quell’assassinio avvenne una grande mobilitazione da parte delle forze politiche e sociali, con grande eco in scuole e università. Centinaia di migliaia di giovani scesero nelle piazze, molti di quelli in seguito si impegnarono nell’associazionismo antirazzista e per la difesa dei diritti dei migranti. Fra quei ragazzi – scossi dalla morte di Masslo – c’ero anche io.

Si avvertì da subito il bisogno di una battaglia culturale contro il razzismo strisciante e in favore di leggi che tutelassero i diritti di queste persone, fino ad allora ignorate dal legislatore. Una esperienza politica e culturale che segnò una generazione in modo profondo. Maturò presto la consapevolezza che fossimo davanti a un processo storico irreversibile e che l’italia fosse impreparata ad affrontarlo.

A distanza di 31 anni, ci troviamo ancora davanti a una discussione pubblica – fomentata dalle destre – antistorica e ideologica, che vorrebbe bloccare il processo di globalizzazione di cui l’immigrazione è uno degli effetti. Una posizione velleitaria e pericolosa, spesso perorata con linguaggi aggressivi e discriminatori, da continui richiami allo scontro fra civiltà o addirittura allo spettro della “sostituzione etnica”. Parole d’ordine che trovano grande spazio nel nazionalismo moderno e nei partiti politici che se ne fanno paladini nel nostro Paese e in Europa. Una visione che diviene l’ideale “brodo di coltura” dei germi del razzismo.

Ricordare oggi la morte di Jerry Masslo non è quindi una celebrazione vuota, ma significa ribadire come la lotta al razzismo e ad ogni forma di discriminazione sia prima di tutto culturale e si nutre di memoria, studio e impegno civile a fianco di quanti ancora oggi sono sfruttati nei campi in uno stato assai simile alla schiavitù. Bisogna affermare con nettezza che la battaglia per la legalità – contro le mafie che si arricchiscono sulla pelle di questi lavoratori e per il riconoscimento dei loro diritti – è una grande questione democratica che riguarda l’intero Paese e la libertà di ciascuno di noi.

Marco Pacciotti è responsabile del Dipartimento Immigrazione del Partito democratico

Più letti

“Sprecare sempre meno cibo: il futuro passa da qui”. Colloquio con Andrea Segrè

Oggi si celebra la prima giornata internazionale della Consapevolezza sulle perdite e gli sprechi alimentari, istituita a fine 2019 dalle Nazioni Unite.

“Ideali e concretezza, combatteremo per una nuova politica”. La risposta di Zingaretti alle sardine

Caro Mattia,in primo luogo grazie per il tuo ennesimo contributo. Il sentimento di insoddisfazione verso la politica italiana attraversa anche tutti noi....

Perché la questione di genere deve essere centrale nel Recovery Plan

Ripresa e resilienza sono le due parole scelte per segnare la risposta europea alla crisi generata dalla pandemia ancora in corso, e...

Arriva il bonus per i pagamenti elettronici. Ecco come funziona

Da quanto tempo sentite dire che l'Italia è il Paese in Europa con il più alto tasso di evasione fiscale? Eppure nulla...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...