sabato 24 Ottobre 2020

“La scuola riapre, ci sorprenderà in positivo”. Parla Anna Ascani
&

Mancano pochissimi giorni alla riaperture della scuole. Il 14 settembre è ormai diventata una data fatidica che tutti aspettano con ansia, con un po’ di emozione e anche un certo di carico di preoccupazione. Perché quello che abbiamo imparato in questi mesi di chiusura, forse per la prima volta in maniera davvero concreta, è che la scuola è un’istituzione di cui non possiamo fare davvero a meno. Ma che scuola sarà la scuola di domani? Ne abbiamo parlato con Anna Ascani, viceministra dell’Istruzione, che sul palco dei dibattiti della Festa dell’Unità nazionale di Modena, si è confrontata su questo tema.

Ormai si fa il conto ala rovescia e non tutti i problemi sembrano essere risolti: siamo davvero pronti a ripartire in sicurezza?

“Credo che bisogna essere realisti e ammettere che delle criticità ci sono ma sarebbe ingeneroso dire che non si è fatto niente per farci trovare pronti per la ripartenza. Ci siamo mossi da subito e, appena abbiamo saputo che dovevamo garantire il distanziamento in classe, abbiamo stanziato i fondi per l’edilizia leggera e fondi per comprare arredi. In più abbiamo investito 3 miliardi per assumere circa 70mila tra docenti e personali ATA. Arriveranno poi ogni giorno nelle scuole mascherine e gel igienizzante. Ovviamente questo non vuol dire che c’è un rischio zero, in questo momento non siamo nelle condizioni di garantirlo. Molto dipende dalla responsabilità di ciascuno di noi nel rispettare le nuove regole. È tutto nuovo e non è semplice ma io credo che la scuola ci sorprenderà in positivo. Ma ora le scuole devono riaprire, sono state chiuse per troppo tempo”.

Fra non molto, con il Recovery Plan, il governo avrà a disposizione molti soldi per innovare la scuola: un’occasione più unica che rara?

“Proprio oggi (ieri n.d.r.) ho partecipazione al Comitato Interministeriale per gli Affari europei per definire le linee guida sul Recovery Plan ed è ovvio che il futuro del Paese e dell’Europa non può che passare attraverso un forte investimento sull’istruzione. Non siamo ancora in grado di entrare nel dettaglio ma sicuramente una parte consistente dei fondi stanziati, sarà destinato alle infrastrutture scolastiche che, come sappiamo bene, incidono anche sulla qualità della didattica”.

Negli ultimi mesi si è parlato tanto di scuola, forse come non era mai successo prima, quello che vi chiedono tutti è di continuare a parlarne per migliorare davvero le cose e in maniera definitiva.

“Ovviamente mi auguro anche io che la scuola resti al centro del dibattito pubblico. In questi giorni se ne parla molto, c’è tanta ansia da parte delle famiglie, degli studenti e anche del personale docente. Però, superata questa ansia, dobbiamo essere capaci di trattenere questa energia positiva e la capacità che abbiamo avuto di dire al Paese quanto è importante la scuola. Per noi la vera sfida inizia dal 15 di settembre e continua fino alla Legge di bilancio e alla pianificazione delle spese del Recovery Fund. Lì ci misureranno davvero e misureranno le nostre capacità di essere conseguenti alle cose che abbiamo detto fin ora”.

Distanziamento, mascherine, infrastrutture: lei quando è stata nominata Viceministro se lo sarebbe mai aspettato che avrebbe dovuto gestire una situazione del genere?

“Decisamente no. Non mi aspettavo di dover vivere la scelta più dolorosa di tutte: quella di chiudere la scuola. Adesso è difficile riaprire ma è stato molto più difficile chiudere. Abbiamo a che fare con un’emergenza inaspettata, imprevista, complicata ma se impareremo qualcosa da questa situazione, anche tutta la sofferenza che abbiamo vissuto sarà servita a qualcosa”.

Più letti

Il nemico è il virus, non le regole. Ora una visione comune per un cambio di passo

Pubblichiamo la relazione integrale del segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti pronunciata in apertura della riunione della Direzione nazionale

Perché la vittoria di Jacinda Ardern in Nuova Zelanda è interessante anche per l’Italia

Perché interessarsi alle elezioni politiche in Nuova Zelanda, un paese così lontano da noi e con “soli” cinque milioni di abitanti?

La seconda ondata travolge l’Europa: come si stanno muovendo gli altri Stati

Un picco mai visto. E l'inverno, che ancora deve arrivare, fa davvero paura. Non è soltanto la situazione in Italia (dove i...

Sono positivo cosa devo fare? Tutte le informazioni utili per affrontare quarantena e tamponi

I contagi crescono e le preoccupazioni aumentano. Ma con spirito di collaborazione e rispettando alcune regole possiamo convivere con il virus. Cerchiamo...

Articoli correlati

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Che cosa è il Circuit Breaker Lockdown adottato dal Galles?

Un breve periodo per resettare i contagi, un lockdown “breve ma brusco” lo definisce il primo ministro gallese Mark Drakeford mentre spiega...

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...