martedì 29 Settembre 2020

La scuola riparte, per il presente e il futuro della nostra società
L

La ripresa delle attività didattiche in presenza è ormai vicina: a settembre si torna in classe e la scuola ripartirà in sicurezza

È un impegno che il Governo ha assunto insieme a tutti i soggetti, istituzionali e non, a vario titolo coinvolti, e mantenerlo è necessario per la credibilità del Paese.  

Probabilmente arriviamo a questo appuntamento con qualche timore, l’emergenza sanitaria di fatto non è passata, ma abbiamo anche acquisito una profonda consapevolezza del valore e del ruolo della scuola nella vita di tutti noi. I mesi di lockdown, infatti, hanno dimostrato chiaramente quanto il sistema di istruzione sia centrale per la vita della nostra società. Nel periodo più difficile di chiusura e di isolamento la scuola ha mantenuto attivi legami e contatti attraverso la didattica a distanza, divenendo un traino per il Paese, che alla scuola ha guardato per ritrovare le relazioni bruscamente interrotte, in attesa di tornare alla normalità. E, allo stesso tempo, tutto il Paese, non più soltanto gli addetti ai lavori, ha compreso quanto sia fondamentale per ogni bambino e ragazzo formarsi all’interno di una comunità. La conoscenza si alimenta con la condivisione e la scuola è luogo di relazioni indispensabili per il pieno sviluppo dell’individuo.  

Per questo da mesi si sta lavorando per far sì che bambini e ragazzi possano tornare regolarmente in classe tra qualche settimana, nel rispetto dei protocolli di sicurezza necessari a contenere il contagio e a garantire da un lato il diritto alla salute, dall’altro il diritto all’istruzione.  

Per assicurare tutto il necessario per la riapertura delle scuole di settembre, dall’inizio della pandemia il Governo ha destinato circa 2,9 miliardi di euro. Ci saranno organici aggiuntivi, spazi, arredi, sono stati fatti investimenti per interventi di edilizia leggera, sono state semplificate alcune procedure per garantire la ripartenza. 

Le preoccupazioni che in alcuni casi si stanno manifestando in questo periodo sono comprensibili, il quadro dei contagi continua a cambiare e ci troviamo di fronte a un fatto eccezionale. Ma dobbiamo evitare di disperdere le nostre energie in dibattiti effimeri. Questa crisi può essere un’opportunità, abbiamo la possibilità di ragionare su quale sia e debba essere il ruolo della scuola oggi nella nostra comunità e sulla base di questa nuova consapevolezza rinnovare il nostro modello di scuola.  

Credo che la scuola oggi più che mai debba avere due funzioni principali: stimolare in ogni studente la sete – inestinguibile – di sapere e dare mezzi e strumenti per soddisfare questo desiderio.  

Nelle prossime settimane dovremo riflettere sui settori ai quali destinare le risorse che arriveranno dall’Europa. Sono convinta che una parte cospicua del Next Generation Eu, coerentemente col nome scelto per il piano di finanziamento, debba essere investita per i giovani. Sull’educazione. Sulla costruzione di quel nuovo modello di sistema di istruzione che riteniamo necessario alla nostra società. 

Che non può prescindere da spazi adeguati ai tempi, perché non possiamo pensare di innovare la didattica se non ripensiamo anche i luoghi in cui bambini e ragazzi si formano, oggi il più delle volte edifici vecchi e in alcuni casi nati con altre finalità.  

Né tantomeno possiamo prescindere dal riconoscimento della indispensabile funzione dei docenti attraverso percorsi di sviluppo professionale. Gli insegnanti si trovano oggi ad affrontare un mondo in continuo mutamento che richiede un aggiornamento costante: devono sapere di poter contare su un sistema che li supporti e li valorizzi, che li stimoli.  

E, infine, non possiamo pensare che la scuola di domani sia un’isola senza legame alcuno con la società. Perché non è così già adesso. E questa pandemia l’ha mostrato con tutta evidenza. Famiglie, amministrazioni locali, associazioni, mondo del lavoro: una fitta rete di interconnessioni. Sono vitali. Dobbiamo perciò consolidare queste relazioni e ampliare le occasioni di confronto e di crescita degli studenti fuori dalle aule, orientarli al domani, perché prepararli alla vita che verrà è compito della scuola, luogo in cui i talenti emergono e ogni giovane può e deve prendere consapevolezza del modo in cui può contribuire, attraverso di quelli, alla vita della comunità. 

Quello che la comunità scolastica e il Paese hanno vissuto negli scorsi mesi e continuano a vivere oggi ha fatto emergere punti di forza e criticità del sistema. Dobbiamo conservare memoria di entrambi. Perché sono la base da cui partire per andare oltre l’emergenza.  


Anna Ascani è viceministra dell’Istruzione

Più letti

“Sprecare sempre meno cibo: il futuro passa da qui”. Colloquio con Andrea Segrè

Oggi si celebra la prima giornata internazionale della Consapevolezza sulle perdite e gli sprechi alimentari, istituita a fine 2019 dalle Nazioni Unite.

“Ideali e concretezza, combatteremo per una nuova politica”. La risposta di Zingaretti alle sardine

Caro Mattia,in primo luogo grazie per il tuo ennesimo contributo. Il sentimento di insoddisfazione verso la politica italiana attraversa anche tutti noi....

Perché la questione di genere deve essere centrale nel Recovery Plan

Ripresa e resilienza sono le due parole scelte per segnare la risposta europea alla crisi generata dalla pandemia ancora in corso, e...

Arriva il bonus per i pagamenti elettronici. Ecco come funziona

Da quanto tempo sentite dire che l'Italia è il Paese in Europa con il più alto tasso di evasione fiscale? Eppure nulla...

Articoli correlati

1 COMMENTO

  1. Molto bene viceministra. Sono pienamente d’accordo con i suoi ragionamenti. È ora di pensare al ruolo della scuola, dell’istruzione e della formazione adeguate ai tempi del XXI secolo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...