lunedì 18 Gennaio 2021

Fermiamo l’attacco delle regioni di destra all’autonomia delle donne
F

Dopo l’Umbria guidata dalla leghista Donatella Tesei, adesso anche in Piemonte la destra va all’attacco dell’aborto farmacologico, annunciando di voler ripristinare i tre giorni obbligatori di ricovero.

Questo nonostante le nuove linee di indirizzo del ministero alla Salute – che consentono l’aborto farmacologico anche in via ambulatoriale e tramite i consultori – il parere del Consiglio Superiore di Sanità e la presa di posizione della Società italiana di ginecologia e ostetricia. E a dispetto della stessa emergenza Covid, che con la necessità di limitare le ospedalizzazioni aveva suggerito di promuovere maggiormente la metodologia farmacologica.

Invece in Italia la RU486 è da sempre osteggiata. La minor invasività della metodologia e l’assenza di ricovero vengono raccontate come una banalizzazione dell’aborto, oppure una mancata presa in carico delle donne da parte del servizio sanitario. Come se le donne avessero bisogno dell’ospedale per capire quale scelta stanno compiendo, o del ricovero per essere davvero assistite.

Servirebbe maggiore fiducia; basta leggere i dati delle interruzioni di gravidanza, in continua diminuzione,  per capire quanto saggiamente le donne abbiano usato la legge. Del resto abbiamo tanto parlato di sanità territoriale, come si può pensare che ambulatori e consultori, che sono un luogo essenziale per la prevenzione, la promozione della salute riproduttiva femminile e il sostegno alle scelte delle donne nella procreazione, non le seguano poi nel loro percorso! E poi operatori e utenti valuteranno insieme come procedere. Nessuna sarà costretta.

Ma alla destra questo non va bene.

Nonostante le evidenze scientifiche e l’esperienza della stessa regione Piemonte – dove l’aborto farmacologico, sicuro e meno invasivo di quello chirurgico,  è usato nel 47% dei casi, mentre in Italia la media è del 22% – e di tanti paesi europei.

Una furia distruttrice dell’esperienza già in corso e di quello che avviene nella realtà, dove anche nelle regioni in cui il ricovero di tre giorni era obbligatorio, tre donne su quattro firmavano per le dimissioni volontarie.  La destra è mossa da una motivazione puramente ideologica, si tratta di una scelta che nulla c’entra con la promozione della salute delle donne e che al contrario dimostra assenza di rispetto per la loro coscienza. Un attacco all’autodeterminazione delle donne, che magari si nasconde dietro candidature femminili, come in Toscana,  ma che alla fine mostra sempre la sua vera natura: la messa in discussione della nostra autonomia e dei nostri diritti. Non lasciamo che altre regioni progressiste, come la stessa Toscana, ma anche le Marche o la Puglia, seguano questo corso. Il 20 e 21 votiamo ovunque per i candidati che sono dalla parte delle donne e delle persone.

Più letti

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Zingaretti: “Crisi di governo incomprensibile, scelta di Italia Viva contro l’Italia”

Di seguito le dichiarazioni rilasciate al Tg1 dal segretario del Pd Nicola Zingaretti: "Quello di Italia Viva è un errore gravissimo contro l'Italia, perché noi...

Bologna aspetta Patrick Zaki, diventato cittadino onorario con un voto all’unanimità

Il Comune di Bologna ha conferito la cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki “riconoscendo nella sua figura quei valori di libertà di studio, di...

Pensare la riforma secondo un nuovo modello di Pubblica Amministrazione

L’Unione Europea ci chiede di riformare la Pubblica Amministrazione. Uno Stato moderno non può rinunciare, al di là di un sistema d’imprese tarato sull’innovazione...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...