mercoledì 30 Settembre 2020

Fermiamo l’attacco delle regioni di destra all’autonomia delle donne
F

Dopo l’Umbria guidata dalla leghista Donatella Tesei, adesso anche in Piemonte la destra va all’attacco dell’aborto farmacologico, annunciando di voler ripristinare i tre giorni obbligatori di ricovero.

Questo nonostante le nuove linee di indirizzo del ministero alla Salute – che consentono l’aborto farmacologico anche in via ambulatoriale e tramite i consultori – il parere del Consiglio Superiore di Sanità e la presa di posizione della Società italiana di ginecologia e ostetricia. E a dispetto della stessa emergenza Covid, che con la necessità di limitare le ospedalizzazioni aveva suggerito di promuovere maggiormente la metodologia farmacologica.

Invece in Italia la RU486 è da sempre osteggiata. La minor invasività della metodologia e l’assenza di ricovero vengono raccontate come una banalizzazione dell’aborto, oppure una mancata presa in carico delle donne da parte del servizio sanitario. Come se le donne avessero bisogno dell’ospedale per capire quale scelta stanno compiendo, o del ricovero per essere davvero assistite.

Servirebbe maggiore fiducia; basta leggere i dati delle interruzioni di gravidanza, in continua diminuzione,  per capire quanto saggiamente le donne abbiano usato la legge. Del resto abbiamo tanto parlato di sanità territoriale, come si può pensare che ambulatori e consultori, che sono un luogo essenziale per la prevenzione, la promozione della salute riproduttiva femminile e il sostegno alle scelte delle donne nella procreazione, non le seguano poi nel loro percorso! E poi operatori e utenti valuteranno insieme come procedere. Nessuna sarà costretta.

Ma alla destra questo non va bene.

Nonostante le evidenze scientifiche e l’esperienza della stessa regione Piemonte – dove l’aborto farmacologico, sicuro e meno invasivo di quello chirurgico,  è usato nel 47% dei casi, mentre in Italia la media è del 22% – e di tanti paesi europei.

Una furia distruttrice dell’esperienza già in corso e di quello che avviene nella realtà, dove anche nelle regioni in cui il ricovero di tre giorni era obbligatorio, tre donne su quattro firmavano per le dimissioni volontarie.  La destra è mossa da una motivazione puramente ideologica, si tratta di una scelta che nulla c’entra con la promozione della salute delle donne e che al contrario dimostra assenza di rispetto per la loro coscienza. Un attacco all’autodeterminazione delle donne, che magari si nasconde dietro candidature femminili, come in Toscana,  ma che alla fine mostra sempre la sua vera natura: la messa in discussione della nostra autonomia e dei nostri diritti. Non lasciamo che altre regioni progressiste, come la stessa Toscana, ma anche le Marche o la Puglia, seguano questo corso. Il 20 e 21 votiamo ovunque per i candidati che sono dalla parte delle donne e delle persone.

Più letti

La “lotta nel fango” imposta da Trump che favorisce Biden

Il primo dibattito presidenziale tra Donald Trump e Joe Biden ha mostrato l’atipicità di questa campagna elettorale in cui anche le forme...

Produttività e flessibilità del lavoro, un legame complesso da valutare con attenzione

Dall’inizio del XXI secolo, la maggior parte dei paesi dell’area OCSE ha registrato una riduzione del tasso di crescita della produttività del...

Recovery Fund. L’aumento dell’occupazione femminile come grande obiettivo nazionale

Come mettere al centro del futuro del Paese e del Recovery Fund, l’occupazione femminile? E soprattutto quali sono i motivi di questa...

“Sprecare sempre meno cibo: il futuro passa da qui”. Colloquio con Andrea Segrè

Oggi si celebra la prima giornata internazionale della Consapevolezza sulle perdite e gli sprechi alimentari, istituita a fine 2019 dalle Nazioni Unite.

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...