martedì 20 Ottobre 2020

Il lockdown sta alla collettività come la terapia intensiva sta al singolo
I

Il lockdown e la terapia intensiva, alla fine, sono due facce della stessa medaglia e entrambi rappresentano un mancato funzionamento di tantissimi step precedenti.

Per capire il senso della terapia intensiva non pensiamo al virus, pensiamo a qualcosa di più semplice da capire come un incidente stradale: se una persona finisce in terapia intensiva in seguito a un incidente significa che ci sono tantissimi passaggi precedenti che non hanno funzionato. La sicurezza della strada, i sistemi attivi e passivi dell’auto, l’illuminazione, l’attenzione dei singoli guidatori ecc. Forse, correggendo anche solo un passaggio di questi citati, la persona non sarebbe finita in terapia intensiva.

Questo per fare capire che sono tantissimi i punti su cui agire prima di ricorrere alle cure intensive. E sono tutti punti che un sistema sanitario deve considerare, migliorare e ritenere come cruciali per la salute collettiva. Perché credo che chiunque – anche presumendo che poi vada tutto bene – vorrebbe evitare di essere intubato.

Sì ma perché tutto questo ragionamento?

Perché troppo spesso leggo e sento che la presenza di meno ricoveri in terapia intensiva e la minore mortalità sono indici di una patologia meno aggressiva e quindi della possibilità di abbassare la guardia.

Ecco, purtroppo non è così. I minori ricoveri in terapia intensiva sono dovuti a varie cause, tra cui quella di avere un servizio sanitario più preparato che identifica i positivi prima, li isola, li cura subito e fa in modo che non vengano a contatto con persone fragili. Anche qui mi rifaccio all’esempio dell’incidente stradale: da quando sono obbligatorie le cinture di sicurezza è diminuita la mortalità sulla strada. Ecco, questo dovrebbe farci pensare “ah ok, siccome si muore di meno possiamo togliere le cinture”? Direi proprio di no.

È proprio perché ci sono i sistemi di sicurezza che la mortalità è diminuita, così come è proprio perché stiamo più attenti che i ricoveri per covid sono di meno. Non al contrario, come tanti ragionano, che siccome tutto sta diminuendo allora in questo periodo stiamo eccedendo nella prevenzione.

E il lockdown?

Il lockdown per la collettività, come la terapia intensiva per il singolo, significa che diversi passaggi precedenti non hanno funzionato. Significa che non si è riusciti a controllare il contagio con le misure preventive, che si è abbassata la guardia, che le regole non sono state rispettate e che non c’è altro modo, se non quello di chiudere tutti in casa, per controllare il contagio. Un fallimento per tutti, cittadini e istituzioni.

Prima di prendere come parametro positivo la riduzione di pazienti in terapia intensiva, cerchiamo di capire il perché di questo dato. E capiamo che è proprio perché stiamo usando alcune accortezze che questo si verifica. Così come, prima di chiederci se ci sarà o no un secondo lockdown, capiamo quali sono i comportamenti da tenere tutti – come singoli e come istituzioni che hanno il compito di garantire la prevenzione sanitaria – per non arrivarci: rispettare le regole da un lato, arrivare pronti e con una seria pianificazione dall’altro.

È più elementare di quanto si creda, forse. Almeno in teoria. E se disgraziatamente ci ripiomberemo – nel lockdown e con le terapie intensive piene – non crediamo che sia solo per una ritrovata aggressività del virus, che dagli studi è più o meno la stessa anche ora.


Alessandro De Bernardis è un Consigliere comunale del Pd di Bergamo

Più letti

Attilio Fontana, il ‘front office’ della Lega in Lombardia

È così che Nino Caianiello, chiama Attilio Fontana: il front office, un politico che mette la faccia su decisioni di altri. Una...

Manovra espansiva da 39 miliardi: l’Italia torna protagonista

La manovra finanziaria per il 2021 vale 39 miliardi. È una manovra espansiva, che si aggiunge a quelle varate nei mesi scorsi,...

Dalla destre solo menzogne e fake news: difendiamo la legge contro l’omotransfobia e la misoginia

Sabato scorso, esattamente mentre le sessanta piazze #DALLAPARTEDEIDIRITTI in tutta Italia si riempivano per sostenere la legge contro l’omotransfobia e la misoginia...

L’Italia e il Covid, tutte le misure del nuovo dpcm

La stretta è arrivata, anche se meno forte di quanto si era ipotizzato alla vigilia. E come era forse inevitabile, il nuovo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...