martedì 20 Ottobre 2020

Non negatemi l’entusiasmo della politica
N

In questi giorni sui miei profili social ho esposto alcuni ritagli di giornale che si focalizzavano sul mio aspetto esteriore nonostante io fossi impegnata in una dura campagna elettorale nella città di Trento. Non li ho commentati perché si commentano da soli o almeno spero per il senso comune.

L’ho fatto per mostrare a che livello di pochezza può arrivare l’informazione nel nostro Paese, tralasciando tutti i commenti pesanti e sessisti che sono stati affibbiati alla mia persona e che ne sono seguiti.

Ho preferito restare in silenzio durante la campagna elettorale perché ero impegnata a parlare con le persone al posto di rispondere a queste manifestazioni sessiste.

Avrei preferito che si fosse parlato del mio trascorso politico, della mia battaglia per i diritti, del mio volontariato ed il mio impegno per il sociale, per la legalità e del mio attivismo non solo per la città di Trento, ma anche per la mia città natale, Portici. Non è degno di attenzione questo forse, ma sono una semplice militante e dò il mio contributo come tanti nella misura in cui riesco e con gli strumenti che ho a disposizione.

Ringrazio le persone che mi hanno mostrato vicinanza e che conoscono la mia distanza da queste giornalate di bassa lega. In queste ore di riflessione il mio pensiero non è rivolto solo a me, che non mi lascio scalfire da questi commenti e da questo modo di fare giornalismo, ma il mio pensiero va alle tante ragazze che si
impegnano in politica per la prima volta e che magari si vedono svilite da certi pregiudizi che non vanno ad approfondire la persona né i motivi per cui combatte una determinata causa.

Ho pensato che le persone più fragili possono inibirsi o bloccarsi di fronte a questi approcci così superficiali ed offensivi, per questo ho sentito di rispondere a ciò che forse non meriterebbe risposta.

Alle giovani donne come me, a loro nel mio piccolo perché che come me saranno alle prime esperienze politiche, sento di dire di non farsi rallentare da questa melma che ti viene buttata addosso e di preservare sempre puro il proprio slancio e la passione per la politica. La politica è sacrificio per gli altri, movimento, azione, vita. Non facciamo smorzare da loro i nostri ardori giovanili. Una società che si rifiuta di cambiare in questo, è una società da cambiare! Sopportare questo a volte è difficile perché è inopportuno, perché non si viene presi sul serio e perché non si
viene realmente ascoltati rispetto al proprio attivismo e alle battaglie quotidiane che si portano avanti . Sempre a loro e a me stessa, sento di dire di non negarci mai l’entusiasmo per cambiare tutto questo e di combattere anche per coloro che non danno rilevanza alle parole e le usano con pressappochismo e volgarità,
perché è nelle parole che c’è la sostanza.

Una cosa è certa: queste cose non mi piegano ed andrò avanti comunque nel mio intento.


Vittoria De Felice è stata candidata nelle liste del Pd alle elezioni comunali di Trento ed è socia di InOltre Alternativa Progressista

Più letti

Attilio Fontana, il ‘front office’ della Lega in Lombardia

È così che Nino Caianiello, chiama Attilio Fontana: il front office, un politico che mette la faccia su decisioni di altri. Una...

Manovra espansiva da 39 miliardi: l’Italia torna protagonista

La manovra finanziaria per il 2021 vale 39 miliardi. È una manovra espansiva, che si aggiunge a quelle varate nei mesi scorsi,...

Dalla destre solo menzogne e fake news: difendiamo la legge contro l’omotransfobia e la misoginia

Sabato scorso, esattamente mentre le sessanta piazze #DALLAPARTEDEIDIRITTI in tutta Italia si riempivano per sostenere la legge contro l’omotransfobia e la misoginia...

L’Italia e il Covid, tutte le misure del nuovo dpcm

La stretta è arrivata, anche se meno forte di quanto si era ipotizzato alla vigilia. E come era forse inevitabile, il nuovo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...